F1 | GP Singapore 2023, gara: Carlos Sainz vince in modo LEGGENDARIO davanti a Norris e Hamilton! Leclerc 4°, Verstappen 5°

F1 | GP Singapore 2023, gara: Carlos Sainz vince in modo LEGGENDARIO davanti a Norris e Hamilton! Leclerc 4°, Verstappen 5°

F1GP SingaporeGran Premi
Tempo di lettura: 5 minuti
di Alessandro Secchi @alexsecchi83
17 Settembre 2023 - 16:22
Home  »  F1GP SingaporeGran PremiTop

Carlos Sainz vince un GP di Singapore che resterà nella storia per anni, con una tattica incredibile negli ultimi 10 giri

La Ferrari torna alla vittoria in F1 e lo fa con un Carlos Sainz leggendario, che vince il GP di Singapore 2023 con una tattica incredibile negli ultimi 10 giri dopo aver dominato il weekend di Marina Bay. Lo spagnolo, partito dalla Pole, nell’ultima parte di gara deve far fronte ad un gruppetto alle sue spalle formato da Lando Norris, George Russell e Lewis Hamilton, con le Mercedes avvantaggiate da gomme medie e più fresche rispetto alle dure usate dei primi due.

Sainz decide scientemente di assumersi un rischio tremendo, favorendo il suo ex compagno e offrendo il vantaggio del DRS alla McLaren per farla scappare dalle Mercedes. È una scelta di coraggio enorme, ma incredibilmente paga: l’inglese tiene a bada e bene Russell, il quale all’ultimo giro va anche a sbattere regalando il terzo gradino del podio a Hamilton. È una vittoria incredibile, non solo perché rappresenta la prima non Red Bull della stagione ma per l’intensità degli ultimi venti minuti. Per Sainz è la prima vittoria della stagione, la seconda in carriera dopo quella di Silverstone del 2022.

Al quarto posto arriva, distante, Charles Leclerc, penalizzato ad inizio gara dalla richiesta del team di difendere la posizione di Sainz. Su una gomma soft rispetto al resto del gruppo, il monegasco recupera subito la seconda posizione su Russell ma le interruzioni di gara lo portano a perdere tempo e posizioni. Nel finale, non riesce ad avere il passo degli altri e conclude giù dal podio.

Alle sue spalle giunge Max Verstappen. Il due volte campione del mondo fa il possibile nel weekend più nero dell’anno per la Red Bull, portando comunque a casa 10 punti davanti ad un fantastico Gasly. Alpine si consola con il sesto posto del francese dopo che Esteban Ocon, in lotta per punti importanti, è stato tradito dalla sua monoposto a due terzi di gara.

La McLaren chiude un ottimo weekend anche con Oscar Piastri che, alla prima a Singapore, giunge settimo davanti alla seconda Red Bull, quella di Sergio Pérez. Il messicano corre tutta la gara con l’ala anteriore danneggiata da un contatto che mette fuori gara Tsunoda dopo poche curve.

Il team di Faenza può comunque essere contento: Liam Lawson, alla terza gara con l’AlphaTauri, si concede il lusso di conquistare i primi punti in F1 con il nono posto davanti alla Haas di Kevin Magnussen, decimo al traguardo.

Charles Leclerc è l’unico nella top ten a partire con gomme soft, mentre le Red Bull partono dall’11a e 13a posizione con le dure.

Al via Russell parte male e permette a Leclerc di prendersi la seconda posizione. Hamilton tenta il sorpasso sul compagno ma va largo e tagliando le prime curve si ritrova davanti, per poi dover lasciare la posizione.

Le due Ferrari procedono in coppia con Russell, Norris, Hamilton e Alonso a seguire. L’inglese ha lasciato la posizione sia al compagno che al connazionale della McLaren. Verstappen guadagna tre posizioni nei primi giri mentre Pérez resta ancorato alla 13a di partenza.

La gara resta paralizzata da un ritmo basso nelle prime 20 tornate. Davanti Sainz gestisce il ritmo senza forzare e questo permette a tutti i primi di stare più vicini. Verstappen resta a 15 secondi dal leader in attesa delle soste.

Un’altra incognita diventa la pioggia, annunciata all’improvviso in arrivo dagli ingegneri McLaren. Il colpo di scena arriva però nel 20° giro, quando una Safety Car inserita per una toccata di Sargeant (con detriti lasciati in pista) scombina tutte le carte. Le due Red Bull ne approfittano per non fermarsi e recuperare posizioni vista la gomma dura per entrambi.

Dietro la SC Sainz si ritrova davanti a Verstappen, Russell, Pérez, Norris e Leclerc che perde posizioni al pit per il traffico in pitlane.

La gara riparte dopo 22 giri. Le Red Bull pagano subito dazio con le gomme usate. Russell passa Verstappen e Norris Pérez, con l’inglese che passa rapidamente anche Verstappen. L’olandese perde anche la posizione da Hamilton, mentre Leclerc si libera di entrambe le RB19 entro il 28° giro.

La gara diventa prettamente strategica. Sainz tiene compatto un gruppo con Russell, Norris, Hamilton, Leclerc, Verstappen e Pérez con le due Red Bull che non si fermano fino ai giri 41/42.

A 20 giri dal termine Sainz comanda ancora su Russell, Norris, Hamilton, Leclerc e Ocon che si è liberato con due bei sorpassi prima di Alonso e poi di Pérez.

Un paio di giri più tardi proprio Ocon deve abbandonare la gara per un problema tecnico alla sua Alpine ed entra la VSC. La Mercedes sceglie di rientrare con entrambi i piloti prima che la VSC termini, lasciando così Norris in seconda posizione dietro Sainz e davanti a Leclerc.

A otto giri dal termine Russell e Hamilton recuperano la terza e quarta posizione su Leclerc, per poi andare all’inseguimento di Norris. A cinque dal termine si forma il trenino per il finale di gara con Sainz, Norris, Russell e Hamilton.

Incredibile ma vero, Sainz riesce a conquistare la vittoria davanti a Norris e Lewis Hamilton. George Russell, nell’ultimo giro, tocca il muro e va a sbattere consegnando il podio al compagno di squadra.

Per la prima volta in stagione Red Bull resta fuori dal podio.

In classifica piloti Verstappen allunga ancora leggermente su Pérez, mentre Lewis Hamilton scavalca Fernando Alonso e sale in terza posizione. La Ferrari si avvicina al team di Brackley nel Costruttori.

Segue la classifica di gara. A seguire la cronaca e le dichiarazioni.

Immagine di copertina: Media Ferrari

Leggi anche

Il calendario completo del mondiale 2024

Tutte le ultime News di P300.it

È vietata la riproduzione, anche se parziale, dei contenuti pubblicati su P300.it senza autorizzazione scritta da richiedere a info@p300.it.

#13 | GP UNGHERIA
DATI E PREVIEWINFO SESSIONI E RISULTATI

19/21 luglio | Budapest
Hungaroring | 70 Giri

#hungariangp

LIBERE
FP1: Ven 13:30-14:30
FP2: Ven 17:00-18:00
FP3: Sab 12:30-13:30
QUALIFICHE
SKY: Sab 16:00-17:00
(TV8: )
GARA
SKY: Dom 15:00
(TV8: )

Lascia un commento

Devi essere collegato per pubblicare un commento.

COLLABORIAMO CON

P300.it SOSTIENE

MENU UTENTE

REGISTRATI

RICEVI LA NEWSLETTER
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
(puoi sempre iscriverti in seguito)
SOCIAL
Iscriviti sui nostri canali social
per ricevere aggiornamenti live