F1 | Le Renault di Hulkenberg e Ricciardo squalificate dal Gran Premio del Giappone

F1
Le Renault di Hulkenberg e Ricciardo squalificate dal Gran Premio del Giappone

Il reclamo Racing Point è stato accettato. Rivista la classifica di Suzuka di 23 Ottobre 2019, 22:45

È arrivata in serata la notizia della squalifica delle Renault di Daniel Ricciardo e Nico Hulkenberg dalla classifica finale del Gran Premio del Giappone 2019, corso a Suzuka due settimane fa.

La squalifica arriva dopo il reclamo ufficiale della Racing Point riguardante un dispositivo atto a modificare automaticamente il bilanciamento della frenata montato sulle R.S.19 del team francese.

Ripercorriamo le fasi del reclamo.

Dopo la gara di Suzuka del 13 di ottobre Racing Point ha presentato reclamo nei confronti di Renault, sostenendo che le monoposto di Ricciardo e Hulkenberg fossero equipaggiate con un dispositivo capace di alterare automaticamente il bilanciamento della frenata, evidentemente non permesso dai regolamenti. Il reclamo è stato ritenuto ammissibile dagli Steward di Suzuka, i quali hanno rinviato il tutto in attesa di recuperare tutte le prove ed i dati di centraline e software.

Il 16 ottobre, tre giorni dopo la gara, Racing Point ha inviato un altro documento contenente ulteriori informazioni sul reclamo. Il 19 ottobre la FIA ha comunicato la possibilità ad entrambi i team di fornire nuovi documenti fino a quando non ci sarebbe stato un incontro; Renault, il 21 ottobre, ha presentato un documento per difendere il funzionamento del dispositivo che non ha divulgato anche alla controparte in quanto contenente informazioni coperte da proprietà intellettuale.

La FIA ha quindi raccolto ed esaminato tutti i dati del software Renault, rivedendo tutte le prove fornite dai due team. Il 22 ottobre gli Steward hanno ricevuto un report contenente tre allegati, relativi rispettivamente alla versione del software Renault, al controller dei freni posteriori ed alla centralina standard FIA.

Nella giornata di oggi, 23 ottobre, i rappresentanti dei team ed i delegati FIA (tra cui Nikolas Tombazis) si sono collegati in audio conferenza per discutere il reclamo senza aggiungere ulteriore documentazione a ciò che era già stato inoltrato alla Federazione.

I punti del reclamo Racing Point

- Durante la gara Renault ha utilizzato un sistema automatico di bilanciamento della frenata, vietato dall'articolo 27.1 del regolamento sportivo.
- Il sistema in sé è in contrasto con gli articoli 11.1.3, 11.1.4 e 8.6.3 del regolamento tecnico, che proibisce sistemi assistiti per quanto riguarda i freni.
- Il funzionamento del sistema era visibile dagli onboard Renault, con la percentuale di ripartizione dei freni che cambiava sul display del volante senza alcun input sui manettini da parte dei piloti.

La difesa Renault

- Il team non ha usato un sistema presettato per gestire il bilanciamento dei freni.
- Il cambio di percentuale visibile sul volante può essere dovuto ad un sistema specifico per il quale Renault ha fornito documenti aggiuntivi alla FIA.
- Le prove video non sono determinanti, ma Renault non respinge la possibilità di un cambio di ripartizione sul display senza input del pilota.
- Racing Point non ha prodotto prove video sufficienti e ha speculato su un probabile sistema vietato da parte di Renault sulla base di informazioni ricevute da un ex impiegato, non a conoscenza di tutti i dettagli sul sistema di gestione dei freni del team.

Conclusioni

Dopo aver considerato tutte le prove ed i documenti ricevuti dai team, la FIA ha esaminato il software Renault utilizzato durante il Gran Premio del Giappone inclusi tutti i dati della telemetria, della gestione dei freni, di pulsanti e manettini presenti sui volanti e del display. Ecco quindi il risultato finale dell'analisi.

- Il software di gestione dei freni posteriori utilizzato da Renault è parte integrante del sistema di controllo indicato nell'articolo 11.9 del regolamento tecnico ed è utilizzato in conformità con gli articoli 11.1.3 ed 11.1.4 dello stesso.
- Questo sistema di controllo non è preimpostato sulla base del giro di pista come sostenuto da Racing Point.
- I piloti Renault utilizzano pulsanti montati sui volanti per gestire il bilanciamento dei freni in ottemperanza dell'articolo 8.6.3 del regolamento tecnico. Questi pulsanti sono collegati alla centralino standard FIA.
- Sulla base di quanto sopra, gli Steward ritengono che nonostante Renault utilizzi sistemi innovativi per interpretare il regolamento nei suoi limiti il sistema in questione non viola alcun articolo del regolamento tecnico.
- Nonostante questo, gli Steward sostengono che il sistema costituisca un aiuto alla guida, vietato dall'articlo 27.1 del regolamento sportivo che indica espressamente la necessità che il pilota guidi da solo e senza alcun aiuto. Il sistema di ripartizione della frenata montato sulle Renault viene considerato come aiuto alla guida in quanto evita al pilota di apportare una serie di modifiche durante l'arco del giro. Gli Steward ritengono che ci sia una differenza chiara tra questo sistema ed uno che fornisce un feedback reale, poiché questo va a "sostituirsi" alle capacità ed ai riflessi del pilota.

Pertanto le monoposto #3 e #27, giunte rispettivamente sesta e decima nel Gran Premio del Giappone, sono squalificate dalla classifica finale. Charles Leclerc passa quindi da settimo a sesto, seguito da Gasly (7°), Perez (8°), Stroll (9°) e Kvyat (10°), con questi ultimi due che entrano in zona punti.

Renault avrà tempo fino alle 10:00 di domani mattina (ora locale di Città del Messico) per appellarsi alla decisione dei commissari.

Risultato del GP del Giappone e classifiche aggiornate.



Condividi