F1 | Pirelli comunica le mescole per l’intero mondiale 2021

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Poche novità rispetto agli ultimi anni: Pirelli porterà gomme più morbide solo a Baku e in Brasile

La Pirelli ha svelato quali mescole verranno portate a ciascun appuntamento del prossimo campionato del mondo di Formula 1. Il fornitore unico di pneumatici ha comunicato le proprie scelte per tutte le gare del mondiale in un colpo solo, mentre in passato le mescole venivano annunciate gradualmente col passare delle settimane.

In linea con quanto accaduto lo scorso anno, le squadre non avranno possibilità di scegliere quanti set di pneumatici portare per ciascuna mescola ad ogni appuntamento: dato che anche lo svolgimento del mondiale 2021 presenta delle incognite, Pirelli ha deciso che per ogni weekend tutte le squadre avranno in dotazione otto set di pneumatici a mescola morbida, tre set a mescola media e due a mescola dura. In ogni caso il fornitore italiano, in accordo con la FIA, avrà la possibilità di rivedere le proprie scelte fino a due settimane prima della gara.

Ad ogni appuntamento Pirelli porterà tre mescole contigue tra le cinque a disposizione: in ben 12 appuntamenti su 23 verranno portate le mescole C2, C3 e C4, ovvero le tre centrali del ventaglio di possibilità a disposizione del fornitore di pneumatici; tra le gare per le quali è stata fatta tale scelta ricadono i GP dell’Emilia Romagna a Imola e il nuovo GP dell’Arabia Saudita, per il quale non è ancora noto il layout del tracciato.

Le tre mescole più morbide, ovvero la C3, la C4 e la C5, verranno portate in 6 occasioni e saranno utilizzate prevalentemente sui circuiti cittadini (come Montecarlo, Baku, Montreal e Singapore) o su piste caratterizzate da un basso degrado (Sochi e Abu Dhabi).

Le mescole più dure (C1, C2 e C3) saranno utilizzate nei GP di Portogallo (non ancora confermato ufficialmente), Spagna, Gran Bretagna, Olanda e Giappone. Le piste dove si correranno questi GP sono quasi tutte caratterizzate da una serie di curvoni veloci che possono minare la tenuta delle gomme più morbide; fa eccezione Zandvoort, per la quale l’incognita è rappresentata dal banking dell’ultima curva.

Queste le parole di Mario Isola, Responsabile Pirelli per la F1: “Annunciare fin da ora le nostre scelte per quest’anno aiuterà le squadre e i piloti nella pianificazione ed inoltre ci darà la massima flessibilità nel caso in cui il calendario sia sottoposto a modifiche a causa delle restrizioni contro il Covid-19, come accaduto lo scorso anno.

Complessivamente le selezioni sono state simili a quelle dell’anno scorso (o a quelle del 2019, per le gare che non si sono corse nel 2020); ciò significa ceh le squadre dovrebbero avere abbastanza dati ai quali affidarsi. Ci sono tuttavia un paio di gare per le quali porteremo mescole più morbide. In Azerbaigian le gomme C2 non sono state usate l’ultima volta, pertanto useremo le tre mescole più morbide: la C3, la C4 e la C5. In Brasile porteremo la C2, la C3 e la C4 visto che l’ultima volta la C1 non ha dato grandi vantaggi in termini di usura. In entrambi i casi, la scelta di portare mescole più morbide dovrebbe portare ad una maggior varietà di strategie in gara.

A seguire lo schema riassuntivo delle scelte operate da Pirelli

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

Continua a seguirci