F1 | GP Stati Uniti 2022, protesta Haas accolta contro Alpine, 30 secondi di penalità ad Alonso che perde il 7° posto

di Alessandro Secchi @alexsecchi83
24 Ottobre 2022 - 09:48

La protesta Haas viene accolta nei confronti di Alonso. Lo spagnolo perde i punti conquistati ad Austin

I commissari del GP Stati Uniti 2022 hanno accolto la protesta di Haas nei confronti dell’Alpine di Fernando Alonso, imponendo una penalità di 30 secondi al pilota spagnolo in luogo di uno Stop&Go non applicabile durante la gara.

Il caso riguarda lo specchietto destro della monoposto #14, rimasto pericolante per diversi giri dopo l’incidente con Lance Stroll del 22° passaggio e staccatosi definitivamente nel corso del 48° giro della gara di Austin.

alonso
Il momento esatto in cui lo specchietto destro di Alonso vola via

Guenther Steiner ha spiegato di aver contattato due volte la Race Control per segnalare la pericolosità dello specchietto, ricevendo conferma che la situazione era monitorata.

Alan Permane ha risposto che il danno allo specchietto non era stato causato dal suo pilota ma dal contatto con Stroll, per il quale il canadese è stato penalizzato con tre posizioni di penalità per il Messico.

Permane ha aggiunto che dopo la perdita dello specchietto Alonso ha avuto solo una volta un pilota alle sue spalle e che per questo è stato avvisato costantemente del gap. Infine, ha ricordato due episodi del GP del Giappone 2019 in cui a Lewis Hamilton e Charles Leclerc è stato permesso di continuare con problemi agli specchietti.

Le immagini hanno confermato che tra il 22° ed il 48° giro la monoposto dell’asturiano ha girato con lo specchietto destro che ballava vistosamente, quindi senza possibilità per Alonso di guardare alle sue spalle da quel lato.

Jo Bauer ha confermato che in questa situazione lo specchietto era pericoloso ed avrebbe potuto colpire un altro pilota ferendolo, pertanto è considerato non sicuro, cosa confermata anche da Nicholas Tombazies. Bauer ha anche ricordato che una monoposto deve sempre avere a disposizione due specchietti.

I commissari hanno riconosciuto di non aver dato a Fernando Alonso la bandiera nera con disco arancio, nonostante le due chiamate dal parte del Team Haas. Considerato quindi che, secondo l’articolo 3.2 del Regolamento Sportivo, una monoposto deve sempre correre in condizioni di sicurezza e l’Alpine dello spagnolo non lo era, è stata riconosciuta una penalità equivalente ad uno Stop&Go, ovvero di trenta secondi. Con questi Alonso perde la settima posizione e finisce in quindicesima e fuori dai punti.

Haas aveva protestato segnalando che tre volte, in questa stagione, a Kevin Magnussen era stata sventolata la bandiera nera con bollo arancio per l’ala anteriore danneggiata, lamentandosi quindi che non fosse stato preso un provvedimento nei confronti di Alonso appunto e di Pérez (la cui protesta è stata respinta)

Segue il comunicato ufficiale