F1 | Test Barcellona 2020, le dichiarazioni Red Bull

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni del Team Red Bull dopo l’ultima giornata di test F1 a Barcellona.

Guillaume Rocquelin, Head of Race Engineering | “Il piano per oggi era quello di dare tempo ai piloti per girare prima di Melbourne ed è andato tutto bene. Abbiamo provato un setup su cui abbiamo lavorato durante la notte ma non ha funzionato come ci aspettavamo. Siamo piuttosto soddisfatti con il bilanciamento e la performance, specialmente per quanto riguarda l’essere tornati indietro con il setup nel pomeriggio, cosa che Max ha gradito. Crediamo che, tra l’affidabilità e i long run completati la prima settimana e le performance cercate nella seconda, siamo ben preparati per la prima gara della stagione in Australia. Ovviamente abbiamo avuto sei giorni di test invece di otto per completare tutti i lavori previsti; credo che abbiamo approcciato il tutto con una buona organizzazione e disciplina così da poter sfruttare al meglio il tempo a nostra disposizione”.

Alex Albon | “Sono stati sei giorni di test concreti. Abbiamo spinto sul chilometraggio e completato davvero molti giri, provando e sperimentando un sacco di parti: tutto è andato bene. Abbiamo una grande quantità di dati da controllare ma abbiamo capito la macchina e trovato sicuramente delle cose positive, quindi è stato un buon test. Le Mercedes sono molto veloci e c’è ancora da valutare la Ferrari, quindi non è facile capire dove ci troviamo al momento. Siamo stati soddisfatti della macchina sin dal primo giorno ed è sembrata forte dai primi giri, anche se non sapremo dove saremo fino a Melbourne. Non vedo l’ora di iniziare”.

Max Verstappen | “Mi sento sicuramente pronto per Melbourne e le ultime due settimane sono state un’ottima preparazione. Abbiamo provato tutto quello che volevamo in questi sei giorni, cosa davvero importante e di cui sono felice. A conti fatti non mi posso lamentare di nulla ma questo non significa che dobbiamo smettere di lavorare duro, ci sono sempre cose da migliorare. Nessuna macchina è perfetta, soprattutto all’inizio della stagione, quindi spingeremo per svilupparla. Sia io che Alex abbiamo avuto qualche intoppo ma non sono preccupato e preferisco trovare il limite della macchina nei test piuttosto che alla prima gara. È meglio così piuttosto che realizzare di avere più passo a Melbourne. La Mercedes sembra molto veloce, come ci aspettavamo, ma non voglio guardare troppo a loro perché nessuno sa esattamente che lavoro stanno facendo, quindi è meglio concentrarsi su se stessi. Credo che il nostro passo sia molto buono, è stato un inizio positivo e spero sia abbastanza per essere competitivi in Australia”.

Immagini: Alessandro Secchi

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | Test Barcellona 2020, le dichiarazioni Red Bull 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE