F1 | Test Barcellona, Mazepin il più veloce nel Day 2 con la Mercedes

F1 | Test Barcellona, Mazepin il più veloce nel Day 2 con la Mercedes

Nikita Mazepin ha chiuso in testa la seconda giornata di test in season a Barcellona con la Mercedes W10. Il pilota russo ha girato con gomme C5 in 1:15.775, a due decimi e mezzo dal tempo di Valtteri Bottas di ieri con la stessa mescola, anche se va ricordato che il finlandese in qualifica ha ottenuto il suo miglior tempo, 1:15.406, con la C3. Mazepin è stato anche autore di un'uscita di pista al mattino e ha completato, in totale, 128 giri.

Al secondo posto la Toro Rosso di Alex Albon. Il thailandese ha chiuso ad un secondo e tre dal tempo di Mazepin con la STR14, con 109 giri all'attivo e con il miglior crono segnato con gomme C4. Sempre le C4 sono quelle con qui Antonio Fuoco ha portato la Ferrari al terzo posto, con il tempo di 1:17.284. In totale l'italiano ha messo insieme 120 giri.

Gomme C5, invece, per Kimi Raikkonen, oggi al volante dell'Alfa Romeo dopo l'esperienza di ieri di Callum Ilott. Il finlandese ha coperto 110 tornate con un miglior crono di 1:17.393. In Renault oggi è stato il turno di Jack Aitken. Il pilota del team Campos in F2 ha girato in 1:17.621 con gomme C4 e 75 giri all'attivo.

Il primo pilota sopra l'1:18 è Kevin Magnussen. Il danese della Haas ha fermato i cronometri sull'1:18.101 su gomme C3, le equivalenti delle soft viste nel weekend di gara, con 106 giri all'attivo. Yelloly ha concluso la sua due giorni con la Racing Point mettendo insieme altri 83 passaggi ed un miglior tempo di 1:18.212 (C5), davanti a Latifi che a sua volta è stato l'unico pilota impegnato per la Williams tra ieri ed oggi. 1:18.573 il suo tempo (C5, 88 giri).

Per la Red Bull oggi è stato il turno di Dan Ticktum, già presente in Bahrain. Con 79 giri completati il pilota dello Junior Team RB ha fatto segnare un miglior tempo di 1:19.458 su C3, precedendo Oliver Turvey (C3, 1:20.712, 52 giri) e Sergio Sette Camara (C2, 1:21.565, 19 giri) che hanno girato con la McLaren.

In aggiunta a questi piloti hanno girato anche Charles Leclerc con la Ferrari e Lance Stroll con la Racing Point montando gli pneumatici sperimentali per il 2020. Il monegasco ha completato 127 giri con un miglior tempo di 1:17.349, il canadese ha chiuso in 1:20.745 con 119 passaggi.

Questo il commento di Mario Isola, responsabile F1 Pirelli, sui test in ottica 2020.

"Questi ultimi due giorni di test collettivi per la stagione 2019 sono stati particolarmente significativi. Continueremo a lavorare in ottica 2020, con i nostri test in programma fino a fine estate, mentre da settembre ci concentreremo esclusivamente sullo sviluppo dei nuovi pneumatici da 18” per il 2021. I Team hanno raccolto moltissimi dati, grazie anche alle condizioni meteo favorevoli, con temperature asfalto che hanno superato i 40° nelle sessioni pomeridiane. Come sempre nei test collettivi, i Team hanno avuto a disposizione l’intera gamma 2019. Alcuni hanno provato anche le mescole più morbide in vista delle prossime due gare a Monaco e in Canada, insieme agli ultimi aggiornamenti aerodinamici. Come da regolamento, i Team hanno alternato alla guida i piloti ufficiali ai giovani. Un ringraziamento particolare va a Ferrari e Racing Point, impegnate in questi due giorni con una seconda monoposto nei nostri test di sviluppo 2020. Trattandosi di test “blind”, Team e piloti non hanno ricevuto alcun tipo di indicazioni sulle soluzioni provate. Abbiamo raccolto molti dati utili in condizioni rappresentative che andremo ad analizzare nelle prossime settimane per definire le specifiche tecniche dei pneumatici 2020".

Questa la classifica odierna, alla quale segue quella completa dei due giorni di test.

F1 | Test Barcellona, Mazepin il più veloce nel Day 2 con la Mercedes 1

 

F1 | Test Barcellona, Mazepin il più veloce nel Day 2 con la Mercedes 2

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

14,483FansLike
864FollowersFollow
1,615FollowersFollow
F1 | Test Barcellona, Mazepin il più veloce nel Day 2 con la Mercedes 4
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale. "Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE