F1 | Gran Premio di Francia 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Le Castellet

F1 | Gran Premio di Francia 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Le Castellet

La Francia torna nel mondiale di Formula 1. Dopo dieci anni esatti, il paese di “residenza” della FIA ospita la novantacinquesima edizione, la cinquantanovesima valida per il Campionato del Mondo, del suo Gran Premio. La novità è però il ritorno su un circuito storico, scenario ben poco usuale per i nostri tempi. 

Si torna infatti a correre a Le Castellet, sul Circuit Paul Ricard, che manca dal calendario dal 1990 quando Alain Prost ottenne la centesima vittoria per la Ferrari nel Mondiale. E si torna a Le Castellet con una Ferrari in testa alla classifica piloti, quella di Sebastian Vettel.

95° GRAN PREMIO DI FRANCIA
LE CASTELLET – CIRCUIT PAUL RICARD

Round 8/21 – 22/23/24 giugno 2018
985° Gran Premio

Il Gran Premio di Francia è assente dal mondiale dal 2008: a Magny-Cours, sede del GP ininterrottamente dal 1991 al 2008 appunto, l’ultimo team a trionfare fu la Ferrari con una doppietta. A salire sul gradino più alto del podio Felipe Massa, vincitore davanti all’allora campione in carica Kimi Raikkonen, vittima di un problema ad uno scarico che l’ha costretto a rallentare lasciando la vittoria al brasiliano. Su diciotto edizioni svoltesi a Magny-Cours, otto sono state vinte da Michael Schumacher, detentore del record dell’evento. Il tedesco, tra l’altro, ha partecipato a 15 delle 18 edizioni, vincendone quindi oltre il 50% con il dolce ricordo, tra gli altri, del 2002; mondiale chiuso addirittura a luglio vincendo davanti a Kimi Raikkonen.

Si torna quindi a Le Castellet dopo ben ventotto anni. La cittadina, di poco superiore ai 4.000 abitanti, si trova nel sud della Francia, in Provenza, a circa 35 km in linea d’aria da Marsiglia. Come anticipato era il 1990 quando qui si disputò per l’ultima volta un GP; ovvero quando Alain Prost, a bordo della Ferrari, conquistò la storica vittoria numero 100 per il Cavallino nella stagione che l’avrebbe visto protagonista della lotta mondiale con Ayrton Senna, svanita come tutti sappiamo a Suzuka.

Il ritorno al “Paul Ricard” vedrà la Formula 1 gareggiare sulla versione lunga del tracciato transalpino (nella mappa seguente), che misura ora 5.842 metri rispetto a quella accorciata, di due chilometri più lenta, utilizzata tra il 1986 ed il 1990 in seguito al tragico incidente di Elio De Angelis. La nuova versione del tracciato prevede, però, una chicane (la Chicane Nord) utilizzata per spezzare il ritmo del lungo rettilineo del Mistral e per impedire di arrivare alla curva Signes con una velocità troppo elevata. Il Paul Ricard doveva tornare in calendario inizialmente nel 2013, poi alcuni problemi nel reperire i fondi necessari hanno posticipato il rientro nel Circus. Durante questi anni, comunque, il circuito è stato teatro di test soprattutto per quanto riguarda le gomme Pirelli.

Si arriva a Le Castellet da un Gran Premio del Canada che ha visto la Ferrari trionfare con Sebastian Vettel in “casa” Hamilton. In uno dei suoi circuiti preferiti, dove ha conquistato la prima vittoria in F1 nel 2007, l’inglese ha incontrato un weekend difficile, concluso fuori dal podio (quinto dietro Daniel Ricciardo) e con la perdita del primato in classifica generale in favore del tedesco per un solo punto. Sul podio con Vettel, infatti, sono andati un ottimo Valtteri Bottas e Max Verstappen, che ha riscattato con un buon weekend l’errore di Montecarlo. In questo weekend torneranno le gomme Pirelli a battistrada ridotto che a Barcellona hanno dato diversi grattacapi proprio alla Ferrari. Il Cavallino, nei test seguenti al GP sul Circuit di Catalunya, ha dichiarato di aver scoperto i suoi problemi appoggiando la scelta del fornitore di portare questo tipo di mescole. 

Un’altra grande novità, in ottica però 2019, riguarda la Red Bull. Il team diretto da Chris Horner ha infatti annunciato in settimana il passaggio alla fornitura Honda a partire dalla prossima stagione. Dopo aver seguito evidentemente da vicino l’inizio dell’avventura di Toro Rosso con il motorista nipponico, il team ha deciso di seguire la scelta abbandonando così Renault per tentare di vincere con una Power Unit non “clienti”. Per Honda si tratta di una sfida importantissima, decisiva per riscattare il triennio indimenticabile (in negativo, ovviamente) con Mclaren.

Sarà sicuramente un weekend con qualche punto di domanda. Non si corre da tanto, le gomme non sono quelle “standard” e ci potrebbero essere sorprese tra vincitori e vinti. Questi ultimi si potranno comunque rifare in fretta: in quindici giorni la Formula 1 correrà tre Gran Premi. Dopo Le Castellet seguiranno subito Austria e Gran Bretagna, a sette giorni l’una dell’altra.

 

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

LA MAPPA

F1 | Gran Premio di Francia 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Le Castellet 1
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

I NUMERI DEL GRAN PREMIO

DATI TECNICI

Nazione: Francia
Circuito: Circuit Paul Ricard
Posizione: Google Maps
Lunghezza del circuito: 5,842 km
Giri da percorrere: 53
Distanza totale: 309,626 km
Numero di curve: 15
Senso di marcia: orario
Mescole Pirelli: ultrasoft/supersoft/soft
Primo Gran Premio: 1906

I RECORD

Giro gara: –
Distanza: –
Vittorie pilota: 8 – M Schumacher
Vittorie team: 17 – Ferrari
Pole pilota: 5 – J Fangio
Pole team: 17 – Ferrari
Km in testa pilota: 1.949 – M Schumacher
Km in testa team: 6.061 km – Ferrari
Migliori giri pilota: 5 – M Schumacher, D Coulthard
Migliori giri team: 14 – Ferrari
Podi pilota: 11 – M Schumacher, A Prost
Podi team: 48 – Ferrari

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

PIRELLI: LA PREVIEW

F1 | Gran Premio di Francia 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Le Castellet 2
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

GOMME: LE SCELTE DEI PILOTI

F1 | Gran Premio di Francia 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Le Castellet 3
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

ALBO D’ORO

Year Circuit Date Winning Driver Team Laps
61 2019 Paul Ricard Circuit 23 giugno Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53
60 2018 Paul Ricard Circuit 24 giugno Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53
59 2008 Circuit de Nevers Magny-Cours 22 Giugno Brasile Felipe Massa Italia Ferrari 70
58 2007 Circuit de Nevers Magny-Cours 1 Luglio Finlandia Kimi Räikkönen Italia Ferrari 70
57 2006 Circuit de Nevers Magny-Cours 16 Luglio Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 70
56 2005 Circuit de Nevers Magny-Cours 3 Luglio Spagna Fernando Alonso Francia Renault 70
55 2004 Circuit de Nevers Magny-Cours 4 Luglio Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 70
54 2003 Circuit de Nevers Magny-Cours 6 Luglio Germania Ralf Schumacher Regno Unito Williams 70
53 2002 Circuit de Nevers Magny-Cours 21 Luglio Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 72
52 2001 Circuit de Nevers Magny-Cours 1 Luglio Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 72
51 2000 Circuit de Nevers Magny-Cours 2 Luglio Regno Unito David Coulthard Regno Unito McLaren 72
50 1999 Circuit de Nevers Magny-Cours 27 Giugno Germania Heinz-Harald Frentzen Irlanda Jordan 72
49 1998 Circuit de Nevers Magny-Cours 28 Giugno Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 71
48 1997 Circuit de Nevers Magny-Cours 29 Giugno Germania Michael Schumacher Italia Ferrari 72
47 1996 Circuit de Nevers Magny-Cours 30 Giugno Regno Unito Damon Hill Regno Unito Williams 72
46 1995 Circuit de Nevers Magny-Cours 2 Luglio Germania Michael Schumacher Italia Benetton 72
45 1994 Circuit de Nevers Magny-Cours 3 Luglio Germania Michael Schumacher Italia Benetton 72
44 1993 Circuit de Nevers Magny-Cours 4 Luglio Francia Alain Prost Regno Unito Williams 72
43 1992 Circuit de Nevers Magny-Cours 5 Luglio Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams 69
42 1991 Circuit de Nevers Magny-Cours 7 Luglio Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams 72
41 1990 Paul Ricard Circuit 8 Luglio Francia Alain Prost Italia Ferrari 80
40 1989 Paul Ricard Circuit 9 Luglio Francia Alain Prost Regno Unito McLaren 80
39 1988 Paul Ricard Circuit 3 Luglio Francia Alain Prost Regno Unito McLaren 80
38 1987 Paul Ricard Circuit 5 Luglio Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams 80
37 1986 Paul Ricard Circuit 6 Luglio Regno Unito Nigel Mansell Regno Unito Williams 80
36 1985 Paul Ricard Circuit 7 Luglio Brasile Nelson Piquet Regno Unito Brabham 53
35 1984 Dijon-Prenois 20 Maggio Austria Niki Lauda Regno Unito McLaren 79
34 1983 Paul Ricard Circuit 17 Aprile Francia Alain Prost Francia Renault 54
33 1982 Paul Ricard Circuit 25 Luglio Francia René Arnoux Francia Renault 54
32 1981 Dijon-Prenois 5 Luglio Francia Alain Prost Francia Renault 80
31 1980 Paul Ricard Circuit 29 Giugno Australia Alan Jones Regno Unito Williams 54
30 1979 Dijon-Prenois 1°Luglio Francia Jean-Pierre Jabouille Francia Renault 80
29 1978 Paul Ricard Circuit 2 Luglio Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus 54
28 1977 Dijon-Prenois 3 Luglio Stati Uniti Mario Andretti Regno Unito Lotus 80
27 1976 Paul Ricard Circuit 4 Luglio Regno Unito James Hunt Regno Unito McLaren 54
26 1975 Paul Ricard Circuit 6 Luglio Austria Niki Lauda Italia Ferrari 54
25 1974 Dijon-Prenois 7 Luglio Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus 80
24 1973 Paul Ricard Circuit 1°Luglio Svezia Ronnie Peterson Regno Unito Lotus 54
23 1972 Charade Circuit 2 Luglio Regno Unito Jackie Stewart Regno Unito Tyrrell 38
22 1971 Paul Ricard Circuit 4 Luglio Regno Unito Jackie Stewart Regno Unito Tyrrell 55
21 1970 Charade Circuit 5 Luglio Austria Jochen Rindt Regno Unito Lotus 38
20 1969 Charade Circuit 6 Luglio Regno Unito Jackie Stewart Francia Matra 38
19 1968 Rouen-Les-Essarts 7 Luglio Belgio Jacky Ickx Italia Ferrari 60
18 1967 Circuit de la Sarthe 2 Luglio Australia Jack Brabham Regno Unito Brabham 80
17 1966 Reims-Gueux 3 Luglio Australia Jack Brabham Regno Unito Brabham 48
16 1965 Charade Circuit 27 Giugno Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus 40
15 1964 Rouen-Les-Essarts 28 Giugno Stati Uniti Dan Gurney Regno Unito Brabham 57
14 1963 Reims-Gueux 30 Giugno Regno Unito Jim Clark Regno Unito Lotus 53
13 1962 Rouen-Les-Essarts 8 Luglio Stati Uniti Dan Gurney Germania Porsche 54
12 1961 Reims-Gueux 2 Luglio Italia Giancarlo Baghetti Italia Ferrari 52
11 1960 Reims-Gueux 3 Luglio Australia Jack Brabham Regno Unito Cooper 50
10 1959 Reims-Gueux 5 Luglio Regno Unito Tony Brooks Italia Ferrari 50
9 1958 Reims-Gueux 6 Luglio Regno Unito Mike Hawthorn Italia Ferrari 50
8 1957 Rouen-Les-Essarts 7 Luglio Argentina Juan Manuel Fangio Italia Maserati 77
7 1956 Reims-Gueux 1°Luglio Regno Unito Peter Collins Italia Ferrari 61
6 1954 Reims-Gueux 4 Luglio Argentina Juan Manuel Fangio Germania Mercedes 61
5 1953 Reims-Gueux 5 Luglio Regno Unito Mike Hawthorn Italia Ferrari 60
4 1952 Rouen-Les-Essarts 6 Luglio Italia Alberto Ascari Italia Ferrari 76
3 1951 Reims-Gueux 1°Luglio Argentina Juan Manuel Fangio Italia Alfa Romeo 53
2 1950 Reims-Gueux 2 Luglio Argentina Juan Manuel Fangio Italia Alfa Romeo 64

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

GLI ORARI

F1 | Gran Premio di Francia 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Le Castellet 4
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

Da quest’anno il nostro Fantapronostici diventa FantaF1 e si trasferisce sul nostro Forum. Registrati o collegati per poter giocare con noi.

Per i testi, anteprima a cura di Domenico Della Valle. Riassunto storico a cura di Francesco Ferrandino. Mappa circuito e grafica orari a cura di Francesco Ferraro. Impaginazione a cura di Alessandro Secchi.

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

NASCAR | Annunciato il calendario modificato fino ad agosto

Nella giornata odierna la Nascar ha annunciato un'ulteriore parte del calendario modificato in seguito all'emergenza coronavirus. Nessuna sorpresa in questo update...

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,678FollowersFollow
F1 | Gran Premio di Francia 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Le Castellet 6
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE