F1 | GP Sakhir 2020: la gara di Carlos Sainz (Mclaren), quarto

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Segue l’analisi del GP Sakhir 2020 di F1 di Carlos Sainz. Il pilota spagnolo del team Mclaren ha chiuso quarto sotto la bandiera a scacchi

GP Sakhir 2020, leggi il risultato di gara e la cronaca

Solito ottimo spunto per Sainz che, in scia a Perez, si avvicina ai primi e sfruttando il contatto tra il messicano, Verstappen e Leclerc, sopravanza anche Ricciardo, issandosi al 3° posto. Alla ripartenza dopo la Safety Car, riesce ad avere un’ottima uscita dall’ultima curva e prendendo la scia di Bottas, lo sopravanza alla prima staccata, andando però leggermente lungo nella curva successiva e permettendo così al finlandese di riprendersi la 2a posizione.

Già nel giro successivo perde nettamente contatto dalla Mercedes e trascorre tutta la prima parte di gara difendendosi dagli attacchi di Ricciardo che però sembra non avere mai la velocità necessaria per impensierirlo. Dopo una decina di giri, Sainz riesce anche a guadagnarsi un margine minimo che non consente a Ricciardo di avere il DRS e la situazione diventa più tranquilla.

La sosta lo fa scendere al 9° posto e impiega parecchi giri per ritornare in 3a posizione a causa delle strategie differenti scelte dalla Racing Point e da Ocon che si fermano molto più tardi rispetto allo spagnolo. La seconda parte di gara è di completa gestione per l’alfiere della McLaren che tiene a distanza Ricciardo e consolida la sua 3a piazza. Lo stop di Latifi lungo la pista costringe i commissari ad attivare il regime di Virtual Safety Car e Sainz, visto il cospicuo vantaggio su Perez, Ocon e Stroll, viene richiamato ai box per la seconda volta.

Purtroppo per lui, appena imbocca la pit-lane, la gara torna in regime di bandiera verde, annullando di fatto il vantaggio di effettuare la sosta per perdere meno tempo. Infatti, rientrato in pista, si ritrova alle spalle delle Racing Point, di Ocon e anche di Albon, al 7° posto. Alla ripartenza dopo la Safety Car, sale al 6° grazie al pit-stop del thailandese e si mette negli scarichi di Bottas tentando in ogni modo di attaccarlo.

Dopo qualche tentativo di affondo in frenata, lo spagnolo si rende protagonista di un’ottima azione che sorprende il finlandese che non si difende in modo efficace ed è costretto a lasciargli la posizione. Nel giro successivo, la quarta sosta di Russell consente a Sainz di salire in 4a piazza a gli dà la possibilità di attaccare Stroll per il podio. Purtroppo per la McLaren, il ritmo dei primi, fatta eccezione per Perez, è abbastanza equivalente e non consente a nessuno di ingaggiare dei veri e propri duelli.

Lo spagnolo fa segnare comunque la sua seconda miglior prestazione stagionale, migliorando la 5a posizione, già ottenuta in quattro occasioni, e pareggia la sua miglior striscia di Gran Premi in zona punti, sei.

Immagine di copertina: Twitter – Mclaren

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

ALTRI DALL'AUTORE