F1 | Le mescole selezionate dai piloti per il Gran Premio di Russia

F1
Le mescole selezionate dai piloti per il Gran Premio di Russia

A Sochi, un treno di soft in più rispetto ai Mercedes per i piloti di Ferrari e Red Bull di 17 Settembre 2019, 21:35

Con la disputa del Gran Premio di Singapore, in programma questo weekend sul circuito di Marina Bay, il Mondiale 2019 di Formula 1 è entrato nel suo ultimo terzo di campionato. In attesa della gara nella Città del Leone, ci si comincia a proiettare già verso la seconda parte del back-to-back, che vedrà il Circus spostarsi in riva al Mar Nero, Il Sochi Autodrom, infatti, ospiterà la sesta edizione del Gran Premio di Russia.

Quest'oggi, come di consueto, la Pirelli ha diramato le scelte per il 16.esimo appuntamento stagionale, nel quale le mescole mediane, ovvero C2 (dura), C3 (media) e C4 (morbida). Partiamo dai due della Mercedes, che si differenziano leggermente tra di loro: otto treni di soft, quattro di medium ed uno di hard per Lewis Hamilton; otto treni di soft, tre di medium e due di hard per Valtteri Bottas. I due di Brackley saranno i piloti con meno 'rosse' a disposizione tra i 20 della griglia.

Scelta identica, invece, per gli altri big. Sebastian Vettel e Charles Leclerc per la Ferrari da un lato, e Max Verstappen ed Alexander Albon dall'altra, potranno scegliere tra nove treni di 'rosse', tre di 'gialle' ed uno di 'bianche'. Come loro Daniil Kvyat (Toro Rosso) e George Russell (Williams). Sempre con nove treni di soft, ma abbinati a due sia di medium che di hard, troviamo i due della McLaren, Carlos Sainz Jr. e Lando Norris, Pierre Gasly (Toro Rosso) e Robert Kubica (Williams).

Saranno invece dieci i treni di soft, insieme a due di medium ed uno di hard, a disposizione dei vari Nico Hulkenberg (Renault), Kevin Magnussen e Romain Grosjean (Haas), Sergio Perez e Lance Stroll (Racing Point) ed Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo). Sempre dieci treni di 'rosse', ma con uno di 'gialle' e due di 'bianche', infine, Daniel Ricciardo (Renault) e Kimi Raikkonen (Alfa Romeo).

 



Condividi