F1 | Robert Kubica si unisce ad Alfa Romeo come pilota di riserva

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

La prima notizia del 2020 riguarda Robert Kubica. Il pilota polacco, dopo aver riconquistato un posto in Formula 1 nel 2019 come titolare del team Williams, sarà pilota di riserva del team Alfa Romeo dalla prossima stagione.

Kubica porterà con sé, come title sponsor, l’azienda petrolchimica polacca Orlen. Il team, quindi, competerà nel campionato 2020 con il nome Alfa Romeo Racing Orlen.

Per Kubica si tratta di un ritorno. Il pilota polacco era stato titolare team con sede ad Hinwil dal 2006 al 2009, quando si chiamava BMW Sauber. Qui aveva ottenuto le sue prime soddisfazioni in F1, tra cui la prima ed unica vittoria di carriera nel Gran Premio del Canada 2008, ad un anno dal terribile incidente proprio sul circuito intitolato a Gilles Villeneuve.

“Tempo e circostanze sono ovviamente diversi, ma sono convinto che troverò la stessa determinazione e fame di successo. Non vedo l’ora di aiutare il team a fare uno step in avanti”. Queste le parole di Kubica.

“È un pilota che non ha bisogno di introduzioni: uno dei più brillanti della sua generazione, che capace di mostrare il vero significato della parola determinazione nella sua lotta per tornare a correre dopo il suo tremendo incidente con i rally. Il suo feedback sarà importante per progredire verso la parte alta della griglia”. Così ha commentato il Team Principal Frederic Vasseur.

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci