F1 | Pirelli: “Uso estremamente prolungato” a Silverstone. Confermate C2, C3 e C4 per il GP70

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Il fornitore unico conferma le mescole più morbide per il GP del 70° Anniversario.


Segue il comunicato rilasciato da Pirelli relativamente ai problemi occorsi durante il Gran Premio di Gran Bretagna 2020, che ha visto Sainz, Bottas e Hamilton riscontrare forature negli ultimi tre giri della gara di Silverstone.


“Pirelli ha concluso una prima serie di analisi su numerosi pneumatici del GP Gran Bretagna di domenica scorsa. Sono state identificate le cause dei degonfiamenti occorsi alle Mercedes e alla McLaren di Sainz.

La motivazione è da addebitarsi a una serie di concause determinate da un uso del secondo set estremamente prolungato. In particolare, la seconda Safety Car ha spinto quasi tutti i Team ad anticipare il pit stop e a effettuare quindi uno stint finale di circa 40 giri: più di tre quarti di gara, su uno dei circuiti più severi, lato pneumatici, di tutto il Mondiale F1.

Questo, unito all’elevato passo delle F1 2020, più veloci sul giro secco di 1,2 secondi rispetto alla pole 2019, ha reso gli ultimi giri particolarmente critici. Un insieme di elementi che sulla copertura anteriore sinistra, notoriamente la più sollecitata sul circuito inglese, molto usurata dai tanti giri effettuati e quindi meno protetta di fronte a sollecitazioni limite, sono risultati estremi.

Per la seconda gara di Silverstone, il prossimo weekend, Pirelli conferma l’utilizzo della gamma di uno step più tenera rispetto al GP scorso: mescole C2, C3 e C4.

Verranno inoltre riviste le prescrizioni di utilizzo incrementando le pressioni di gonfiaggio, al fine di ridurre il livello di stress sulla costruzione”.

Immagine: Twitter/F1

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | Pirelli: "Uso estremamente prolungato" a Silverstone. Confermate C2, C3 e C4 per il GP70 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE