F1 | Red Bull mette le ali ma toglie il sorriso…

F1GP MonacoGran Premi
Tempo di lettura: 2 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
30 Maggio 2016 - 17:00
Home  »  F1GP MonacoGran Premi

Bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Dev’essere questo il pensiero che scorre nelle menti di Chris Horner e Helmut Marko. Sicuramente, Daniel Ricciardo il bicchiere non lo vuole vedere proprio, dopo la gara di Monaco nella quale, per la seconda volta di fila, si sente privato di una vittoria alla sua portata.

Ad una Red Bull che ha risalito la china negli ultimi due Gran Premi si contrappone il malcontento di Ricciardo, poleman fantastico del sabato monegasco, sfortunato protagonista dei uno dei pit stop più assurdi della storia. 12 secondi persi alla ricerca delle gomme da montare sulla sua Red Bull nella sosta decisiva, con un Lewis Hamilton che si è trovato incredibilmente in prima posizione quando l’australiano è uscito dalla corsia box.

E’ facile immaginare che, con una decina di secondi di vantaggio sull’inglese, Daniel avrebbe avuto la gara in pugno: è arrivata invece la seconda bruciante sconfitta in due settimane, con la prima che probabilmente non era stata ancora digerita in pieno ed ora diventa un altro fardello sulle spalle di Horner e Marko. Daniel non aveva preso bene la decisione di passare da una strategia a due a quella a tre soste a Barcellona, rivelatasi poi azzeccata a vantaggio del suo neo compagno Max Verstappen.

Ma se in Spagna, nonostante alcune tesi complottistiche in favore della nascita del mito di Max, il caso poteva essere definito come giudice tra le due strategie, questa volta la colpa è tutta del muretto delle lattine. Incredibile come il team che fa della comunicazione e dei media il suo punto forte, toppi clamorosamente nel momento decisivo di un Gran Premio, e proprio per un errore di comprensione.

Comprensibile è, invece, lo scoramento di Ricciardo, che si vede derubato (sportivamente) di due vittorie e non è capace di nascondere la sua delusione. In tutte queste note negative, quello che Daniel e noi tutti abbiamo potuto constatare è come la Red Bull abbia risalito la classifica nelle ultime settimane, dimostrandosi attualmente la seconda forza a scapito della Ferrari, sempre più avvolta dai problemi.

Certo, le prestazioni non servono se poi si buttano al vento le vittorie, ma errori del genere diventano storici perché rari. Su col morale, Daniel.

 

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#7 | GP EMILIA ROMAGNA
DATI E PREVIEW
INFO SESSIONI E RISULTATI

17/19 maggio | Imola
Autodromo Enzo e Dino Ferrari | 63 Giri

#imolagp

Mappa e Stats
LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
P1: Leclerc
FP2: Ven 17:00-18:00
P1: Leclerc
FP3: Sab 12:30-13:30
P1: Piastri
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: Diretta)

Pole: Verstappen

Leggi la Cronaca
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: Diretta)

Winner: Verstappen
P2: Norris
P3: Leclerc
Leggi la Cronaca

Un Commento su “F1 | Red Bull mette le ali ma toglie il sorriso…”
quaranta_vito dice:
Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)