F1 | Sorpassi: nel 2017 si rischia di vederne meno

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

I sorpassi in Formula 1, a partire dal 2017, potrebbero essere penalizzati dalle nuove monoposto.

Si tratta di una voce che circola già da mesi, ovvero da quando sono stati ufficializzati i nuovi regolamenti per la prossima stagione. Ora che ci si sta avvicinando progressivamente al via, seppur manchino ancora più di due mesi, la possibilità che i piloti faticheranno maggiormente a scambiarsi posizioni durante i Gran Premi inizia a prendere forma.

L’aumento delle prestazioni in curva, con la possibilità di tenere giù il piede sull’acceleratore per maggior tempo durante l’arco del singolo giro, potrebbe tradursi in un boomerang per lo spettacolo: a vetture esteticamente più belle e velocisticamente spaventose, soprattutto in curva, faranno da contraltare monoposto più stressate per quanto riguarda l’affdabilità delle Power Unit e piloti più stanchi a fine gara, per il maggior sforzo necessario a guidare. Ma se questi due fattori potrebbero aiutare a fare selezione e rendere più imprevedibili i risultati finali, la diminuzione drastica del tempo sul giro e l’effetto “rettilineo” in alcune curve ad ampio raggio potrebbeto rendere ancora più improbabili i sorpassi: sia quelli pompati dal DRS che quelli, soprattutto, veri e studiati.

Per quanto riguarda il circuito di Barcellona, ad esempio, si parla di un passaggio dal 50% al 70% di farfalla aperta nell’arco del giro: un’enormità. La curva 3, ad esempio, potrebbe essere percorsa oltre 30km/h più veloce rispetto al passato. Così come diverse curve sparse per i tracciati del mondiale potrebbero non più essere classificate come tali ma come semplici rettilinei. 

Il direttore tecnico Mclaren Tim Goss ha spiegato meglio il concetto: “Gli ingegneri definiscono ‘curva’ un punto nel quale il pilota deve rallentare e controllare la macchina passandoci attraverso. Se invece il pilota percorre una curva sempre con full throttle, allora questa viene classificata come rettilineo.”

Nonostante il 2016 sia stato indicato come anno buono per i sorpassi in pista (anche grazie al record personale di Max Verstappen) si sa che da questi vanno filtrati quelli ottenuti tramite DRS. Se anche quelli favoriti dall’ala mobile, però, dovessero diventare difficoltosi, ci si troverebbe di fronte ad un problema non di poco conto in una F1 che punta soprattutto allo spettacolo.

P300 MAGAZINE

F1 | Sorpassi: nel 2017 si rischia di vederne meno

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

F1 | Sorpassi: nel 2017 si rischia di vederne meno

Continua a seguirci