Matomo

F1 | Gran Premio d’Austria 2018, griglia di partenza e penalità

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Segue la griglia di partenza del Gran Premio d’Austria 2018 di F1, che scatterà sul Red Bull Ring di Spielberg alle ore 15.10. 

Pole position e record della pista per Valtteri Bottas con la Mercedes in 1:03.130. Alle sue spalle, per soli 19 millesimi, il compagno di squadra e campione in carica Lewis Hamilton. La terza posizione, dopo la penalità comminata a Sebastian Vettel, è ereditata da Kimi Raikkonen con la Ferrari. Scala in seconda fila anche Max Verstappen con la prima Red Bull, che passa quindi al quarto posto. La terza fila è aperta dalla sorprendente Haas di Romain Grosjean: al suo fianco, in sesta posizione, la Ferrari di Sebastian Vettel. 

Quarta fila per la Red Bull di Daniel Ricciardo e l’altra Haas di Kevin Magnussen. A chiudere la top ten la coppia Renault con Carlos Sainz davanti a Nico Hulkenberg.

Sul fronte penalità abbiamo, come anticipato, le tre posizioni comminate a Vettel per aver ostacolato Carlos Sainz durante le qualifiche. Inoltre c’è una penalità di cinque posizioni per la Sauber di Charles Leclerc, sulla quale è stato sostituito il cambio.

Segue la griglia completa ad opera di Sauro Torreggiani.

EDIT ore 12.50: sono sopraggiunte penalità per Brendon Hartley e Fernando Alonso. Sulla Toro Rosso sono state sostituite diverse parti della Power Unit, quindi Hartley partirà dal fondo della griglia. Alonso, invece, per il cambio dell’ala anteriore, dell’MGU-K e di un tubo di pitot, partirà dalla Pitlane.

F1 | Gran Premio d'Austria 2018, griglia di partenza e penalità 1

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | GP Portogallo 2020: la gara di Charles Leclerc (Ferrari), quarto al traguardo

Segue l'analisi del GP Portogallo 2020 di Charles Leclerc. Il pilota monegasco del team Ferrari ha chiuso quarto sotto la bandiera a...
F1 | Gran Premio d'Austria 2018, griglia di partenza e penalità 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE