F1 | GP Toscana 2020, Qualifiche, Leclerc: “La quinta posizione era il massimo cui potevamo ambire oggi”

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Charles Leclerc dopo le qualifiche del GP Toscana 2020

Leggi il resoconto delle Qualifiche

Leggi la cronaca

“Sono contento di essere tornato nella top ten, il Q3 nelle ultime due gare mi è mancato parecchio! Recentemente abbiamo faticato davvero tanto ed è bello rivedere finalmente un po’ di luce. Penso che le ragioni che ci hanno portato ad avere un passo così buono non ci siano ancora completamente chiare ma sarà molto importante cercare di capire a quali dinamiche siano connesse perché è così che possiamo dare costantemente il meglio. Le caratteristiche di questa pista probabilmente si sposano meglio con la nostra vettura e credo che il pacchetto per circuiti da medio carico aerodinamico sia meglio di quello che abbiamo per tracciati come Monza o Spa: su quelle piste ho faticato tantissimo a guidare la macchina mentre qui mi sono sentito decisamente più a mio agio, e questo mi ha aiutato a prendere confidenza con il Mugello. La quinta posizione era il massimo cui potevamo ambire oggi e, anche se ci manca prestazione rispetto a chi ci precede, mi sento di dire che in termini di bilanciamento la vettura fosse molto a posto.

La gara non sarà affatto facile perché abbiamo diverse monoposto dietro di noi che hanno il potenziale per essere più veloci, ma speriamo di riuscire a offrire ai nostri tifosi un po’ di divertimento e magari di concludere in questa stessa posizione se non meglio”.

Fonte: Ferrari Media

Immagine di copertina: Twitter – Ferrari

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | GP Toscana 2020, Qualifiche, Leclerc: "La quinta posizione era il massimo cui potevamo ambire oggi" 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE