Matomo

F1 | Test Barcellona 2020, le dichiarazioni Haas

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni del Team Haas dopo l’ultima giornata di test F1 al Circuit de Catalunya di Barcellona.

Guenther Steiner, Team Principal | “È stata una buona mattinata con Romain in macchina, abbiamo completato tutto il programma anche oggi. Abbiamo fatto dei progressi e tutto sembra essersi sistemato durante questi ultimi giorni di test. Kevin, sfortunatamente, ha girato poco al pomeriggio. È frustrante ma prendiamo ciò che di positivo la pista ci ha consegnato, come la simulazione di gara completata ieri”.

“Durante i sei giorni di test abbiamo avuto solo due problemi, uno alla frizione oggi ed uno con la sospensione venerdì scorso, alla fine della prima sessione di test. In generale abbiamo coperto un buon chilometraggio ed abbiamo imparato molto. Abbiamo lavorato duro per avere questi dati e speriamo di poterli tradurre in un buon risultato in Australia”.

Romain Grosjean | “Dal mio punto di vista è stata una buona mattinata, abbiamo testato molto. È l’ultimo giorno e di solito tutti cercano un po’ di prestazione. Abbiamo anche concluso uno stint lungo alla fine per vedere come la macchina si comporta e si evolve. Sono soddisfatto del lavoro svolto in questi test. Ora dobbiamo mettere tutto insieme per essere pronti a Melbourne”.

Kevin Magnussen | “Siamo stati sfortunati con il problema alla frizione a metà pomeriggio. Siamo tornati in pista alla fine della giornata: i ragazzi hanno riparato la macchina nel poco tempo a disposizione. Ho potuto fare due run brevi, cosa utile dato che non avevo mai provato prima le gomme C4. Non è stato un pomeriggio positivo in termini di chilometraggio ma abbiamo imparato comunque qualcosa”.

Immagini: Alessandro Secchi

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | Test Barcellona 2020, le dichiarazioni Haas 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE