F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese

di Alessandro Secchi @alexsecchi83
15 Ottobre 2022 - 12:30

A Suzuka un piccolo giapponese di nome Goto ha vissuto una giornata da ricordare con il suo team preferito

In una F1 infestata dalle polemiche alimentate spesso ad arte e da un conseguente tifo tossico, di cui non avremmo bisogno, a volte c’è spazio per le belle storie e ne vogliamo riportare una recentissima.

A raccontarcela è stata il Team Alfa Romeo che ha pubblicato, sui suoi social, un video racconto molto particolare.

Nel 2019 il team riceve, a Suzuka, una busta diretta al Team Principal Frédéric Vasseur. Al suo interno una lettera e l’equivalente di 19 euro.

F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese

Il nome di quello che si capisce essere un giovane mittente è Goto. Il piccolo importo ad accompagnare il messaggio è giustificato così: “Mi spiace non aver potuto risparmiare più soldi per lo sviluppo del team”.

Nella busta non c’è alcun riferimento di Goto. Nessun cognome, indirizzo, numero di telefono. Nulla. Così il Team si lancia alla ricerca.

F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese

Il Covid impedisce alla F1 di tornare a Suzuka per due stagioni e solo nel 2022 le monoposto si ripresentano in Giappone. E il Team Alfa Romeo ha un ospite speciale per tutto il weekend.

F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese

Ecco qui il piccolo – anche se cresciuto nel frattempo – Goto. Il Team è riuscito nella ricerca e ha avuto con sé il suo giovane fan al quale ha regalato un’esperienza davvero unica.

F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese
F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese
F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese

Accompagnato dal papà, Goto ha potuto vedere da vicino il suo team preferito, parlare con i piloti, Valtteri Bottas e Guanyu Zhou e ha ricevuto tutte le attenzioni che si dedicano ad un VIP, con un tour completo e la possibilità di assistere alle sessioni dai box, con tanto di cuffie per non perdersi neanche un attimo dell’azione in pista.

F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese

Ovviamente non è mancata la foto con il destinatario del suo messaggio di tre anni fa, il Team Principal Frédéric Vasseur, che ha detto: “Goto è un mio amico. Abbiamo fatto il possibile per trovarlo ed ora sarà con noi tutto il weekend, è mio ospite”.

F1 | Non solo polemiche. Da Suzuka la tenera storia di Goto, un piccolo fan giapponese

Il regalo più bello? Le due C42 hanno girato con un adesivo sul fondo recante la scritta “Grazie Goto” in giapponese. Sicuramente, per il piccolo giapponese, il weekend appena passato sarà indimenticabile.

Abbiamo tenuto a raccontare questa piccola e tenera storia perché, in un ambiente nel quale ultimamente non si fa altro che parlare di accuse, illazioni e di polemiche (siano queste corrette o esasperate) è importante ricordare che ci sono anche momenti come questi, fatti di passione vera e di un’innocenza che va preservata.

Ben venga quindi la storia di Goto, così come quelle di tutti quei bimbi che si avvicinano alla F1 genuinamente, da piccoli, supportati dai genitori. Una nota di merito va anche al Team Alfa Romeo che, con un piccolo gesto, ha regalato un’esperienza per la vita a questo piccolo fan. Ce ne vorrebbero di più.

Immagini: Alfa Romeo