F2 | GP Monaco 2022, Penalità Post-Qualifiche: Lawson penalizzato, Drugovich riprende la pole

Ordine di partenza rivoluzionato con Liam Lawson e Ayumu Iwasa che perdono il loro miglior tempo del Gruppo A, lasciando la pole a Felipe Drugovich. I due saranno arretrati anche nella griglia della Sprint Race.

Avevamo detto che si trattava di una pole position con il “giallo delle gialle” quella di Liam Lawson nelle qualifiche di F2 di Monaco. Così è stato, infatti il neozelandese, a causa del fatto di aver segnato il proprio miglior tempo sotto regime di bandiere gialle, ha perso la prima posizione e non solo. Stessa sorte anche per Ayumu Iwasa. Non mancano poi la multa a Trident, la reprimenda a Amaury Cordeel e la penalità Olli Caldwell.

MIGLIOR TEMPO SOTTO BANDIERA GIALLA

Tre erano i piloti sotto investigazione per aver registrato il loro miglior tempo nel frangente in cui Felipe Drugovich è finito a muro all’Anthony Noghes. Nello specifico parliamo di Liam Lawson – autore della pole position -, Ayumu Iwasa, che ha ottenuto il secondo miglior tempo, e Jack Doohan, che ha registrato il quarto riferimento.

In seguito all’analisi di quanto accaduto, i commissari hanno inflitto le penalità ai primi due piloti, eliminando anche il rispettivo miglior tempo.

Per quanto riguarda Lawson, non ha ridotto la velocità in modo significativo, dato che il microsettore di riferimento è risultato più lento di appena 12 millesimi rispetto al migliore ottenuto in quel punto. Inoltre, il neozelandese ha ammesso di aver visto le bandiere gialle e anche il pannello luminoso. Questo lo porterà a perdere 5 posizioni in griglia nella Sprint Race e due punti sulla patente.

La situazione di Iwasa è differente visto che il giapponese non ha ridotto la sua velocità anche perché, secondo quanto detto dal pilota DAMS, non ha visto né le doppie bandiere gialle, né i pannelli luminosi dei commissari. Per questo motivo, oltre a vedersi tolto il miglior tempo, Iwasa ha ricevuto una penalità di 10 posizioni nella griglia della Sprint Race e la decurtazione di tre punti dalla patente.

L’unico che invece ha rispettato il regolamento sotto bandiera gialla, non incorrendo in penalità e retrocessioni, è stato Jack Doohan. L’australiano ha ridotto in modo importante la velocità nei due microsettori presi in esame, perdendo almeno sette decimi rispetto ai suoi rilevamenti migliori. Inoltre il pilota della Virtuosi ha ammesso di non aver usato il DRS in uscita da curva 19, oltre a non aver sfruttato il cordolo in uscita dalla medesima zona.

PERSONALE SENZA CASCO IN TRIDENT

Sempre durante le qualifiche del Gruppo A, un meccanico della Trident di Calan Williams ha sostituito uno pneumatico sulla monoposto #21 non indossando il casco. Per questo, la FIA ha multato la squadra di mille euro, più altri 2000 in sospeso, nel caso la medesima violazione dovesse essere ripetuta nel corso di questa stagione da parte del team.

MANOVRA SCORRETTA DI CORDEEL IN PIT LANE

In questo caso, Amaury Cordeel, nel tentativo di rientrare sulla piazzola di sosta del suo team Van Amersfoort Racing, ha “invaso” lo spazio dedicato al box Charouz Racing System, andando anche a sfiorare la struttura che contiene le ali di ricambio della stessa squadra ceca. La FIA ha deciso di non infliggere alcuna penalità, né multa, ma solo una reprimenda al pilota belga visto che non è stata creata alcuna situazione di pericolo. Ricordiamo inoltre che Cordeel ha un solo punto sulla sua patente prima della squalifica per un evento.

IMPEDING DI CALDWELL A SATO

Mentre Olli Caldwell si trovava nel suo giro di lancio e Marino Sato in quello già cronometrato, l’inglese si è trovato a ostacolare il pilota giapponese tra curva 1 e 4. Ascoltando i due piloti è scaturito che quello della Campos pensava che anche l’avversario fosse sulla stessa strategia. Inoltre, nonostante Caldwell abbia avuto la possibilità di far passare Sato prima di curva 3, lo stesso non si è comunque fatto da parte.

Per questo la commissione gara ha deciso di penalizzare di tre posizioni Caldwell, togliendogli anche un punto dalla patente così che all’inglese ora ne rimangano solo due prima della squalifica.

SPEEDING IN PIT LANE E AMMISSIONE ALLA GARA DI VERSCHOOR

Nel corso della qualifica, Richard Verschoor si è reso protagonista per essere stato troppo veloce e troppo lento allo stesso tempo. Da un lato ha superato per ben due volte, di oltre 10 km/h, il limite di velocità in pit lane, per il quale però non ha subito alcuna penalità perché dei problemi all’impianto elettrico hanno minato il funzionamento del limitatore. Inoltre, l’olandese ha risposto cercando di dosare il gas per rimanere sotto la soglia limite imposta da regolamento.

La commissione gara ha inoltre ammesso il portacolori di Trident alle due corse di questo weekend dopo che lo stesso non era riuscito a effettuare nemmeno un giro cronometrato sotto il 107% a causa dei problemi riscontati.

RISULTATI UFFICIALI DEI DUE GRUPPI

F2 2022 - Monaco - Qualifiche
Risultati ufficiali delle Qualifiche A di Monaco in F2
F2 2022 - Monaco - Qualifiche
Risultati ufficiali delle Qualifiche B di Monaco in F2

Con questo, come detto, la pole position torna nelle mani di Felipe Drugovich, che guadagna altri due punti sull’avversario principale Théo Pourchaire che lo affiancherà in prima fila nella gara di domenica. Liam Lawson retrocede in terza posizione e Ayumu Iwasa in settima sempre per la Feature Race. Per quanto riguarda, invece, la Sprint Race di domani, a partire in pole position sarà Jake Hughes, affiancato da Dennis Hauger.

Immagine di copertina: FIA Formula 2 / Formula Motorsport Limited

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS