F1 | Gran Premio della Cina 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Shanghai

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Neanche il tempo di metabolizzare il weekend del Bahrain che la Formula 1 si sposta a Shanghai per il Gran Premio della Cina, terzo appuntamento del mondiale 2018 che si disputa sullo Shanghai International Circuit.

La seconda vittoria di fila della Ferrari è un’iniezione di fiducia particolare per la Rossa, capace di bissare il successo di Melbourne con una prestazione tutta rischio e cuore a dispetto di una Mercedes che in gara ha mostrato di avere ancora un passo importante.

15° GRAN PREMIO DELLA CINA
SHANGHAI INTERNAZIONAL CIRCUIT
Round 3/21 – 13/14/15 aprile 2018
980° Gran Premio

Si giunge in Cina dopo un Gran Premio del Bahrain fantastico per la Ferrari. La Rossa ha conquistato una vittoria importante dopo una gara al cardiopalma, frutto di un azzardo strategico che ha tenuto i tifosi incollati allo schermo durante gli ultimi giri. Dopo una doppietta meravigliosa in qualifica, con Sebatian Vettel in pole su Kimi Raikkonen, il tedesco è stato capace di ribaltare le previsioni di metà gara, quando la Mercedes sembrava favorita per la vittoria da una strategia con un solo pitstop. Il team ha deciso di tentare di andare fino in fondo al GP prolungando di molto lo stint su gomme soft ed il tedesco è stato perfetto nel gestire le gomme nell’ultima parte di gara, resistendo al ritorno di Valtteri Bottas che nel finale si è fatto minaccioso alle sue spalle. Lewis Hamilton, attardato dalla penalità dovuta alla sostituzione del cambio, si è dovuto accontentare della terza posizione. 

Peggio è andata a Kimi Raikkonen, l’unica nota negativa del weekend ferrarista. Il finlandese si è dovuto ritirare dopo il suo pitstop a causa di un incidente che ha coinvolto uno dei meccanici preposti ai lavori sulla ruota posteriore sinistra. Ripartita su indicazione errata del semaforino posto in piazzola, la monoposto ha falciato Francesco Cigarini, che con i suoi colleghi stava ancora cercando di rimuovere la ruota rimasta fissata al mozzo. Nell’incidente il meccanico ha riportato la frattura di tibia e perone. Cigarini è stato operato con successo e ha già iniziato la sua riabilitazione.

Gara da dimenticare per le Red Bull, entrambe fuori gioco dopo pochi giri, e da incorniciare per la Toro Rosso, che spinta dalla PU Honda ha portato al quarto posto Pierre Gasly. Mclaren doppiate e con urgenti domande da porsi. Bene anche la Sauber con Ericsson, nono.

La Ferrari ha capitalizzato il massimo possibile dai primi due appuntamenti, sebbene la Mercedes dia l’impressione di avere ancora un leggero vantaggio generale soprattutto sul passo gara. La VSC a Melbourne ed il rischio corso a Sakhir hanno fruttato 50 punti d’oro in classifica con un vantaggio su Hamilton di 17 punti, che permette di continuare a lavorare per migliorare la SF71-H senza il fiato sul collo del dover rincorrere.

Ora tocca alla Cina, Gran Premio nel quale proprio il gioco della VSC a parti invertite ha tolto la vittoria a Vettel un anno fa in favore del campione in carica inglese. Si corre a Shanghai dal 2004 (Leggi la storia del GP) e siamo quindi alla 15a edizione di questo Gran Premio, che si svolge nel distretto di Jiading alla periferia est della megalopoli cinese con circa 27 milioni di abitanti. È la città più popolosa del mondo. Leggi la scheda dello SHANGHAI INTERNATIONAL CIRCUIT.

Il tracciato è uno dei primi circuiti di nuova generazione realizzati all’inizio degli anni 2000 su progetto dell’architetto tedesco Tilke con la mission di portare il cicus a quattro ruote nei nuovi mercati emergenti con un enorme bacino di utenza televisivo e quindi soprattutto pubblicitario. Il circuito di Shanghai è stato anche utilizzato dal motomondiale nelle stagioni 2005-2008. Il tracciato è caratterizzato da una serie di curve veloci e da un lunghissimo rettilineo che termina con una violenta staccata.

Sarà importante per la Ferrari confermare la competitività mostrata in Bahrain, sebbene la Mercedes sia ancora in attesa di una gara senza intoppi. Obbligatorio per la Red Bull iniziare a fare punti, mentre sarà interessante vedere ancora all’opera la Toro Rosso per capire se quello di Sakhir è stata solo una magnifica eccezione. In questo, forse spera la Mclaren.

Seguono tutti i dettagli relativi al Gran Premio della Cina.

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

LA MAPPA

Shanghai_International_Circuit

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

I NUMERI DEL GRAN PREMIO

DATI TECNICI

Nazione: Cina
Circuito:
Posizione: Google Maps
Inaugurazione: 2004
Primo GP in F1: 2004
Lunghezza del circuito: 5,451 km
Giri da percorrere: 56
Distanza totale: 305,066 km
Numero di curve: 16
Senso di marcia: orario
Mescole Pirelli: supersoffice/soffice/media
Apertura farfalla: 55% della percorrenza

I RECORD

Giro gara: 1:32.238 – M Schumacher – Ferrari – 2004
Distanza: 1h29:12.420 – R Barrichello – Ferrari – 2004
Vittorie pilota: 5 – L Hamilton
Vittorie team: 5 – Mercedes
Pole pilota: 6 – L Hamilton
Pole team: 5 – Mercedes
Km in testa pilota: 1.363 – L Hamilton
Km in testa team: 1.641 – Mercedes
Migliori giri pilota: 4 – L Hamilton
Migliori giri team: 3 – McLaren
Podi pilota: 8 – L Hamilton
Podi team: 11 – Ferrari

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

PIRELLI: LA PREVIEW

F1 | Gran Premio della Cina 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Shanghai

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

GOMME: LE SCELTE DEI PILOTI

F1 | Gran Premio della Cina 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Shanghai

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

ALBO D’ORO

YearCircuitDateWinning DriverTeamLaps
162019Shanghai International Circuit14 aprileRegno Unito Lewis HamiltonGermania Mercedes56
152018Shanghai International Circuit15 aprileAustralia Daniel RicciardoAustria Red Bull56
142017Shanghai International Circuit9 aprileRegno Unito Lewis HamiltonGermania Mercedes56
132016Shanghai International Circuit17 aprileGermania Nico RosbergGermania Mercedes56
122015Shanghai International Circuit12 AprileRegno Unito Lewis HamiltonGermania Mercedes56
112014Shanghai International Circuit20 AprileRegno Unito Lewis HamiltonGermania Mercedes54
102013Shanghai International Circuit14 AprileSpagna Fernando AlonsoItalia Ferrari56
92012Shanghai International Circuit15 AprileGermania Nico RosbergGermania Mercedes56
82011Shanghai International Circuit17 AprileRegno Unito Lewis HamiltonRegno Unito McLaren56
72010Shanghai International Circuit18 AprileRegno Unito Jenson ButtonRegno Unito McLaren56
62009Shanghai International Circuit19 AprileGermania Sebastian VettelAustria Red Bull56
52008Shanghai International Circuit19 OttobreRegno Unito Lewis HamiltonRegno Unito McLaren56
42007Shanghai International Circuit7 OttobreFinlandia Kimi RäikkönenItalia Ferrari56
32006Shanghai International Circuit1 OttobreGermania Michael SchumacherItalia Ferrari56
22005Shanghai International Circuit16 OttobreSpagna Fernando AlonsoFrancia Renault56
12004Shanghai International Circuit26 SettembreBrasile Rubens BarrichelloItalia Ferrari56

[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

GLI ORARI

F1 | Gran Premio della Cina 2018: anteprima, record, statistiche ed orari di Shanghai
[spacer color=”CCCCCC” icon=”Select a Icon” style=”1″]

Da quest’anno il nostro Fantapronostici diventa FantaF1 e si trasferisce sul nostro Forum. Registrati o collegati per poter giocare con noi.

Per i testi, anteprima a cura di Domenico Della Valle. Riassunto storico a cura di Francesco Ferrandino. Mappa circuito e grafica orari a cura di Francesco Ferraro. Impaginazione a cura di Alessandro Secchi.

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE