F1 | GP Russia 2020, Gara, Leclerc: “Oggi era il massimo che potevamo ottenere”

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Seguono le dichiarazioni di Charles Leclerc dopo il GP Russia 2020

Leggi il resoconto del Gran Premio

Leggi la cronaca

“Direi che quella odierna è stata una gara piuttosto positiva dal momento che partendo dalla decima posizione sulla griglia siamo riusciti a chiudere sesti sotto la bandiera a scacchi. Ovviamente il sesto posto non è solitamente un risultato per il quale si possa essere particolarmente felici, ma oggi era il massimo che potevamo ottenere.
All’inizio è stato difficile, dal momento che la mia partenza non è stata delle migliori e così sono entrato in curva 1 dopo aver perso alcune posizioni. Per fortuna sono stato capace di recuperarle immediatamente e da quel momento in poi la mia performance è stata molto buona perché avevamo un passo davvero niente male.
Nel primo stint sono stato competitivo con le gomme Medium che sono riuscito a far durare a lungo concentrandomi in modo particolare su questo aspetto dopo che nelle simulazioni del venerdì avevamo notato del degrado. Credo insomma che oggi siamo riusciti a massimizzare il nostro potenziale e questa è la cosa più importante. È stato un weekend positivo che ci aiuta anche dal punto di vista mentale”.

Fonte: Ferrari Media

Immagine di copertina: Twitter – Ferrari

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Drop the Gate | Puntata #36

Ascolta qui la 36esima puntata di Drop the Gate, il podcast su Supercross e Motocross firmato P300.it con le voci di Andrea...

CONDIVIDI

F1 | GP Russia 2020, Gara, Leclerc: "Oggi era il massimo che potevamo ottenere" 1
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE