F1 | GP Toscana 2020, FP3: Bottas ok, Vestappen a 17 millesimi. Leclerc 7°

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Gruppo Discussione

Twitter

Instagram

Il finlandese in forma prima delle qualifiche. Male Vettel, 18°

Valtteri Bottas è il migliore nell’ultima sessione di prove libere del Gran Premio di Toscana. Il pilota finlandese della Mercedes ha girato in 1:16.530 con soli 17 millesimi di vantaggio sulla Red Bull di Max Verstappen.

L’olandese è carichissimo in vista delle qualifiche con una RB16 che sembra assecondarlo bene sulle velocissime curve del Mugello.

Terza posizione per Lewis Hamilton. L’inglese non è lontano, anzi. Sono 83 i millesimi che racchiudono, con lui, i primi tre della classifica.

Dalla quarta posizione in poi aumentano i distacchi. Lance Stroll, quarto con una Racing Point mezza nuova (per lui e non per Perez, in questo weekend) è a quasi sei decimi dalla vetta seguito dal vincitore di Monza Pierre Gasly con l’Alphatauri, a sette decimi dal miglior tempo di Bottas.

Settima posizione per la prima Ferrari, quella di Charles Leclerc. Il monegasco per ora è a nove decimi e mezzo dal miglior tempo e precede la Red Bull di Alex Albon. Il thailandese ha rimediato ad una brutta sessione con un giro ulteriore nel finale, ma resta comunque ad un secondo dal compagno di squadra.

A chiudere la top ten ci sono l’altra AlphaTauri di Daniil Kvyat, nono a 1.1 e la Haas di Romain Grosjean, decimo. Male, per ora, Sebastian Vettel. Il tedesco della Ferrari è solo diciottesimo a 1.6 da Bottas seguito da Lando Norris, anche lui in difficoltà in questa sessione.

Seguono i tempi di sessione.

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

F1 | GP Toscana 2020, FP3: Bottas ok, Vestappen a 17 millesimi. Leclerc 7° 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE