F1 | GP Russia 2020, FP3: Hamilton forza su Bottas, Sainz 3°. Ferrari al 7° e 12° posto

SEGUICI

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Nella simulazione di qualifica l’inglese è imprendibile con 8 decimi sul compagno

Dopo un venerdì in favore di Valtteri Bottas, Lewis Hamilton forza il ritmo nella terza sessione di prove libere del Gran Premio di Russia e si prende la prima posizione con 1:33.279 e ben otto decimi di vantaggio sul compagno di squadra. L’inglese è l’unico pilota sotto il minuto e 34 nella sessione che precede le qualifiche.

Il tempo del finlandese, comunque, è da prendere con le pinze perché la terza posizione di Carlos Sainz con la McLaren è a meno di un decimo dalla seconda W11, con lo spagnolo a 41 millesimi.

Quarta posizione per la Renault di Esteban Ocon, a quasi un secondo dal tempo di testa seguito a 13 millesimi dalla prima Racing Point, quella di Sergio Perez. Nonostante la sua RP20 non sia aggiornata, il messicano è davanti a Stroll, fermo in ottava posizione dietro alla Red Bull di Max Verstappen, sesto ad un secondo, ed alla Ferrari di Sebastian Vettel, settimo a 1.3 dal tempo di Hamilton.

La top ten è chiusa dall’AlphaTauri di Daniil Kvyat e dalla Renault di Daniel Ricciardo. L’australiano è stato protagonista di un episodio a fine sessione quando è stato costretto a “sistemare” lo specchietto di destra prossimo a staccarsi dalla monoposto.

Charles Leclerc, con la seconda Ferrari, è 12° a 1.5 dal tempo di Hamilton.

Seguono i tempi di sessione. Le qualifiche inizieranno alle 14.00

Immagine di copertina: Twitter – Mercedes

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

Drop the Gate | Puntata #36

Ascolta qui la 36esima puntata di Drop the Gate, il podcast su Supercross e Motocross firmato P300.it con le voci di Andrea...

CONDIVIDI

F1 | GP Russia 2020, FP3: Hamilton forza su Bottas, Sainz 3°. Ferrari al 7° e 12° posto 2
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE