F2 | GP Bahrain 2021, Sprint Race 1: Lawson vince la prima gara della stagione

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Con un incredibile scatto al via, Liam Lawson ha preso la prima posizione e la vittoria della prima corsa in Bahrain

Questa mattina a Sakhir, in Bahrain, è andata in scena la prima delle tre gare previste dal nuovo format di Formula 2. Una sprint race che ha visto Théo Pourchaire partire davanti a tutti, ma non sfruttare al meglio la propria posizione al via. Ad approfittarne non è stato David Beckmann, scattato al suo fianco, ma Liam Lawson che addirittura partiva dalla terza posizione.

Il neozelandese della Hitech Grand Prix si è quindi portato davanti a tutti prima ancora di giungere in curva 1. La partenza è stata abbastanza regolare, con qualche avvicendamento nel gruppo tra cui lo scambio di posizioni tra Oscar Piasti e Jehan Daruvala per il quarto posto.

I primi scossoni alla classifica sono arrivati nel corso del secondo e terzo giro. In curva 1 Richard Verschoor è finito in testacoda dopo essere stato tamponato da Dan Ticktum, giunto troppo lungo alla prima staccata. Ripresa la corsa, mentre l’olandese è stato costretto a tornare ai box e quindi abbandonare anticipatamente la gara, l’inglese ha subìto una penalità di cinque secondi.

Sono stati dei problemi, invece, a far terminare anzitempo la corsa di Marcus Armstrong che ha dovuto parcheggiare la sua Dallara poco dopo curva 1. Un’improvvisa perdita di potenza che ha portato Ralph Boschung a tamponare la vettura della DAMS e quindi a ritirarsi una decina di curve più avanti. Tutte queste vetture ferme in mezzo alla pista hanno costretto i commissari a far intervenire la Virtual Safety Car, anche se per un breve periodo di tempo.

Alla ripresa più scambi di posizione tra Lirim Zendeli e Roy Nissany per la decima posizione, mentre Dan Ticktum ha sopravanzato Guanyu Zhou per l’ottava piazza. La VSC ha pagato, in negativo, per Guilherme Samaia che ha ricevuto 5 secondi di penalità per aver commesso un’infrazione, legata all’articolo 42.5, durante il periodo di neutralizzazione.

Vettura di sicurezza virtuale che è “tornata in pista” al tredicesimo passaggio per un problema tecnico sulla vettura di Théo Pourchaire, costretto a parcheggiare la sua vettura, proprio mentre occupava la seconda piazza in gara. Questa volta, invece, Samaia ha sfruttato meglio la neutralizzazione per sferrare l’attacco e prendersi la nona posizione ai danni di Lirim Zendeli.

Alla sedicesima tornata Oscar Piastri ha sopravanzato Christian Lundgaard riprendendosi la quinta posizione, finendo per avvicinarsi poi al compagno di squadra Robert Shwartzman nei giri successivi, ma senza avere la possibilità di sopravanzarlo. Al giro 17, invece, si è infiammata la lotta per la vittoria con Liam Lawson finito lungo in curva 8, il quale ha permesso al compagno di Academy, Jehan Daruvala (entrambi appartengono al Red Bull Junior Team, ndr), di rifarsi sotto. L’indiano è rimasto costantemente sotto il secondo dal neozelandese, senza avere mai la possibilità di tentare un sorpasso.

Negli ultimi cinque giri le posizioni sono rimaste congelate ad esclusione di alcuni sorpassi e controsorpassi tra Vips e Viscaal a centro gruppo e la conclusione dell’inseguimento di Felipe Drugovich al resto del gruppo. Il brasiliano, infatti, era stato costretto a rientrare ai box con l’ala danneggiata al termine del primo giro, a causa di un contatto non ben definito. Il pilota dalla UNI-Virtuosi ha girato costantemente due o tre secondi più veloce di Gianluca Petecof e Alessio Deledda per tutta la gara. Ha sopravanzato il connazionale all’inizio dell’ultimo giro e quindi l’italiano all’ultima curva prima del traguardo. Il pilota romano, che aveva conservato la sedicesima piazza fino all’ultimo giro, si è ritrovato ultimo sul traguardo.

La classifica finale della gara vede quindi Liam Lawson primo vincitore della stagione davanti a Jehan Daruvala. Ben distante David Beckmann, giunto sul terzo gradino del podio, a oltre 14 secondi dal vincitore.

Seguono Shwartzman e Piastri sulle due Prema, quindi Lundgaard e Zhou con il cinese ha guadagnato il settimo posto grazie alla penalizzazione di Ticktum, scivolato in ottava piazza. Anche Zendeli, Vips e Viscaal hanno approfittato della penalità a Samaia per guadagnare un posto in classifica, con i primi due a chiudere la zona punti. Matteo Nannini è il primo degli italiani con il 14° posto, mentre il team-mate Alessio Deledda chiude la classifica.

Questo pomeriggio alle 17:40 la seconda sprint race del week-end con Juri Vips e Lirim Zendeli a formare la prima fila dello schieramento di partenza.

Classifica finale della Sprint Race 1 di Formula 2

Immagine di copertina: Twitter / Hitech GP

Avatar of Marco Colletta
Marco Colletta
Classe '96, laureato in Comunicazione e Media Contemporanei. Sono nato a Nardò e vivo a Carpi, quindi sin dal primo secondo ho sempre avuto qualcosa a che fare con i motori. Scrivo da quando avevo 16 anni e da allora non ho più smesso. Nei miei racconti cerco sempre di trasmettere tutta la mia passione per il motorsport.

P300 MAGAZINE

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE