F1 | Regole 2026, Jan Monchaux: “Le ali mobili come un DRS di default su tutti i rettilinei per tutte le auto. Obiettivo ridurre drag e consumi”

F1 | Regole 2026, Jan Monchaux: “Le ali mobili come un DRS di default su tutti i rettilinei per tutte le auto. Obiettivo ridurre drag e consumi”

F1NewsRegolamento
Tempo di lettura: 3 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
6 Giugno 2024 - 19:00
Home  »  F1NewsRegolamento

Il Direttore Tecnico spiega come le regole tecniche 2026 avranno impatto sui consumi e con la speranza di aumentare le possibilità di sorpasso

Meno drag, più velocità sul dritto, aerodinamica attiva e meno flussi che disturbano l’auto che segue. Sono questi i punti sottolineati dal Direttore Tecnico Jan Monchaux durante la presentazione dei nuovi regolamenti 2026 della F1. Ecco le sue parole.

“Le regole 2026, in termini di dimensioni generali, prevedono una diminuzione di 10 centimetri di larghezza totale dai due metri attuali a 1.90, il cambiamento più evidente. La decisione è stata presa meno di un anno fa nell’ambito del concetto di avere una vettura ‘agile’, leggermente più piccola, con un po’ meno downforce ma soprattutto con un grande focus sull’avere meno drag.

Il DRS, inteso come sistema tecnologico, non sarà più usato per facilitare il sorpasso ma sarà usato di default su ogni rettilineo da tutte le vetture per abbattere il drag sul dritto e, di conseguenza, avere un beneficio in termini di consumo di energia, maggiore velocità sul dritto e recupero in frenata arrivando da velocità più sostenute.

Il sorpasso rimane un parametro importante per la F1 e sarà ottenuto tramite la collaborazione di due aspetti.

Il primo è il continuo lavoro di riduzione della perdita di carico generata dalla vettura che precede. Per essere in grado di superare devi poter essere vicino: se non puoi esserlo perché perdi carico in curva per via dell’aria sporca e devi allontanarti, poi sei costretto nuovamente a recuperare il terreno perso. Quindi è importante per noi fare in modo che si possa essere vicini all’auto che segue, nei limiti del possibile, anche in curva. Per questo dobbiamo assicurarci sin dal concept iniziale che l’aria sporca generata non sia così impattante per la vettura che segue.

Avendo ali anteriori e posteriori mobili, per favorire il sorpasso nel momento in cui due vetture saranno vicine permetteremo alla vettura che segue di avere un plus di potenza dall’ERS per un tempo prestabilito all’interno di quel giro. In questo momento, con il DRS, se sei sotto il secondo l’ala si attiva e puoi aprirla sul dritto; non sarà più così. La logica sarà però la stessa: sono vicino ad un’auto, ho un ammontare extra di energia per un giro che posso sfruttare come voglio”.

Oltre a questo, come spiegato dalla FIA nel comunicato ufficiale, ci sarà un calo progressivo di potenza offerta dall’ibrido per la vettura che precede, a partire dai 290 km/h.

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEWINFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
FP2: Ven 17:00-18:00
FP3: Sab 12:30-13:30
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: )
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: )

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live