F1 | Il GP del 70° Anniversario secondo Brembo

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

La guida ai sistemi frenanti Brembo delle monoposto di Formula 1 e al loro uso per il bis al Silverstone Circuit


Il Campionato Mondiale di Formula 1 celebra i 70 anni del proprio esordio al Silverstone Circuit: ai tempi nessuna monoposto impiegava i freni Brembo per una semplice ragione, l’azienda italiana sarebbe nata solo nel 1961. L’esordio in Formula 1 è invece datato 1975 con Ferrari che proprio quell’anno tornò in cima al mondo.

Secondo i tecnici Brembo il Silverstone Circuit rientra nella categoria dei circuiti scarsamente impegnativi per i freni delle Formula 1. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 2, inferiore al 3 che invece le è stato attribuito per la MotoGP dove però quest’anno non farà tappa.

Le pinze Brembo per la Formula 1

Brembo realizza pinze in alluminio-litio a 6 pistoni (valore massimo stabilito dal regolamento) per 8 dei team del Mondiale 2020. Oltre a queste, fornisce ad alcuni team pinze a 4 pistoni da utilizzare al posteriore proprio per andare incontro alle richieste di maggior leggerezza da parte delle scuderie.

Ciascun team, in funzione delle esigenze specifiche della vettura, definisce insieme agli ingegneri Brembo il rapporto ottimale tra peso e rigidezza che dovranno avere le pinze freno. Per ciascuna scuderia lo sviluppo dell’impianto frenante avviene in maniera totalmente autonoma e separata.

L’impegno dei freni durante il GP 70° Anniversario Formula 1​​

La media delle decelerazioni massime per la pista britannica è di 3,2 g, superiore di poco all’Hungaroring, ma i valori delle singole frenate occupano uno spettro molto ampio: si va dagli 1,7 g della curva 13 ai 4,9 g della curva 16, passando per i 2,7 g della curva 4.

Pur restando al di sotto dei picchi toccati al Red Bull Ring, anche l’energia dissipata nelle singole curve non è omogenea: supera i 1.500 kWh in tre staccate e in altrettante non arriva nemmeno a 500 kWh. Ciò determina l’assenza di due o più frenate impegnative consecutive, permettendo all’impianto frenante di raffreddarsi.

La frenata con la maggiore decelerazione del Round di Silverstone ​

Delle 7 frenate del GP Gran Bretagna 2 sono considerate altamente impegnative per i freni, una è di media difficoltà e le restanti 4 sono light. 

Quella che sottopone i piloti alla maggiore decelerazione è alla curva 16: 4,9 g a fronte dei 4,8 g della terza curva. Le monoposto arrivano a 294 km/h e in soli 2,23 secondi durante i quali percorrono 107 metri scendono a 107 km/h, necessari per impostare la curva.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | Il GP del 70° Anniversario secondo Brembo 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE