F1 | GP Russia 2020: anteprima, statistiche, record ed orari di Sochi

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Dopo due settimane di sosta il Circus torna in azione sul circuito russo. Sarà la numero 91 per Lewis Hamilton?

L’Autodromo di Sochi sul Mar Nero ospita la settima edizione del Gran Premio di Russia, decimo appuntamento del mondiale di Formula 1 2020. Siamo praticamente nel giardino di casa della Mercedes, che ha vinto tutte le edizioni fin qui disputate e tutto lascia presagire che l’epilogo di quest’anno non sarà tanto diverso.

7° GRAN PREMIO DI RUSSIA
SOCHI AUTODROM
Round 10 – 25/26/27 settembre 2020
Gran Premio #1028

Si giunge in Russia dopo un eccitante ed entusiasmante Gran Premio di Toscana sul circuito del Mugello, che ha visto l’ennesimo trionfo di Lewis Hamilton, vincitore dopo essere partito dalla pole position. Per l’inglese si è trattato del novantesimo successo, ad una sola lunghezza di distanza dal record di Michael Schumacher fissato ormai quattordici anni fa.

La superiorità dell’inglese sul tracciato toscano è stata imbarazzante, soprattutto nei confronti del compagno di squadra Bottas, partito bene nell’unica partenza che non serviva: quello di Toscana è stato, infatti, un Gran Premio alquanto caotico e spettacolare, complice il circuito vecchio stile con vie di fuga in ghiaia che non permettono errori, segnato da tra partenze da fermi a causa dell’esposizione di ben due bandiere rosse.

Il riscontro da parte dei piloti sul tracciato del Mugello è stato molto positivo, tutti hanno espresso parole di apprezzamento e hanno lodato le vie di fuga in ghiaia. In proposito alcuni piloti, tra cui Vettel, hanno proposto per gli altri circuiti in calendario di mettere una striscia di ghiaia tra il cordolo e la via di fuga in asfalto, in modo da garantire allo stesso tempo la sicurezza e la possibilità che un’uscita di pista faccia davvero perdere tempo prezioso.

Il tracciato di Sochi sorge nella zona del villaggio olimpico costruito per i giochi invernali del 2014. Il nastro d’asfalto circonda in pratica le strutture costruite per ospitare i giochi. L’idea di portare la Formula 1 in Russia non era certo nuova: già negli anni ’80 Ecclestone e la FIA ci avevano provato ma intoppi burocratici impedirono lo sbarco della massima serie in quella che allora era ancora l’Unione Sovietica. Nell’Ottobre 2011 il governo russo stanziò circa 200 milioni di dollari per la costruzione dell’impianto con l’intenzione di far disputare la gara inaugurale nel 2014.

Il circuito si caratterizza per un lunghissimo rettilineo iniziale, diverse curve ad angolo retto ed una lunga piega a sinistra, la curva tre, che mette in crisi le monoposto ed il collo dei piloti. Non si tratta, in generale, di un tracciato spettacolare, ma di uno dei tanti impianti realizzati con la collaborazione di Hermann Tilke.

Sfogliando l’albo d’oro è facile ipotizzare l’ennesimo trionfo Mercedes, e certo Hamilton non vorrà farsi sfuggire l’occasione di eguagliare il record di vittorie di Michael Schumacher. Tuttavia gli occhi di molti addetti ai lavori potrebbero concentrarsi sulla Red Bull e Verstappen, non perché il pilota olandese possa contendere la vittoria al duo Mercedes, ma per quanto riguarda l’affidabilità. In Toscana infatti Verstappen è stato costretto al secondo ritiro consecutivo dopo quello di Monza. Sebbene la causa ufficiale sia stata un incidente, l’olandese era partito malissimo dalla terza posizione ed era precipitato a centro gruppo per evidenti problemi al motore, e tutto lascia presagire che se anche non fosse stato toccato, il pilota olandese si sarebbe ritirato lo stesso.

Non si può fare a meno di pensare che l’abolizione dell’ormai famigerato party mode, che proprio la Red Bull più di tutti aveva chiesto, e il conseguente blocco delle mappature, abbia causato dei problemi alla gestione del motore Honda del team di Mateschitz. Staremo a vedere.

Per questo Gran Premio la Pirelli porterà le tre mescole più morbide della sua gamma: C3, C4 e C5.

LA MAPPA

Sochi_International_Street_Circuit

I NUMERI DEL GRAN PREMIO

Nazione: Russia
Circuito: Sochi Autodrom
Lunghezza del circuito: 5,853 km
Giri da percorrere: 53
Distanza totale: 310,209 km
Numero di curve: 18
Senso di marcia: orario
Mescole Pirelli: C3 (Dura), C4 (Media), C5 (Soft)
Primo Gran Premio: 2014

RECORD

Giro gara: 1:35.761 – L Hamilton – Mercedes – 2019
Distanza: 1h27:25.181 – L Hamilton – Mercedes – 2018
Vittorie pilota: 4 – L Hamilton
Vittorie team: 6 – Mercedes
Pole pilota: 2 – N Rosberg
Pole team: 4 – Mercedes
Km in testa pilota: 830 – L Hamilton
Km in testa team: 1.497 – Mercedes
Migliori giri pilota: 2 – V Bottas
Migliori giri team: 3 – Mercedes
Podi pilota: 5 – L Hamilton
Podi team: 10 – Mercedes

ALBO D’ORO

Year Circuit Date Winning Driver Team Laps
7 2020 Sochi International Street Circuit 27 settembre Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 53
6 2019 Sochi International Street Circuit 29 settembre Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53
5 2018 Sochi International Street Circuit 30 settembre Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53
4 2017 Sochi International Street Circuit 30 aprile Finlandia Valtteri Bottas Germania Mercedes 52
3 2016 Sochi International Street Circuit 1 maggio Germania Nico Rosberg Germania Mercedes 53
2 2015 Sochi International Street Circuit 11 Ottobre Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53
1 2014 Sochi International Street Circuit 12 Ottobre Regno Unito Lewis Hamilton Germania Mercedes 53

GLI ORARI

Per i testi, anteprima a cura di Domenico Della Valle. Riassunto storico a cura di Francesco Ferrandino. Mappa circuito e grafica orari a cura di Francesco Ferraro. Impaginazione a cura di Alessandro Secchi.

Immagine: Mercedes Media

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

F1 | GP Russia 2020: anteprima, statistiche, record ed orari di Sochi 4
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE