F1 | GP Spagna 2022, gara: Verstappen sbaglia e poi vince anche contro il DRS. Doppietta Red Bull, Russell 3°, disastro Ferrari: Leclerc KO

Verstappen si complica la vita con un errore, litiga con il DRS ma alla fine, con la strategia e con il ritiro di Leclerc, vince e va in testa al mondiale

Da Barcellona – Max Verstappen vince il GP Spagna 2022 davanti a Sergio Perez e George Russell dopo una gara combattuta per due terzi dei 66 giri totali percorsi e molte emozioni. Una gara che vede Red Bull fare doppietta con Sergio Pérez nel ruolo perfetto di uomo squadra, un Russell ancora perfetto nella gestione della Mercedes ed un disastro in casa Ferrari. Charles Leclerc è costretto al ritiro a quasi metà gara per un problema tecnico della sua Ferrari #16 mentre è in testa e in gestione della gara. Carlos Sainz, dopo un errore in curva 4, ha a che fare con una gara incolore che si risolleva solo nel finale, con il quarto posto recuperato davanti a Lewis Hamilton. Il sette volte campione del mondo è protagonista di una bella rimonta dal fondo dopo un contatto con Kevin Magnussen.

Ma andiamo con ordine. Al via Charles Leclerc mantiene la testa della corsa su Verstappen, mentre la Ferrari di Sainz stalla e lo spagnolo perde posizioni. Lo sfilano Perez, Hamilton e Magnussen, con questi ultimi due che si toccano in curva 4. Per la Mercedes c’è la foratura dell’anteriore sinistra e Lewis è costretto a rimontare dal fondo.

Leclerc gestisce la prima posizione e allunga progressivamente su Verstappen quando la gara dell’olandese si complica due volte in pochi giri. Copiando praticamente un errore di Sainz al settimo giro, al nono passaggio l’olandese va largo in curva 9 e si ritrova alle spalle di Russell e Perez. Il compagno di squadra gli lascia strada per la prima volta e quando Max arriva alle spalle della Mercedes si ripresenta il problema al DRS della sua RB18, già avuto in qualifica e per il quale il team aveva sostituito alcune parti prima della gara. L’olandese impazzisce con l’ala mobile che si apre ad intermittenza. Nell’unica occasione vera che ha per superare Russell, si accende un duello mozzafiato, con i due ruota a ruota, puliti, leali e con l’inglese che mantiene la posizione.

Il colpo di scena che indirizza la gara arriva al giro 27, quando la monoposto di Leclerc viene inquadrata mentre rallenta vistosamente. Per il monegasco è ritiro e l’inerzia della corsa cambia completamente. A questo punto, dopo aver perso già troppo tempo, Red Bull opta per fermare l’olandese che, con un undercut deciso, recupera secondi su secondi con pista libera nei confronti dell’inglese, superato anche da Perez. Verstappen recupera come un forsennato e recupera sia la seconda che la prima posizione con le soste di Russell e del compagno di squadra.

Non è finita, perché l’olandese ha bisogno di una terza sosta per non rischiare con le soft. Quando torna in pista alle spalle di Perez, il compagno gli lascia strada per la seconda volta, con tanto di ringraziamento via radio. La terza sosta diventerà poi opzione praticamente per tutti, con le sole eccezioni di Bottas, Vettel, Schumacher e Magnussen.

Carlos Sainz, dopo lo stallo in partenza e l’errore in curva 4, recupera la quarta posizione nel finale persa precedentemente dalla rimonta di Lewis Hamilton. L’inglese, abbattuto ad inizio gara, suggerisce addirittura il ritiro della macchina al team ma poi, grazie alla strategia e ad una Mercedes comunque terza forza, riesce a recuperare fino al quinto posto.

Valtteri Bottas può dirsi felice del sesto posto finale con la sua Alfa Romeo ma con un pizzico di amarezza, dopo aver occupato per diversi giri la quarta piazza. Alpine recupera da una qualifica deludente, con Esteban Ocon settimo e Fernando Alonso che, partito ultimo, va a punti con la nona posizione. Tra di loro Lando Norris con la McLaren, partito fuori dalla top ten e bravo a recuperare. L’ultima posizione valida per i punti è quella di Yuki Tsunoda, decimo con l’AlphaTauri.

Verstappen va quindi a vincere la quarta gara della stagione, la numero 24 di carriera, con un 100% di vittorie sulle corse portate al termine in questo inizio di stagione. Soprattutto, Max va in testa al mondiale 110 punti contro i 104 di Leclerc, con Sergio Perez che sale a 85. In classifica costruttori Red Bull sale in testa con 195 punti superando la Ferrari (169), mentre Mercedes è terza a 120.

Segue il risultato di gara. A seguire la cronaca completa e le dichiarazioni dei piloti. Da Barcellona è tutto, prossimo appuntamento tra una settimana per il GP di Monaco a Montecarlo.

SSP300 | GP Estoril 2022, Gara 2: rimonta superlativa di Samuel Di Sora, trenta posizioni recuperate fino alla vittoria

Immagine di copertina: Media Red Bull

SHARE

SUBSCRIBE

ULTIME NEWS