F2 | Correa sarà operato domani, si teme per il piede destro

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

È stato emesso poco fa un nuovo comunicato sulle condizioni di Juan Manuel Correa, lo sfortunato pilota statunitense coinvolto nell’incidente costato la vita ad Anthoine Hubert. 

“All’inizio di questa settimana Juan Manuel è stato trasferito presso un nuovo ospedale di Londra – specializzato in operazioni ortopediche – poiché l’attenzione si è spostata dai suoi polmoni alle gambe. Juan Manuel è pienamente cosciente ed i suoi polmoni hanno recuperato più velocemente di quanto sperato. I suoi miglioramenti generali hanno impressionato i dottori. L’obiettivo principale di queta settimana è stata quella di portare Juan Manuel nelle migliori condizioni possibili per rendere possibile l’operazione che si svolgerà domani, e che durerà oltre dieci ore.

L’operazione sarà determinante per il futuro di Juan Manuel. I medici, per la prima volta dall’incidente, avranno accesso completo alle ferite della parte inferiore della gamba destra. Potranno quindi determinare l’entità dei danni a tibia, caviglia e piede. Durante l’operazione salveranno il possibile e rimuoveranno quanto strettamente necessario per permettere di ottenere le migliori condizioni possibili. I chirurghi sono i migliori nel loro campo e sono cautamente ottimisti visto il rapido recupero di Juan Manuel nelle scorse settimane.

Le ferite che Juan Manuel ha riportato sono gravi, e l’operazione è molto complessa. I medici hanno dato a Manuel l’opzione di un’amputazione per ricostruire il piede destro. Lui ha deciso di non amputare e di procedere con l’operazione, conscio dei rischi collegati.”

Seguiranno aggiornamenti quando disponibili.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F2 | Correa sarà operato domani, si teme per il piede destro 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE