F1 | GP Russia 2020, la cronaca della gara di Sochi

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Valtteri Bottas vince davanti a Max Verstappen e Lewis Hamilton

Segue la cronaca del Gran Premio di Russia 2020, vinto dal pilota finlandese della Mercedes sull’olandese della Red Bull e sul campione in carica e compagno di squadra.


Sulla griglia di partenza giunge la notizia di una nuova investigazione nei confronti di Lewis Hamilton per aver effettuato una prova di partenza nei giri di allineamento fuori dall’area designata.

Hamilton parte con gomme soft, Verstappen e Bottas sono su medie mentre tutti gli altri in top ten, a parte Leclerc, sono su soft. Il monegasco è su medie, Kvyat su dure, poi quasi tutti medie tranne Albon (soft) e Raikkonen (dure).

https://twitter.com/F1/status/1310176108034351104

Giro 1 | Subito Safety Car: Hamilton parte fortissimo con Bottas e Verstappen che si accodano. Il finlandese in approccio di curva due tenta l’affondo ma Lewis tiene benissimo. Alle spalle Verstappen va lungo e rientra alle spalle di Ricciardo riuscendo comunque a riprendersi la posizione. Anche Sainz va lungo. Mentre l’olandese riesce a passare dalla zona delimitata restando più esterno, lo spagnolo non valuta bene le distanze e si schianta sul muretto di sinistra rimbalzando in mezzo alla pista, fortunatamente senza coinvolgere nessuno. Anche Stroll finisce a muro, ma la sua uscita è dovuta ad un contatto con Leclerc in curva 4. Il canadese lascia spazio ma il contatto tra l’anteriore sinistra della Ferrari e la posteriore destra della RP20 è letale. Intanto qualcuno tenta la mossa ai box: Russell, Albon e Norris rientrano per montare gomme dure.

https://twitter.com/F1/status/1310178418483441664

Giro 6 | Si riparte con Hamilton che comanda su Bottas, Verstappen, Ocon, Ricciardo, Perez, Gasly, Leclerc, Magnussen, Grosjean.

https://twitter.com/F1/status/1310179590770429953

Giro 7 | Arrivano due penalità per Lewis Hamilton per le partenze nei giri di allineamento. Si tratta di due penalità singole da cinque secondi per un totale di dieci che l’inglese dovrà scontare in gara.
Giro 8 | Kvyat si libera di Grosjean per la decima posizione.

Giro 9 | A questo punto Hamilton ha 1.6 su Bottas ma con dieci secondi di penalità da scontare e gomme più morbide.
Giro 11 | Bel duello tra Albon, Norris e Russell che si trovano in fondo al gruppo dopo i pit in regime di Safety Car.
Giro 12 | Grande bloccaggio di Russell che lascia spazio ad Albon prima e Norris poi.
Giro 13 | Le Ferrari sono in ottava posizione con Leclerc e tredicesima con Vettel.
Giro 14 | Le due Mercedes si scambiano i settori più veloci con Hamilton che chiede al muretto di non essere fermato per il cambio gomme.

Giro 15 | Arriva il giro più veloce di Lewis in 1:39.773 mentre Perez si impegna in un bellissimo sorpasso su Ricciardo all’interno di curva 3. Pit per Russell dopo la spiattellata di pochi giri fa.

Giro 16 | Ancora giro veloce di Hamilton con Bottas che sale a 2.5 di distacco. Dentro Ricciardo per il suo pit. La Renault monta gomma dure.
Giro 17 | Arriva il pit per Lewis Hamilton. Si aspettano dieci secondi e poi la Mercedes riparte con gomme dure alle spalle di Vettel, in undicesima posizione.

Giro 18 | Bottas approfitta della situazione e fa segnare il giro più veloce in 1:39.439.
Giro 19 | Altro giro veloce per Bottas mentre Hamilton ha preso Vettel e lo passa di forza mentre Ocon e Gasly si sono fermati per la loro sosta.
Giro 20 | Bottas comanda con 5 secondi su Verstappen, 15 su Perez, 23 su Leclerc, 25 su Kvyat. Dentro per il pit anche Magnussen.
Giro 21 | Perez si ferma per il suo pit, mentre Bottas scende a 1:39.221.
Giro 22 | Altro GPV del finlandese in 1:39.081. Hamilton al momento è quinto a 38 secondi dal compagno. Verstappen è a 7 secondi da Bottas,
Giro 24 | Ancora Hamilton polemico via radio, con l’inglese che rimprovera il muretto di averlo fermato troppo presto.

Giro 25 | Gioco di squadra in Renault con Ocon che lascia passare Ricciardo per tentare di andare a prendere Vettel. Il francese si ferma praticamente sul rettilineo per lasciare spazio al compagno.
Giro 26 | Pit per Verstappen che monta gomma dura. L’olandese esce alle spalle di Kvyat. Hamilton perde tempo da Bottas ed è ora a 41 secondi dal compagno.
Giro 27 | Ricciardo finisce sotto investigazione per aver tagliato curva 2 nello switch di posizione con Ocon, mentre lo stesso australiano fatica a passare Vettel che si difende molto bene in curva 3, per poi passarlo nella seconda zona DRS. Intanto si è fermato Bottas per il suo pit. Il finlandese ha montato gomma dura.
Giro 28 | Cinque secondi di penalità anche per Ricciardo.

Giro 29 | Pit per Leclerc che monta gomma dura, mentre Bottas abbassa il GPV a 1:37.861.
Giro 30 | Dopo 29 giri Bottas ha 12 secondi di vantaggio su Verstappen, 18 su Kvyat che si deve ancora fermare, 19 su Hamilton, 24 su Perez. Seguono Ricciardo, Leclerc, Ocon, Vettel, Raikkonen con questi ultimi due che si devono ancora fermare.
Giro 31 | Kvyat torna ai box e monta gomme medie per andare fino in fondo. Hamilton risale in terza posizione. Pit anche per Vettel che rientra in 16a posizione dietro Albon, fermato per la seconda sosta.

Giro 34 | Bottas mantiene 12 secondi su Verstappen e 22 su Hamilton. PErez è quarto davanti a Ricciardo, Leclerc, Ocon, Kvyat, Raikkonen (che si deve ancora fermare) e Gasly. Il francese passa il finlandese all’inizio del giro.
Giro 36 | Altro giro veloce per Bottas che scende a 1:37.807. Verstappen è a 13.7, Hamilton non riesce a replicare i tempi del compagno e scende a 24 secondi. Arriva il pit di Kimi Raikkonen.
Giro 37 | La lotta a distanza tra Ricciardo e Leclerc ora vede l’australiano con quasi cinque secondi di vantaggio che lo metterebbero al sicuro con la penalità da scontare.
Giro 38 | Bellissimo sorpasso di Albon all’esterno su Antonio Giovinazzi in curva 15.
Giro 40 | Bello il sorpasso di Giovinazzi per la 13a posizione alla fine rettilineo principale su Romain Grosjean.
Giro 41 | Hamilton inizia ad ingranare e a girare più veloce sia di Bottas che di Verstappen. Sorpasso di Vettel su Grosjean con toccata (senza conseguenze) in curva 2.

Giro 42 | La gara viene neutralizzata per qualche decina di secondi con una VSC per permettere ai commissari di ripristinare i cartelli di rientro in curva 2, divelti da Grosjean. Gasly prova l’azzardo del pit stop ma la neutralizzazione è troppo corta e perde due posizioni.
Giro 43 | Il replay della toccata tra Grosjean e Vettel.

Giro 44 | Il vantaggio di Bottas resta di 11 secondi su Verstappen e 21 su Hamilton. Seguono Perez, Ricciardo, Leclerc, Ocon, Kvyat, Norris e Albon.
Giro 45 | Bella lotta tra Norris, Albon e Gasly. Il francese approfitta del duello per passare il thailandese e lanciarsi all’inseguimento della McLaren con gomme fresche.
Giro 47 | Il sorpasso del francese arriva in fondo al rettilineo principale. Gasly torna in nona posizione alle spalle del compagno di squadra.

Giro 48 | Bottas ora è in controllo con 9 secondi su Verstappen e 19 su Hamilton.
Giro 49 | Giro veloce di Verstappen in 1:37.715 mentre Vettel viene doppiato da Bottas.

Giro 50 | Verstappen spinge forte e recupera terreno su Bottas portandosi sotto i sei secondi, con il finlandese impegnato in diversi doppiaggi.
Giro 51 | Ora tocca all’olandese avere a che fare con Raikkonen e Vettel.
Giro 52 | Pierre Gasly per un momento si prende il giro più veloce ma poi Bottas si rifà subito con 1:37.030.
Giro 53 | La gara finisce così con Bottas che vince davanti a Verstappen, Hamilton, Perez, Ricciardo, Leclerc, Ocon, Kvyat, Gasly, Albon.

https://twitter.com/F1/status/1310203398453633025

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

MotoGP | Takaaki Nakagami rinnova con LCR per i prossimi anni

Contratto pluriennale tra il team di Lucio Cecchinello e il giapponese. Honda completa così le sue due line-up.

CONDIVIDI

F1 | GP Russia 2020, la cronaca della gara di Sochi 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE