F1 | Matteo Bonciani lascia il ruolo di capo della comunicazione

Dopo otto anni ed oltre 150 Gran Premi seguiti dal vivo, Matteo Bonciani lascia il ruolo di capo comunicazione della F1. La notizia è giunta tramite un comunicato sul sito della Federazione Internazionale. 

Con base presso il quartier generale della FIA di Parigi, Bonciani nel suo ruolo di capo della comunicazione della massima serie si è occupato per conto della Federazione dei rapporti con i media e della gestione del media center, mantenendo collegamenti in termini di comunicazione con i promotori della serie.

Il direttore delle comunicazioni per la FIA Oliver Fisch e l’ex delegato media per la Formula E Tom Wood sono stati presenti nelle prime gare del 2019.

Il presidente della FIA Jean Todt ha commentato così l’uscita di Bonciani: “Vorrei ringraziare Matteo per il suo impegno in questi anni nel suo ruolo in Federazione e nel seguire i giornalisti nella copertura media del più prestigioso campionato FIA”.

Queste, invece, le parole di Bonciani: “Dopo quasi una decennio con la FIA ed otto anni al seguito della Formula 1 è arrivato per me il momento di fermarmi e cercare nuove sfide. È stato un privilegio lavorare con alcune delle menti più grandi in ambito sportivo, ingegneristico, tecnologico e mediatico. I miei colleghi sono diventati una seconda famiglia. Mi mancherà ognuno di loro”.

Bonciani, si legge nel comunicato, resterà all’interno della Federazione con un ruolo di consulenza.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,690FollowersFollow
F1 | Matteo Bonciani lascia il ruolo di capo della comunicazione 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE