F2 / F3 | GP Italia 2022, Statistiche: Drugovich primo brasiliano vincente da Junqueira in F3000, record di piloti nella categoria minore

Marco Colletta - 15 Settembre 2022 - 12:00

Anche per F2 e F3 si conclude l’intenso triplo back-to-back che dal Belgio ci ha condotti in Italia passando per i Paesi Bassi. In entrambi i casi abbiamo visto un nuovo campione di categoria ma, se dal lato della categoria cadetta manca ancora un weekend di gara ad Abu Dhabi, quella di inserimento nel panorama F1 ha chiuso qui la sua stagione. Vediamo però quali sono i numeri di questo fine settimana italiano.

F2

Nella giornata di venerdì, al termine delle qualifiche, è arrivata la terza pole position stagionale per Jack Doohan e la quarta partenza dalla prima fila per il pilota australiano, che eguaglia dunque quelle ottenute da Jüri Vips e Felipe Drugovich.

Seconda posizione per Liam Lawson che ha ripetuto la sua miglior qualifica stagionale già ottenuta in Azerbaijan. Quarto è invece Felipe Drugovich che ha eguagliato le dieci partenze consecutive in Top10 ottenute da Vips a inizio stagione.

Con l’undicesimo posto, David Beckmann ha pareggiato il miglior risultato che aveva conquistato in Emilia Romagna, ma al volante della Charouz. Peggior qualifica stagionale, invece, per Dennis Hauger che non è andato oltre il 19° posto. Come lui anche Clément Novalak con il 21° posto.

La Sprint Race ha visto la prima vittoria stagionale di Jüri Vips che è giunto al terzo successo in categoria. L’ultimo risaliva all’Azerbaijan 2021 dove aveva ottenuto il trionfo sia nella seconda Sprint che nella Feature Race. È la decima vittoria di Hitech nella categoria, con Vips che diventa il pilota più vincente della squadra inglese insieme al compagno di squadra Marcus Armstrong a quota 3.

Secondo posto per Frederick Vesti che ha ottenuto il terzo podio della stagione. Dietro di lui Jehan Daruvala ha invece conquistato il settimo. Al quarto posto Dennis Hauger che ha ricevuto anche il punto addizionale del giro più veloce, il terzo in questo 2022.

Tredicesimo posto per Luca Ghiotto al ritorno in categoria dopo due anni. È la terza volta che finisce fuori dai punti nella gara di casa dopo il 15° posto del 2019 e il 16° del 2020.

Terzo ritiro consecutivo per Tatiana Calderón che è anche la prima a non chiudere una gara per tre volte di fila in questa stagione. Parlando di ritiri, gara finita in anticipo pure per Felipe Drugovich che interrompe una striscia di 15 corse consecutive al traguardo.

Nonostante il ritiro, il brasiliano è diventato campione di F2 2022. È il secondo sudamericano a riuscirci dopo Pastor Maldonado nel 2010. È invece il primo brasiliano ad archiviare il titolo nella categoria cadetta da Bruno Junqueira in International Formula 3000 nel 2000.

Il pilota MP Motorsport (il primo a conquistare il titolo con la squadra olandese) è il sesto ad archiviare le pratiche con almeno 3 gare di anticipo. Prima di lui abbiamo visto:

  • Romain Grosjean nel 2011
  • Fabio Leimer nel 2013
  • Jolyon Palmer nel 2014
  • Stoffel Vandoorne nel 2015 (vinse il titolo con 4 gare di anticipo)
  • Charles Leclerc nel 2019
  • Nyck de Vries nel 2019.

Con il doppio ritiro di Campos si interrompe anche la striscia di 114 gare consecutive sempre al traguardo per il team spagnolo, iniziata nella Feature Race di Azerbaijan 2018. Era la più lunga in attivo.

Alla conclusione della Feature Race è arrivata la prima vittoria stagionale di Jehan Daruvala, la terza in categoria. È la 38esima per Prema con l’indiano che ne diventa il decimo pilota a vincere con la squadra in F2.

Secondo posto per Frederik Vesti che agguanta il quinto stagionale e per la prima volta nel 2022 chiude entrambe le corse di un weekend in Top3. Terzo posto per Enzo Fittipaldi che invece ha ritrovato il podio per la prima volta dalla Feature Race dell’Ungheria. Per lui è il sesto in questa stagione ed è anche quello che ne ha conquistati di più quest’anno senza ancora ottenere un successo.

Quinta posizione e miglior risultato stagionale per David Beckmann. Con il settimo posto di Amaury Cordeel, Van Amersfoort Racing ottiene punti da entrambe le macchine in una singola gara dall’ingresso in F2.

Richard Verschoor ha ottenuto il giro veloce per la terza volta nel corso di questa stagione. Per Trident è il 19° in categoria, il 5° dall’istituzione della F2.

Anche in questa gara doppio ritiro da parte della Campos che riscrive una statistica di otto anni fa. Era dal GP d’Ungheria 2015 che un team non chiudeva entrambe le corse con nemmeno una vettura. Accadde alla Trident che collezionò 3 ritiri e un DNS. L’ultimo doppio ritiro in entrambe le gare fu invece della Rapax addirittura nel GP del Belgio 2011.

F3

In qualifica è giunta la seconda pole position stagionale di Alexander Smolyar nonché la terza per MP Motorsport che va a eguagliare le tre ottenute da Trident nel 2022. Per il russo si tratta anche della terza in F3 che lo porta ora a essere il pilota russo con più pole, superando le due di Daniil Kvyat e Robert Shwartzman. Questa è anche la quinta pole per la Russia dal cambio di categoria in F3.

Secondo posto per Zane Maloney che archivia la quarta prima fila consecutiva e quinta in stagione su nove gare. Nessuno ne ha ottenute più di lui. Quinto, sesto e ottavo posto, invece, per le tre Prema che tornano tutte e tre in Top10 insieme per la prima volta dal GP d’Ungheria. Questa è la prima stagione in cui la squadra di Grisignano non ha portato a casa nemmeno una pole. Con vetture di F3 non accadeva dalla stagione 2008 della F3 Euro Series. Nelle categorie propedeutiche della F1, invece, era già avvenuto nel 2019 e 2020 in F2.

Decimo posto e prima qualifica in Top10 per Josep María Martí. Dato il suo risultato, solo Hunter Yeany non è mai riuscito a portare la propria vettura nelle prime cinque file tra i piloti che hanno guidato la Campos nel 2022. Ventottesimo posto e peggio risultato, invece, per Kush Maini.

La Sprint Race ha visto il ritorno al successo di Franco Colapinto che ha ritrovato il primo gradino del podio per la prima volta dalla Sprint Race di Imola. È la seconda vittoria in categoria sia per lui che per il Van Amersfoort Racing. Per quanto rigurada gli argentini, questo è il terzo successo ed è la prima volta nella storia che il paese ne ottiene due in una singola stagione. Per la prima volta, inoltre, sia VAR che Colapinto hanno conquistato il podio in due gare di fila.

Secondo posto per Oliver Bearman che è tornato a podio dopo il doppio zero nei Paesi Bassi. Per l’inglese è il settimo nel corso del 2022. Dietro di lui, Caio Collet ha conquistato il quinto podio stagionale e ottavo per MP Motorsport.

Nono posto e primi punti stagionali per Josep María Martí che continua la striscia di cinque gare consecutive in zona punti per Campos.

Ventitreesimo posto all’esordio per Alessandro Famularo con Charouz. L’italo-argentino è l’ottavo pilota a correre con la squadra ceca in F3 quest’anno, nonché il quarantesimo a disputare almeno una gara nel 2022. Non è stato battuto il record dei dieci piloti differenti che hanno corso in Trident nel 2014, ma è stato superato il primato dei 37 piloti che hanno partecipato alle stagioni di GP3 2010, 2011 e 2014.

Nell’ultima gara della stagione è arrivata la terza affermazione consecutiva di Zane Maloney in Feature Race, la quale regala la trentaduesima di tutti i tempi a Trident. Il pilota delle Barbados ha eguagliato il numero di podi stagionali del compagno di squadra Roman Stanek.

Secondo posto per Oliver Bearman che, come in Belgio, ha ottenuto il podio in entrambe le gare del weekend. Doppia Prema a podio grazie anche al terzo posto di Jak Crawford.

La squadra di Grisignano è tornata a vincere il titolo a squadre per la terza volta dopo i titoli del 2019 e 2020. Si allunga a quattro stagioni la striscia di vittorie di team italiani che va a eguagliare quella delle compagini francesi fatte tra 2010 e 2013 e tra 2014 e 2018.

Prema è anche la prima squadra a vincere il titolo senza conquistare una pole position. È anche quella che ha ottenuto l’iride con il minor numero di vittorie in assoluto: 3. Il record precedente era di Lotus, ART e Carlin che nel 2012, 2013 e 2014 ne avevano ottenute 4.

Grazie al quarto posto Victor Martins si è laureato campione della F3 2022. È il pilota che ha vinto conseguendo il minor numero di punti: 139 contro i 164 di Piastri, ma non di punti disponibili: 39,6% contro i 39,2% di Piastri.

È il terzo pilota francese a trionfare dopo Esteban Ocon nel 2015 e Anthoine Hubert nel 2018. ART ha conquistato il titolo piloti in F3 per la prima volta dopo 3 anni di dominio Prema. È il sesto titolo piloti per la squadra francese dopo quelli di:

  • Esteban Gutierrez nel 2010
  • Esteban Ocon nel 2015
  • Charles Leclerc nel 2016
  • George Russell nel 2017
  • Anthoine Hubert nel 2018

È dunque il primo a essere ottenuto da quando c’è stata la fusione tra la GP3 Series e la vecchia Formula 3 europea.

Ottavo posto per Jonny Edgar che ha anche conquistato il secondo giro veloce della sua stagione, il settimo per Trident nel 2022. È il diciannovesimo tra GP3 e F3 con quest’anno che è diventato anche quello in cui il team italiano ne ha conquistati di più.

Decimo posto e quinta gara a punti in stagione per Reece Ushijima che, nelle ultime tre gare in cui ha mosso la classifica, ha sempre conquistato il 10° posto nella Feature Race.

Laszlo Toth ha eguagliato il suo miglior risultato stagionale conquistando il 19° posto come nella Sprint Race di Imola e nella Feature Race di Spielberg.

Juan Manuel Correa ha invece eguagliato il suo peggior risultato stagionale chiudendo in 24esima posizione come nella Feature Race dell’Olanda. Peggior risultato anche per Kaylen Frederik con la 25esima piazza e per Alexander Smolyar con la 27esima. Per il russo si tratta anche del peggio risultato in F3, che va a battere il 25° posto della prima Sprint Race di Spielberg del 2021.

F3 2022 - Victor Martin Campione
Victor Martins (ART Grand Prix) campione di F3 2022 – Copyright: FIA Formula 3 / Formula Motorsport Limited

Immagine di copertina: FIA Formula 2 / Formula Motorsport Limited