F1 | Hamilton smentisce le voci sul suo contagio: “Sto bene, mi alleno due volte al giorno”

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Negli scorsi giorni sono state diffuse voci di un possibile contagio al Coronavirus per Lewis Hamilton. L’inglese aveva infatti incontrato, oltre due settimane fa, Idris Elba e la moglie del primo ministro canadese, Sophie Trudeau, entrambi risultati successivamente positivi al test del COVID-19.

È stato lo stesso campione del mondo in carica a chiarire le sue condizioni con una storia su Instagram nella mattinata odierna.

“Ciao ragazzi, spero siate tutti fiduciosi, vi stiate mantenendo occupati e siate in salute. Ci sono state alcune speculazioni sulla mia salute, dopo che ho partecipato ad un evento in cui due persone, successivamente, sono risultate positive al Coronavirus.

Volevo farvi sapere che sto bene, mi sento in salute e mi sto allenando due volte al giorno. Non ho sintomi e sono passati 17 giorni da quando ho incontrato Sophie ed Idris. Mi sono sentito con lui e sono felice di sapere che sta bene. Ho parlato con il mio medico e valutato se dovessi fare un test, ma la verità è che c’è una quantità limitata di test a disposizione e ci sono persone che ne hanno bisogno più di me, visto che non ho mostrato alcun sintomo.

Quello che ho fatto è stato autoisolarmi nell’ultima settimana – in realtà già da quando le prove sono state cancellate giovedì scorso – e mantenere la distanza necessaria dalle persone. La cosa più importante che ognuno possa fare è pensare positivo, mantenere la distanza più che si può, autoisolarsi se necessario e lavare regolarmente le mani con acqua e sapone almeno per 20 secondi.

Grazie per tutti i vostri messaggi. Vi mando un po’ positività e affetto da lontano. State al sicuro”.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | Hamilton smentisce le voci sul suo contagio: "Sto bene, mi alleno due volte al giorno" 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE