F1 | Gran Premio di Singapore 2019: anteprima, statistiche, record ed orari di Marina Bay

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Il Circus della F1 lascia l’Europa ed inizia il suo viaggio fuori dal vecchio continente da Marina Bay per il Gran Premio di Singapore, giunto alla sua dodicesima edizione. Si tratta della seconda gara in notturna della stagione e rappresenta probabilmente l’appuntamento più duro insieme a quello di Montecarlo per il fisico dei piloti, con quasi due ore senza sosta tra i guard rail sotto i riflettori. Si tratta di una delle piste meglio riuscite della nuova generazione per quanto riguarda l’impegno chiesto ai piloti.

12° GRAN PREMIO DI SINGAPORE
MARINA BAY

Round 15/21 – 20/21/22 settembre 2019
Gran Premio #1012

Si arriva a Singapore dopo un ritorno dalle vacanze decisamente positivo per la Ferrari e, soprattutto, per Charles Leclerc. Il monegasco si è finalmente sbloccato a Spa-Francorchamps andando a vincere la sua prima gara in Formula 1, replicando il successo a Monza nel Gran Premio d’Italia dopo una lotta corpo a corpo con Lewis Hamilton, seguita da una tenace resistenza nei confronti di Valtteri Bottas nel finale di gara. 

Entrambe le vittorie di Leclerc portano nelle dediche il nome di Anthoine Hubert. Dopo aver conquistato Monza Charles, insieme ad una nutrita rappresentanza del Circus, si è recato a Chartres per rendere l’ultimo saluto al suo amico. Continua a lottare invece Juan Manuel Correa, l’altro pilota coinvolto pesantemente nella carambola di Spa, mentre dopo il tremendo incidente in Formula 3 Alex Peroni ha fatto ritorno a casa per iniziare la riabilitazione.

Gli appuntamenti di Belgio ed Italia erano quelli definiti da tutti i più favorevoli per la Ferrari viste le potenzialità velocistiche della SF90. Il team di Maranello non si è fatto scappare l’occasione di portare a casa quelli che per ora sono gli unici due successi di stagione, anche se da ora in poi sarà più dura poter lottare con Mercedes – e con Red Bull – per le vittorie di tappa. 

Restando in tema Ferrari, se da un lato c’è gioia straripante per Charles Leclerc, dall’altro il caso Vettel è ancora aperto. A Monza, dopo una qualifica caotica nella quale il tedesco è rimasto “fregato” dall’ultimo giro della Q3, è arrivato un altro errore in gara dopo pochi giri che l’ha estromesso dalla lotta per le prime posizioni. La situazione di Vettel inizia ad essere preoccupante soprattutto per lui, vista l’ascesa del compagno che dopo aver vinto in casa ha sicuramente visto aumentare il gradimento verso di sé da parte dei tifosi e dei media.

Grandi sconfitte di Monza le due Mercedes, con Hamilton e Bottas che si sono alternati nel ruolo di inseguitori di Leclerc senza riuscire a trovare la zampata vincente. Il campione in carica inglese è stato sicuramente il più aggressivo dei due, ma nell’unico vero tentativo di sorpasso il monegasco ha resistito da vero campione alla variante della Roggia. Il finlandese ha avuto la sua occasione nel finale di gara per portarsi in testa ma senza riuscire veramente ad impensierire una Ferrari velocissima sul dritto, quasi inavvicinabile anche a DRS spalancato.

Il Gran Premio di Singapore si disputa sul Marina Bay Street Circuit, un tracciato cittadino con tutti i crismi: muretti molto vicini, zero vie di fuga, asfalto con poco grip, frequenti uscite della Safety Car. Ad eccezione del rettilineo del traguardo, la pista è aperta alla normale viabilità durante tutto l’anno. La prima edizione si disputò nel 2008 e vide la vittoria di Fernando Alonso su Renault nella gara che passò alla storia per il crashgate: il (presunto) voluto incidente di Nelson Piquet jr. per consentire l’ingresso della Safety Car ed agevolare così Alonso.

