F2 | GP Abu Dhabi: Ghiotto lascia con una vittoria, Latifi vice-campione

F2
GP Abu Dhabi: Ghiotto lascia con una vittoria, Latifi vice-campione

Il pilota italiano ha ragione di Câmara, terzo in gara. De Vries ancora fuori dai punti di 01 Dicembre 2019, 12:02

Si è conclusa con una vittoria la carriera in F2 (e in monoposto) di Luca Ghiotto. Il pilota italiano si è aggiudicato la sprint race di Abu Dhabi conquistando così la quarta vittoria di questa stagione non troppo fortunata, che lo vede comunque al terzo posto in classifica finale. Una gara perlopiù incentrata sulla gestione gomme e che ha regalato ben poche emozioni, con un passo piuttosto lontano dai riferimenti assoluti sul giro più veloce.

Liberatosi di Nicholas Latifi già al via, Ghiotto ha quindi dovuto compiere un solo sorpasso per poter acciuffare la prima posizione, quello sul poleman Giuliano Alesi arrivato all'ottavo giro. Una vittoria che non ha permesso al pilota del team Virtuosi di aggiudicarsi il secondo posto nella generale poiché Latifi ha centrato il secondo posto con tanto di giro più veloce; sufficiente invece per il terzo posto, con Sérgio Sette Câmara salito sul gradino più basso del podio odierno ma incapace di difendere i due punti di vantaggio sul vicentino.

Una bella rimonta, comunque, per il brasiliano del team DAMS: partito ottavo a seguito della vittoria di ieri, Câmara ha risalito la classifica fino a raggiungere il podio al penultimo passaggio ai danni di Callum Ilott. In ottica 2020, l'ex pilota Red Bull potrebbe essere uno dei principali candidati al titolo cadetto per esperienza e costanza di rendimento, anche se la concorrenza sarà molto più agguerrita di quest'anno.

Quarto posto per Ilott, che avrebbe avuto bisogno di un secondo posto o di un terzo con giro più veloce per rientrare nella top ten di campionato ma ha fallito l'obiettivo. Alesi è scivolato invece in quinta posizione, che resta comunque il suo miglior risultato di questa stagione di debutto in F2 iniziata nelle retrovie e conclusa in crescendo.

La lotta tra le Carlin di Louis Délétraz e Nobuharu Matsushita, remake della feature race di ieri, ha visto stavolta lo svizzero prevalere sul giapponese per il sesto posto. Délétraz è rimasto nella scia del compagno di squadra per quasi tutta la gara, riuscendo a beffarlo nel finale. Zona punti completata da Guanyu Zhou, il quale ha approfittato delle penalità di cinque secondi inflitte a Jack Aitken e Mick Schumacher. Proprio nel corso dell'ultimo giro Aitken aveva strappato a Schumacher l'ottava posizione, ma è stato retrocesso in decima per avere tagliato una chicane traendone vantaggio mentre il figlio d'arte è scivolato 11° per un'infrazione in regime di virtual safety car. In top ten è quindi risalito Jordan King, nono.

Buon 12° il debuttante Christian Lundgaard, un altro dei principali candidati ad un sedile in questa categoria per il 2020, davanti al campione Nyck de Vries. Un weekend quasi da vacanza per l'olandese, che saluta la F2 con due 13esimi posti al termine di una stagione gestita per larghi tratti a proprio piacimento.

Da segnalare infine il contatto tra russi che ha messo fine alla gara di Matevos Isaakyan al 19° giro, causando una virtual safety car, per mano di un Nikita Mazepin decisamente falloso e successivamente penalizzato di dieci secondi. Ritirati per problemi tecnici anche Sean Gelael ed Artem Markelov, mentre il "non-squalificato" Mahaveer Raghunathan ha portato a casa un 15° posto davanti a Marino Sato.

La stagione 2019 della F2 si conclude con de Vries campione a quota 266 punti, mentre Latifi vince la lotta per la seconda piazza con 214 precedendo Ghiotto a 207 e Câmara a 204. La classifica squadre va al team DAMS, nell'anno della scomparsa del co-fondatore Jean-Paul Driot, con 418 punti contro i 347 del team Virtuosi e i 277 della ART, solo terza a causa della profonda disparità tra de Vries e Mazepin.

Il campionato cadetto 2020 prenderà il via, come ormai consuetudine, con il Gran Premio del Bahrain nel weekend del 22 marzo.

Classifica di gara:

Campionato piloti:

Campionato squadre:

Immagine copertina: fiaformula2.com



Condividi