F2 | GP Belgio 2022, Sprint Race: Lawson imprendibile, Drugovich quarto dopo la sosta

F2
Marco Colletta - 27 Agosto 2022 - 19:35

Liam Lawson vince per la terza volta in questa stagione di F2 davanti a un ottimo Jack Doohan. Quarto posto per Felipe Drugovich che allunga su Théo Pourchaire grazie alla sosta durante la Safety Car.

Nessuno più veloce di lui. È Liam Lawson il vincitore della Sprint Race di F2 in Belgio. Il pilota neozelandese, dopo una partenza fulminante con tanto di escursione sull’erba, è andato subito all’attacco della prima posizione dopo le prime curve, per poi mettersi davanti a tutti dal secondo giro. Una volta salito in cattedra, il pilota della Carlin ha lasciato le briciole agli avversari aumentando il gap di giro in giro con un ritmo insostenibile per gli altri.

Seconda posizione per Jack Doohan, anche lui tra i migliori sin dalla partenza, il quale ha preso la piazza d’onore all’ultimo giro su Ralph Boschung, che nulla ha potuto nelle fasi finali caratterizzate dal degrado gomme. Quarto è il leader della classifica Felipe Drugovich che, sfruttando la Safety Car a metà gara, ha cambiato le gomme e ha rimontato a punto tale da superare Théo Pourchaire che lo precedeva prima della neutralizzazione.

CRONACA DELLA GARA

Prima ancora dello spegnimento dei semafori, il primo grande evento che ha segnato questa gara è stato il ritiro di Jehan Daruvala durante il giro di allineamento. L’indiano ha accusato un problema alla pompa della benzina della sua Prema, non riuscendo così a schierarsi sulla griglia e lasciando vuota la seconda casella dello schieramento.

Allo spegnimento dei semafori ottima partenza da parte di Ralph Boschung che ha mantenuto la prima posizione, ma ancora meglio hanno fatto Liam Lawson, che si è sbarazzato di Théo Pourchaire e Richard Verschoor passando sull’erba a ridosso del muretto dei box, e Jack Doohan che ha scavalcato David Beckmann. Ottimo scatto anche per Felipe Drugovich che ha subito guadagnato alcune posizioni nei primi metri, arrivando alla sesta piazza in fondo al rettilineo del Kemmel.

Ed è proprio in questo punto che Lawson ha tentato il primo attacco ai danni di Boschung, con lo svizzero che però è riuscito a mantenere la propria piazza. Dietro di loro, invece, Doohan ha provato a riportarsi in terza posizione, ma è rimasto dietro a Verschoor, mentre Pourchaire è scivolato in quinta piazza, appena davanti a Drugovich.

È nella seconda tornata, sempre nello stesso punto, che Lawson si è portato in prima posizione, lasciandosi alle spalle la Campos una volta per tutte. Il neozelandese ha messo tra sé e l’avversario un secondo di margine in poco meno di un giro. Ci ha impiegato sei giri, invece, Doohan per prendersi la terza posizione di Verschoor, il quale ha poi dovuto fare spalle larghe per difendere la posizione da Pourchaire per tutta la gara.

Il francese ha provato il primo attacco alla Bus Stop all’ottavo giro, ma ha bloccato la gomma anteriore sinistra, perdendo lievemente contatto dall’olandese e ritrovandosi subito Drugovich alle spalle. Il pilota di ART è comunque riuscito a ricucire subito il gap che si era creato con il portacolori di Trident, ma non riuscendo mai a chiuderlo del tutto.

All’undicesimo giro l’evento che ha rimescolato le carte: Logan Sargeant ha perso il posteriore della sua vettura in percorrenza di Pouhon, finendo così in testacoda e quindi contro le barriere fuori dalla pista. Lo statunitense è uscito illeso dal botto, ma i commissari sono stati comunque costretti a far entrare la Safety Car in pista per rimuovere la sua vettura.

Questo ha portato tanti piloti, tra cui Drugovich, a rientrare ai box. Oltre al brasiliano figurano anche Hauger, Nissany, Vesti, Cordeel, Sato, Zendeli e la Calderon. Il leader della classifica è così scivolato dalla sesta alla dodicesima posizione, trovandosi alle spalle del compagno di squadra Clément Novalak.

La neutralizzazione è durata appena tre giri con la bandiera verde che è tornata a sventolare alla quindicesima tornata. Se sbarazzarsi del compagno di squadra è stato semplice, non si può dire lo stesso per quanto riguarda Vips. Il sudamericano ha provato a passare l’estone all’esterno di Les Combes, finendo dritto e tagliando la curva. Drugovich doveva quindi far ripassare l’avversario, ma l’arrivo di Hauger alle spalle del pilota Hitech ha complicato le cose, facendo perdere tempo al brasiliano.

Alla fine Drugovich è riuscito a far ripassare Vips alla Speaker’s Corner, ma è poi andato a riprendersi la piazza all’ingresso della Campus. All’inizio del sedicesimo giro era già nono, mentre all’inizio del successivo si trovava in sesta (la stessa posizione che aveva prima della sosta, ndr). È al termine di questa tornata, alla Bus Stop, che il pilota di MP si è sbarazzato di Pourchaire salendo in quinta piazza.

Nell’ultimo giro, sul rettilineo del Kemmel, Doohan si è preso il secondo posto ai danni di un Boschung ormai incapace di trattenere la velocità dell’australiano, mentre Drugovich ha conquistato il quarto posto di Verschoor nella discesa di Bruxelles.

Dopo 18 giri, Lawson ha ottenuto il terzo successo stagionale, vincendo in solitaria davanti a Doohan e Boschung che è riuscito a tornare a podio per la prima volta dalla Feature Race di Imola. Quarto posto per Drugovich che guadagna altri punti su Pourchaire che non è andato oltre il sesto; tra i due si è piazzato Verschoor. Armstrong e Beckmann chiudono la zona punti.

CLASSIFICA PILOTI E RISULTATI GARA

La classifica piloti vede ancora Drugovich saldamente in testa con 187 punti, 25 in più di Pourchaire. Sargeant e Fittipaldi restano fermi in terza e quarta posizione rispettivamente con 119 e 100 punti, mentre con il successo e il giro veloce Lawson si è portato a una lunghezza dal brasiliano di Charouz.

F2 | GP Belgio 2022, Sprint Race: Lawson imprendibile, Drugovich quarto dopo la sosta
Risultati provvisori della Sprint Race di F2 in Belgio vinta da Liam Lawson – Copyright: Formula 2 – Formula Motorsport Limited

La F2 torna in pista domani mattina con la Feature Race che prenderà il via alle 10:20 e vedrà il leader della classifica Felipe Drugovich scattare davanti al connazionale Enzo Fittipaldi e al resto del gruppo.

Immagine di copertina: FIA Formula 2 – Formula Motorsport Limited