F1 | Qualifiche: i team uniti per tornare al format 2015!

Continua il braccio di ferro tra i team e la FIA riguardo il format delle qualifiche. Dopo due sessioni deludenti in Australia e Bahrain, i team si erano incontrati domenica con Ecclestone e Todt per trovare una soluzione, senza però arrivare ad una conclusione. Mister E ed il presidente della FIA, nel proporre nuove soluzioni tra cui un aggregato dei due migliori tempi per ogni “Q”, si erano detti espressamente contrari al ritorno al format utilizzato dal 2006 al 2015, probabilmente per non ammettere l’inadeguatezza dell’attuale sistema e anche per colpevolizzare i team, i quali avevano votato tale sistema.

A quanto pare, invece, le squadre voglio proprio tornare al format precedente. Uniti così come lo erano stati i piloti due settimane fa nella lettera pubblicata dalla GPDA, gli undici team hanno scritto una lettera indirizzata alla FIA, Ecclestone e CVC Capital (che detiene i diritti commerciali della F1) per chiedere il ritorno al sistema in vigore fino alla scorsa stagione. In questa battaglia Todt, Ecclestone e CVC si trovano di fronte ai team supportati, per quello che abbiamo letto nelle scorse settimane, dai piloti e dalla maggioranza dei tifosi, non contenta dell’attuale sistema.

Per una volta sembra, quindi, che i protagonisti dello sport siano decisi a mantenere la propria posizione con decisione. A cosa porterà tutto questo? Prima di tutto è probabile, in mancanza di un accordo unanime, che anche in Cina si corra con il sistema ad eliminazione. Prima o poi, però una soluzione dovrà essere trovata e condivisa da tutti. Quanto meno, ora, squadre e piloti fanno blocco contro chi vuole aumentare la percentuale di spettacolo diminuendo, al tempo stesso, quella dello sport all’interno della categoria.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,689FollowersFollow
F1 | Qualifiche: i team uniti per tornare al format 2015! 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE