Matomo

F1 | GP Russia 2020: la gara di Charles Leclerc (Ferrari), sesto al traguardo

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Segue l’analisi del GP Russia 2020 di Charles Leclerc. Il pilota monegasco del team Ferrari ha chiuso sesto sotto la bandiera a scacchi

GP Russia 2020, leggi il risultato di gara e la cronaca

Lo spunto di Leclerc non è dei migliori, tanto che viene affiancato da Vettel, partito quattro piazzole dietro di lui. Tuttavia, tenendo l’interno in curva 2, riesce a riguadagnare le posizioni perse e, con un attacco molto deciso in curva 4 sopravanza anche Stroll con il quale entra però in contatto. Ad avere la peggio è proprio il canadese che finisce in testacoda e va a sbattere contro i muretti a bordo pista. Ritrovatosi quindi all’8° posto, perde progressivamente terreno da Gasly, ma allo stesso tempo tiene a distanza l’altra AlphaTauri di Kvyat. Grazie all’ottimo ritmo dimostrato, il monegasco è in grado di sfruttare alla perfezione le coperture Medie montate in partenza e alla fine risulta il penultimo pilota ad effettuare la sosta quando era salito fino alla 2a piazza.

Probabilmente, rientra un giro troppo tardi e non riesce a tornare in pista davanti a Ricciardo, anche se guadagna la posizione su Ocon e Gasly. Avvisato della penalità inflitta all’australiano, prova a restargli vicino per guadagnare il 5° posto a fine gara, ma il ritmo del nativo di Perth sulle coperture più dure è decisamente migliore e Leclerc si allontana in modo sensibile. Tenendo a distanza Ocon, il pilota della Ferrari percorre gli ultimi giri con relativa tranquillità. Miglior risultato delle ultime quattro gare per Leclerc che ottiene il massimo da una Ferrari sempre in difficoltà e pareggia tristemente la sua miglior striscia di gare in zona punti del 2020: solo due Gran Premi.

Immagine di copertina: Twitter – Ferrari

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Otto anni e molto di più, nel bene e nel male

Otto anni fa davo il via a Passione a 300 all'ora uscendo da un'esperienza che mi aveva lasciato l'amaro in bocca....

ALTRI DALL'AUTORE