F1 | Trovato positivo al Coronavirus un visitatore dell’Albert Park Hotel

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

A pochi giorni dal via del mondiale di Formula 1 e dopo mille peripezie per poter svolgere il Gran Premio d’Australia in uno stato di relativa tranquillità, arriva la notizia che un visitatore dell’Albert Park Hotel di Melbourne, struttura distante poche centinaia di metri dal tracciato, è stato trovato positivo al test del Coronavirus.

Il comunicato presente sul sito dell’Hotel recita: “La riapertura ufficiale dell’Albert Park Hotel, originariamente prevista per questa settimana, è stata rinviata. La decisione è stata presa dopo essere stati informati dal dipartimento di sanità dello stato di Victoria che un ospite che ha visitato l’Hotel nella giornata di sabato è stato trovato positivo al test del COVID-19 dopo essere stato visitato da un medico il giorno successivo”.

“L’Albert Park Hotel è stato dichiarato sicuro, ma resterà chiuso in quanto lo Staff presente nella giornata di sabato è entrato in autoisolamento per due settimane”.

“La salute e la sicurezza di ospiti e staff è di importanza vitale, e continueremo a consultarci con il gli organi sanitari prima di confermare la data di riapertura”.

Non è dato sapere, al momento, che impatto avrà questa notizia sull’organizzazione del Gran Premio d’Australia quando mancano tre giorni all’inizio delle prime prove libere. Ovviamente vi aggiorneremo non appena ci saranno ulteriori notizie in merito.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Moto3 | GP Teruel: Raúl Fernández ancora in pole

Lo spagnolo di KTM Ajo conquista la seconda pole su due GP ad Aragón, prima fila completata da Arbolino e Vietti....
F1 | Trovato positivo al Coronavirus un visitatore dell'Albert Park Hotel 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE