F2 | GP Italia 2022, Sprint Race: trionfo di Vips, ritiro di Drugovich che vince il titolo

Marco Colletta - 10 Settembre 2022 - 19:25

Primo successo stagionale di Jüri Vips che regala il quarto successo ad Hitech. Drugovich ritirato al primo giro dopo un contatto con Cordeel, ma il pasticcio di Pourchaire gli regala il titolo con tre gare di anticipo.

Con tre gare di anticipo si è conclusa la lotta per il titolo 2022 di F2 con Felipe Drugovich che è stato incoronato campione, il primo brasiliano a riuscirci nella categoria. Un successo arrivato nonostante il ritiro del primo giro per un contatto al primo giro con Amaury Cordeel all’uscita della Roggia. Théo Pourchaire ha tentato una rimonta forzata, ma un altro contatto a metà gara lo ha rispedito sul fondo, consegnando così il titolo al brasiliano di MP Motorsport, team che ottiene il suo primo alloro riservato ai piloti.

La gara è invece andata a Jüri Vips alla prima affermazione stagionale, la terza nel corso della sua carriera in F2. Dietro di lui Frederik Vesti, partito dalla prima posizione, e Jehan Daruvala che rialza un po’ il morale dopo un periodo buio pieno di risultati altalenanti e spesso al di fuori della zona punti.

CRONACA DELLA GARA

Allo spegnimento dei semafori una pessima partenza di Logan Sargeant, che ha perso tre posizioni scivolando dalla seconda alla quinta piazza. A centro gruppo l’evento che avrebbe potuto stravolgere le sorti della gara e rilanciare la lotta al campionato. Felipe Drugovich, alla ricerca di posizioni dopo la penalità in griglia, ha tentato di superare Amaury Cordeel all’esterno della Roggia, ma il belga ha spinto fuori il brasiliano innescando un contatto che ha portato alla rottura della sospensione anteriore destra del pilota di MP Motorsport. Il #11 è riuscito a rientrare ai box ma è stato poi costretto al ritiro.

Poco dietro a questo gruppo, un altro contatto tra Tatiana Calderón e Oliver Caldwell alla Prima Variante ha obbligato i commissari a chiamare la Safety Car in pista per un paio di tornate.

La ripartenza ha dato a Vips l’occasione di prendere la prima posizione di Vesti, con l’estone che si è portato davanti al danese alla Prima Variante, ottenendo la leadership mai più messa in discussione. Dietro di loro Sargeant ha preso la quarta posizione a svantaggio di Daruvala, mentre Pourchaire ha iniziato la rimonta salendo in P13 e passando Sato.

Alla Variante Ascari, il francese si è sbarazzato anche di Boschung per la dodicesima piazza, mentre poco dopo ha passato anche Cordeel tra la Roggia e la Lesmo 1, dopo che anche il pilota ART è entrato in contatto – ma senza danni – con il pilota che ha messo fuori gioco il suo avversario in campionato.

Il settimo giro ha visto una piccola toccata tra Novalak e Boschung alla Roggia, con il francese che più di tutti ha pagato le conseguenze con una ruota danneggiata e l’ala anteriore staccata. I due sono rientrati ai box, ma sono stati entrambi costretti al ritiro.

Due giri più tardi ancora azione in pista con Verschoor che ha provato l’attacco su Armstrong, ma rimanendo alle spalle del neozelandese, mentre alla decima tornata è andata a buon fine il sorpasso di Daruvala su Iwasa per la terza posizione. Da questo momento, il giapponese è entrato in una spirale negativa che l’ha risucchiato in fondo, infatti all’undicesimo giro è stato passato anche da Sargeant.

Al giro 12 Verschoor ha riprovato l’attacco su Armstrong, questa volta riuscendo a prendersi la sesta posizione, con il pilota di Hitech che ha tentato di recuperare quanto perso, ma vanamente. L’olandese si è poi portato addosso a Iwasa un paio di tornate dopo, cercando di prendersi la sua quinta posizione. Il nipponico ha però tagliato la Prima Variante, restando al suo posto. Dietro di loro, Pourchaire ha finalmente rotto gli indugi dopo aver trascorso quasi 10 giri alle spalle di Lawson, ma i due sono entrati in contatto.

Il neozelandese ha poi chiuso la porta al francese, facendo scivolare quest’ultimo in fondo al gruppo e mettendo così fine alle sue speranze iridate.

Un giro più tardi Verschoor ha ripetuto la mossa su Iwasa e anche questa volta il giapponese ha tagliato nuovamente la chicane. Per questo motivo, i commissari hanno deciso di infliggergli una penalità di 5 secondi per non aver rispettato più volte la traiettoria di gara alla prima curva.

L’olandese era comunque riuscito a sopravanzare l’asiatico che, a sua volta, è stato superato anche da Armstrong e Doohan nel corso del sedicesimo giro, con questi due saliti rispettivamente in sesta e settima piazza.

Gli stessi sono poi stati protagonisti di una sfida al giro 19 con l’australiano che ha provato a superare il neozelandese alla Prima Variante. Il bloccaggio e conseguente lungo del pilota della Hitech ha impedito al figlio del campione del mondo di classe 500 di prendere la posizione, ma lo ha anche condotto a lasciare strada all’altro neozelandese: Liam Lawson salito così in settima posizione.

Oltre al danno, pure la beffa, con Théo Pourchaire ritenuto – a fine gara – responsabile del contatto in curva 1 con Lawson. Il pilota francese è stato penalizzato di 5 secondi per questa motivazione, finendo così per chiudere la gara all’ultimo posto.

Dopo 21 giri, Vips è transitato per primo sotto la bandiera a scacchi, precedendo Vesti e Daruvala che hanno chiuso a podio con l’estone. Quarto posto per Sargeant, seguito da un ottimo Verschoor, quindi Armstrong, Lawson e Doohan a chiudere la zona punti. Beckmann e Hauger hanno invece portato le rispettive vetture in nona e decima posizione.

F2 2022 - Italia - Sprint Race. Vince Vips, Drugovic campione
Classifica provvisoria della Sprint Race di F2 a Monza, vinta da Vips. – Copyright: FIA Formula 2 – Formula Motorsport Limited


Immagine di copertina: FIA Formula 2 – Twitter / Formula Motorsport Limited