Negli anni molto pochi sono stati i cambiamenti apportati al layout del tracciato: più che altro si è modificato l’ingresso di qualche curva o si sono eliminati dei cordoli per rendere la media sul giro più alta. Per quanto riguarda il 2019 è stata aggiunta una terza zona DRS dopo curva 13.

Finiti i lunghi rettilinei si torna su piste dove la Ferrari potrebbe tornare a faticare lasciando il passo a Mercedes e Red Bull. Nonostante le due vittorie rosse il mondiale non è certo in discussione: per Hamilton e per la Mercedes è solo questione di tempo per la vittoria dei rispettivi titoli iridati. Da capire c’è solo la tempistica.

Pirelli, per questo appuntamento, porterà in pista le mescole C3, C4 e C5 rispettivamente per Hard, Medie e Soft.

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

LA MAPPA

singapore_2015

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

I NUMERI DEL GRAN PREMIO

DATI TECNICI

Nazione: Singapore
Circuito: Marina Bay Street Circuit
Posizione: Google Maps
Lunghezza del circuito: 5,073 km
Giri da percorrere: 61
Distanza totale: 309,316 km
Numero di curve: 23
Senso di marcia: antiorario
Mescole Pirelli: C3 (hard), C4 (media), C5 (soft)
Primo Gran Premio: 2008
Apertura farfalla: 44% della percorrenza

I RECORD

Giro gara: 1:41.905 – K Magnussen – Haas Ferrari – 2018
Distanza: 1h51:11.611 – L Hamilton – Mercedes – 2018
Vittorie pilota: 4 – S Vettel, L Hamilton
Vittorie team: 4 – Mercedes
Pole pilota: 4 – S Vettel, L Hamilton
Pole team: 4 – Ferrari
Km in testa pilota: 1226 – L Hamilton
Km in testa team: 1140 – Mercedes
Migliori giri pilota: 2 – F Alonso, L Hamilton, D Ricciardo
Migliori giri team: 3 – Red Bull
Podi pilota: 7 – S Vettel
Podi team: 12 – Red Bull

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

PIRELLI: LA PREVIEW

F1 | Gran Premio di Singapore 2019: anteprima, statistiche, record ed orari di Marina Bay
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

GOMME: LE SCELTE DEI PILOTI

F1 | Gran Premio di Singapore 2019: anteprima, statistiche, record ed orari di Marina Bay
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

ALBO D’ORO

YearCircuitDateWinning DriverTeamLaps
122019Singapore Marina Bay Street Circuit22 settembreGermania Sebastian VettelItalia Ferrari61
112018Singapore Marina Bay Street Circuit16 settembreRegno Unito Lewis HamiltonGermania Mercedes61
102017Singapore Marina Bay Street Circuit17 settembre 2017Regno Unito Lewis HamiltonGermania Mercedes58
92016Singapore Marina Bay Street Circuit18 settembreGermania Nico RosbergGermania Mercedes61
82015Singapore Marina Bay Street Circuit20 SettembreGermania Sebastian VettelItalia Ferrari61
72014Singapore Marina Bay Street Circuit21 SettembreRegno Unito Lewis HamiltonGermania Mercedes60
62013Singapore Marina Bay Street Circuit22 SettembreGermania Sebastian VettelAustria Red Bull61
52012Singapore Marina Bay Street Circuit23 SettembreGermania Sebastian VettelAustria Red Bull59
42011Singapore Marina Bay Street Circuit25 SettembreGermania Sebastian VettelAustria Red Bull61
32010Singapore Marina Bay Street Circuit26 SettembreSpagna Fernando AlonsoItalia Ferrari61
22009Singapore Marina Bay Street Circuit27 SettembreRegno Unito Lewis HamiltonRegno Unito McLaren61
12008Singapore Marina Bay Street Circuit28 SettembreSpagna Fernando AlonsoFrancia Renault61

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

GLI ORARI

F1 | Gran Premio di Singapore 2019: anteprima, statistiche, record ed orari di Marina Bay
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

Per i testi, anteprima a cura di Domenico Della Valle. Riassunto storico a cura di Francesco Ferrandino. Mappa circuito e grafica orari a cura di Francesco Ferraro. Impaginazione a cura di Alessandro Secchi.

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE