F1 | L'Ayrton Senna Tribute di San Paolo e la polemica sul n°11

F1
L'Ayrton Senna Tribute di San Paolo e la polemica sul n°11

L'evento per ricordare Magic si terrà una settimana prima del GP del Brasile di 20 Ottobre 2019, 16:30

San Paolo sarà teatro di un omaggio speciale dedicato ad Ayrton Senna a 25 anni dalla sua scomparsa. Il tre volte campione del mondo brasiliano sarà ricordato in un evento organizzato da Liberty Media, che segue quelli già realizzati in passato in altre location da quando la Formula 1 è passata in mani americane.

L'appuntamento, denominato "Heineken F1 Festival - Senna Tribute", si terrà all'Ibirapuera Park sabato 9 novembre dalle 12 alle 18 locali e sarà parte degli eventi che porteranno al Gran Premio del Brasile della settimana successiva. 

Gli appassionati avranno modo di vedere dal vivo sulle strade di San Paolo le monoposto dell'attuale generazione - ed i piloti, ovviamente - grazie a Mercedes e Renault. Il clou dello spettacolo sarà la parata di monoposto del campione brasiliano, con la Toleman TG184 del 1984 (anno del debutto di Ayrton in F1) e la Lotus 97T del 1985. Le storiche monoposto saranno portate in strada dal due volte campione del mondo ('72, '74) Emerson Fittipaldi e da Felipe Massa.


DICHIARAZIONI

Sean Bratches, Managing Director F1: "Ayrton Senna è una vera leggenda del nostro sport. Il suo lascito è immenso e ci ispira. È un onore per noi portare la Formula 1 nelle strade di San Paolo con il nostro partner Heineken per celebrare la sua vita e la sua importanza per la gente del Brasile. Ricorderemo la sua vita dando ai fan l'opportunità di essere vicini a monoposto storiche e moderne, che offriranno un'esperienza unica di velocità e sound, oltre che una visione d'insieme di ciò che la Formula 1 ha da offrire. Il Brasile ha un posto speciale nel mondo della Formula 1 e siamo felici di portare quest'evento a San Paolo una settimana prima del GP di Interlagos". 

Bianca Senna, Direttrice dell'Instituto Ayrton Senna: "Sono sicura che sarà un giorno indimenticabile per i fan di Ayrton. L'opportunità di vedere da vicino queste auto storiche, parte dei suoi momenti più belli in Formula 1, sarà incredibile. Avere un evento con così tante attrazioni a Ibirapuera, il cuore di San Paolo sarà ancora più importante e coronerà il 2019 come un anno pieno di meravigliosi tributi per celebrare questi 25 anni".

 

LA POLEMICA

Dopo la notizia dell'evento è montata una polemica sui social legata alla cover grafica. Ayrton è infatti raffigurato a bordo di una Lotus n°11 quando, negli eventi ufficiali, ha invece sempre corso con il 12, sia nel 1985 con la Lotus 97T che con la 98T dell'anno successivo. A smontare il caso ci ha provato l'account ufficiale F1 Media che, citando uno dei tanti articoli indignati per l'errore, ha pubblicato una foto a suo dire del 7 aprile del 1985, giorno del Gran Premio del Brasile (primo della stagione) corso a Jacarepaguà, in cui compare Ayrton a bordo della Lotus 97T numero 11, solitamente di "proprietà" di Elio De Angelis. Anche il nome dietro al casco è quello corretto.

L'immagine, se questa fosse la data corretta, si dovrebbe riferire ad una sessione di prove o, al limite, al warm up del mattino, in quanto poi Ayrton ha corso regolarmente il Gran Premio con la sua n°12.

Ebbene anche l'account F1 Media si sbaglia. L'immagine, infatti, è stata scattata da Steven Tee sì a Jacarepaguà ma non in occasione del GP del Brasile 1985, bensì un anno dopo, il 16 gennaio 1986, durante un test. La didascalia dell'immagine parla di una Lotus 97T equipaggiata con sospensioni e cambio che sarebbero stati poi utilizzati sulla 98T.

In ogni caso non si tratta di fantasia ma, sebbene l'occasione sia stata rarissima, di un momento realmente esistito. L'account F1 Media ha poi precisato, per chiudere la questione, che in ogni caso "L'artwork è stato approvato dalla famiglia Senna".

Caso chiuso, quindi. Con una scoperta in più.



Condividi