F1 | GP Spagna 2024, gara: Verstappen fa sua Barcellona. Norris spaventa col passo, Hamilton a podio. Leclerc 5° davanti a Sainz

F1 | GP Spagna 2024, gara: Verstappen fa sua Barcellona. Norris spaventa col passo, Hamilton a podio. Leclerc 5° davanti a Sainz

F1GP SpagnaGran Premi
Tempo di lettura: 5 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
23 Giugno 2024 - 17:03
Home  »  F1GP SpagnaGran PremiTop

Verstappen vince un’altra battaglia a distanza con Norris e una McLaren fortissimi. Mercedes bene, Ferrari quarta forza a Barcellona

Max Verstappen ha vinto il GP Spagna 2024. Per l’olandese è la settima vittoria di stagione, la numero 61 della carriera che lo porta sul podio per la 106a volta, al pari con Fernando Alonso e Alain Prost.

Il vantaggio della Red Bull, però, non è più quello di una volta e tocca all’olandese fare la differenza per mantenere la testa. La gara di Barcellona ha rappresentato un’altra sfida con la McLaren di Lando Norris, ancora fortissimo sul passo gara e secondo al traguardo per poco più di due secondi. L’inglese può recriminare sulla partenza, dove ha perso la posizione da Verstappen (e da Russell, portatosi incredibilmente in testa) e su un primo stint forse troppo lungo nel quale ha perso tempo prezioso rispetto alla Red Bull.

Non è comunque un mistero che la MCL38 sia al momento la vettura più vicina alla Red Bull, a tratti anche migliore nel passo gara e il risultato di Barcellona certifica lo status del team di Woking. Norris, dopo questa gara, è secondo nel mondiale. Alle spalle dei due amici / avversari un’ottima Mercedes, che ha portato Lewis Hamilton sul podio davanti a George Russell.

Il più giovane inglese è stato autore di una partenza a razzo dalla quarta posizione, che l’ha visto girare in testa alla prima curva mentre Verstappen e Norris battagliavano tra loro. Nel finale, Russell ha rischiato di perdere la posizione da Charles Leclerc, complice la scelta (sbagliata sia per lui che per la Ferrari di Sainz) di effettuare l’ultimo stint con le gomme dure rispetto alle soft degli altri piloti nelle prime posizioni.

La Ferrari, appunto è giunta quinta e sesta con il monegasco e con Carlos Sainz. Un risultato in linea con la qualifica e che lascia la Rossa come quarta forza dopo la gara di Barcellona. Non proprio quanto atteso prima di arrivare in Spagna.

La settima e l’ottava posizione hanno visto arrivare i due piloti più delusi dal weekend di Barcellona. Oscar Piastri, dopo un disastroso Q3, è giunto settimo con la seconda McLaren recuperando due posizioni rispetto al via, anonimo rispetto al compagno di squadra. Sergio Pérez, 11° al via dopo la penalità di tre posizioni per i fatti del Canada, ha portato la seconda Red Bull all’ottavo posto, ma senza mai avere un passo degno della monoposto iridata. A chiudere la top ten le due Alpine, rispettivamente nona e decima con Pierre Gasly ed Esteban Ocon.

La gara si è giocata su due soste: dopo le scintille iniziali, Verstappen ha accumulato vantaggio proteggendosi in vista delle prime soste. La scelta di allungare il primo stint è costata a Norris la seconda posizione a vantaggio delle Mercedes, superate dopo pochi giri. L’inglese ha recuperato terreno sulla Red Bull ma, dopo le seconde soste, Norris è tornato ad oltre otto secondi di ritardo dalla Red Bull. Con un buon passo, l’inglese ha ridotto il distacco con Verstappen a gestire la parte finale di gara.

Sulla griglia tutti con soft tranne Albon, su medie, dalla Pitlane. Gomme nuove per Norris e le Ferrari, usate per Verstappen e le Mercedes.

La partenza vede la sorpresa di George Russell che, mentre Verstappen e Norris lottano tra loro, sorprende tutti portandosi in testa in curva 1. L’inglese resiste però solo un paio di giri prima di essere superato dall’olandese con una manovra fantastica nello stesso punto. Il campione in carica comanda così su Russell, Norris, Hamilton e Sainz che si è preso la posizione su Leclerc.

In attesa delle prime soste, Verstappen allunga il vantaggio a 4 secondi su Russell dopo 15 giri, con l’inglese seguito da vicino dal gruppo di Norris, Hamilton, Sainz e Leclerc.

I primi a fermarsi sono Russell e Sainz dopo 16 giri, con il pit dell’inglese lento che lo porta ad essere raggiunto dallo spagnolo. Quando Hamilton si ferma il giro dopo, rientra anche alle spalle della Ferrari dello spagnolo. Ancora un giro ed è il turno di Verstappen, che rientra davanti tra i piloti che si sono fermati. Hamilton si libera di Sainz con un bel sorpasso, mentre le McLaren e Leclerc continuano. Norris rientra alle spalle delle Mercedes dopo la sua sosta all’inizio del 24° giro, il monegasco si ritrova sesto un giro dopo.

A prime soste completate, Verstappen ha 5.5 secondi su Russell e 7 su Hamilton, seguiti da Sainz, Norris e Gasly che ha superato Leclerc. Norris si libera dello spagnolo della Ferrari di Hamilton a metà gara e Russell al 35° passaggio con una bella lotta tra i due, che permette a Lewis di riavvicinarsi.

La seconda serie di soste è aperta da Russell e Sainz all’inizio del 37° passaggio che passano sulle dure, mentre Verstappen resiste in testa con oltre 8 secondi di vantaggio su Norris, che inizia a recuperare terreno con gomme più fresche. In sette giri Norris si porta a 4 secondi dalla Red Bull che si ferma all’inizio del 45° passaggio per montare le soft. Stessa scelta di Hamilton un giro prima che svernicia Sainz.

A seconde soste completate, Verstappen si ritrova in testa ancora con 8 secondi di vantaggio sulla McLaren dell’inglese e sulle Mercedes di Russell e Hamilton, con Sainz e Leclerc a seguire. I primi due si ritrovano, stavolta, con lo stesso numero di giri sulle loro gomme.

Hamilton si prende la posizione sul podio su Russell con gomme soft contro le dure di Russell, mentre Verstappen viene invitato a spingere fino alla fine.

L’olandese risponde e ferma l’avanzamento di Russell a circa 5 secondi a dieci giri dalla fine, gestendo poi al decimo il vantaggio che si riduce fino ai 2.2 secondi finali con i quali Verstappen vince il GP Spagna 2024.

In classifica piloti, Verstappen sale a 219 punti con Norris che si porta in seconda posizione a quota 150, due punti davanti a Charles Leclerc. Nel Costruttori, Red Bull sale a 330 punti con Ferrari ancora seconda a 270 e McLaren che sale a 237.

Segue il risultato di gara. A seguire la cronaca e le dichiarazioni

Immagine

Immagine di copertina: Media Red Bull

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEWINFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
FP2: Ven 17:00-18:00
FP3: Sab 12:30-13:30
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: )
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: )

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live