F1 | Protesta Renault: la FIA esaminerà le prese dei freni di Racing Point RP20 e Mercedes W10

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Gli Stewards del Gran Premio di Stiria, dopo aver ricevuto la protesta del team Renault nei confronti della Racing Point RP20, hanno ritenuto ammissibile la richiesta sulla base dell’articolo 13 del codice sportivo internazionale

“Con riferimento alle prese d’aria anteriori e posteriori delle monoposto 11 e 18”, si legge nel comunicato FIA, “gli Stewards hanno convocato ed ascoltato i rappresentanti dei team ed un delegato tecnico FIA. Gli Steward hanno concluso che la protesta rispetta tutti i requisiti dell’articolo 13 del codice sportivo internazionale FIA e, per tanto, viene ritenuta ammissibile”.

Le prese dei freni delle monoposto “rosa” che hanno corso al Red Bull Ring sono state sigillate e sequestrate per ulteriori controlli. La novità è che nel caso, ora, rientra anche Mercedes. Al team campione del mondo, infatti, è stato ordinato di procurare un esemplare di prese dei freni anteriori e posteriori della W10, la monoposto 2019 ritenuta oggetto di “copia” da parte della Racing Point per la sua RP20.

Seguiranno ulteriori controlli al fine di scoprire se c’è una qualche correlazione tra gli esemplari. La questione è comunque delicata perché, nell’arco di una stagione, vengono prodotte prese di tipo diverso.

Segue il comunicato completo.

Immagine di copertina: Alessandro Secchi

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Drop the Gate | Puntata #36

Ascolta qui la 36esima puntata di Drop the Gate, il podcast su Supercross e Motocross firmato P300.it con le voci di Andrea...

CONDIVIDI

F1 | Protesta Renault: la FIA esaminerà le prese dei freni di Racing Point RP20 e Mercedes W10 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE