F1 | GP Spagna 2024: le infografiche post qualifiche Pirelli

F1 | GP Spagna 2024: le infografiche post qualifiche Pirelli

ComunicatiF1GP SpagnaGran Premi
Tempo di lettura: 4 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
22 Giugno 2024 - 22:15
Home  »  ComunicatiF1GP SpagnaGran Premi

Segue l’analisi Pirelli delle qualifiche del GP Spagna 2024

Dopo 1001 giorni, la McLaren torna in pole position in un Gran Premio e lo fa grazie a Lando Norris, lo stesso pilota che aveva siglato l’ultima partenza al palo della squadra di Woking, il 25 settembre del 2021 a Sochi nel Gran Premio di Russia. Norris, alla seconda pole della carriera, ha superato di appena venti millesimi di secondo Max Verstappen: 1’11”383 il tempo del pilota inglese, 1’11”403 quello del collega olandese. Alle loro spalle ci sono quattro piloti racchiusi in appena 35 millesimi: in seconda fila partirà la coppia di piloti della Mercedes (1’11”701 per Lewis Hamilton, 1’11”703 per George Russell), in terza quella della Ferrari (1’11”731 per Charles Leclerc, 1’11”736 per Carlos Sainz).

Per la McLaren quella di oggi è la pole position numero 157 nella storia, la decima in questo Gran Premio: era dal 2005 – allora ci riuscì grazie a Kimi Raikkonen – che non otteneva questo risultato sul Circuit de Barcelona-Catalunya.

LA GIORNATA IN PISTA

La terza sessione di prove libere ha visto diversi team lavorare esclusivamente su performance run mentre altri hanno effettuato anche delle simulazioni di porzioni di gara, utilizzando peraltro diversi quantitativi di benzina a bordo, cercando di raccogliere ulteriori indicazioni sul comportamento dei pneumatici e sulla loro gestione.

In qualifica, si è confermato quanto si era già visto ieri: su un tracciato severo con le gomme come quello di Barcellona il picco di prestazione si ha nel primo giro cronometrato ed è praticamente impossibile potersi migliorare successivamente. In gara, poter disporre di un set di Soft nuove potrebbe apportare un vantaggio, soprattutto se usato alla partenza.

Il Pirelli Pole Position Award è stato consegnato a Lando Norris da Massimiliano “Max” Sirena, Team Director e skipper di Luna Rossa Prada Pirelli. Sirena ha vinto due volte l’America’s Cup (2010 e 2017) e due la Challenger Series (2000 e 2021), competizione cui ha preso parte in vari ruoli già cinque volte: ora è pronto a salpare con il nuovo AC75 da Barcellona all’inseguimento di nuove vittorie.

Leggi il resoconto delle Qualifiche

Leggi la cronaca

INFOGRAFICHE

PARLA MARIO ISOLA

“Ancora una qualifica molto serrata, con distacchi ridotti e diverse squadre e piloti che si dimostrano di volta in volta in grado di aspirare alle primissime posizioni. Con la pole di Norris di oggi sono quattro le vetture (Red Bull, Ferrari, Mercedes e, ora, McLaren) che in queste prime dieci gare della stagione sono riuscite ad ottenere il primato nelle qualifiche. Su una pista molto impegnativa per tutto il pacchetto vettura-motore-gomme abbiamo visto oggi come il progresso di prestazione da un anno all’altro sia nei fatti davvero importante: il tempo della pole di oggi è di quasi un secondo più basso rispetto all’anno scorso e oltre mezzo secondo inferiore a quello della media delle simulazioni ricevute dalle squadre.

Per quanto riguarda l’utilizzo delle gomme in gara, va tenuto in considerazione anche il considerevole calo delle temperature, in particolare di quella dell’asfalto, scesa di una decina di gradi rispetto a ieri pomeriggio. Se questa diminuzione non ha avuto effetti particolari sulla prestazione sul giro secco, potrebbe rivelarsi un fattore rilevante domani – quando peraltro è prevista anche una concreta possibilità di pioggia – rendendo sempre più probabile l’utilizzo della Medium e della Soft come mescole da asciutto più performanti: la strategia sulla carta più veloce, infatti, prevede l’utilizzo di due set di C3 e uno di C2. Da escludere l’opzione della sosta unica, troppo lenta, mentre l’ipotesi di una gara su quattro stint e tre soste non è poi così peregrina, essendo più lenta di una manciata di secondi rispetto alla doppia sosta. Molto importante sarà anche la capacità dei piloti di gestire la prestazione dei pneumatici lungo l’arco di ogni stint, un aspetto su cui le squadre hanno lavorato con molta attenzione anche nell’ultima sessione di prove libere”.

Fonte immagini e testi: Pirelli Motorsport

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEWINFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
FP2: Ven 17:00-18:00
FP3: Sab 12:30-13:30
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: )
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: )

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live