F1 | GP Russia 2019, Qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull

F1
GP Russia 2019, Qualifiche: Mercedes, Ferrari, Red Bull

Quarta pole di fila per Leclerc. Hamilton soffia la prima fila a Vettel di 28 Settembre 2019, 19:34

Seguono le dichiarazioni dei piloti di Mercedes, Ferrari e Red Bull al termine delle Qualifiche del Gran Premio di Russia 2019. Continua il magic moment di Charles Leclerc, che ottiene a Sochi la sua quarta pole di fila (6° stagionale e in carriera) con un 1:31.628. Lewis Hamilton (+0.402) fa sfumare ancora una volta una prima fila tutta Ferrari, precedendo Sebastian Vettel di 23 millesimi (+0.425). Seconda fila completata da un opaco Valtteri Bottas (+1.004), che sarebbe stato 5° se Max Verstappen (+0.682) non avesse dovuto scontare una penalità di 5 posizioni (9° quindi in griglia). Malissimo Alexander Albon, a muro in curva 13 in Q1, costretto dunque domani a partire 18°.

MERCEDES

44 | LEWIS HAMILTON

"Finora il weekend è stato positivo e sono soddisfatto del lavoro di tutti. Stanotte abbiamo lavorato duramente ed oggi tutto è andato al proprio posto. L'obiettivo finale era quello di estrarre il 100% dalla monoposto, e direi che ci siamo andati davvero vicino. Questo è un circuito dove ho sempre faticato, ma sono andato sempre migliorando e sono contento del mio ultimo tentativo in Q3. Le Ferrari qui hanno velocità folli in rettilineo, ragion per cui, per noi, riuscire ad infilarci in prima fila è ottimo. Adesso non ci resta che fare ancora meglio domani in gara. Fino a curva 1 domani è lunga, perciò non sempre è una scelta felice cominciare con la mescola più dura; ma dobbiamo provare a far qualcosa di diverso. Il team ha svolto un gran lavoro per mettermi in questa posizione; non vedo l'ora di combattere domani".

77 | VALTTERI BOTTAS

"Per me oggi è stata una Qualifica molto difficile. Ho sofferto molto, in particolare nel T3 e in curva 13, dove ho subito perdite d'aderenza al posteriore praticamente in ogni tentativo. Ciò portava gli pneumatici posteriori a surriscaldarsi, rendendo il resto dell'ultimo settore davvero complicato. Non sono riuscito a trovare contromisure. Nel mio secondo tentativo in Q3, poi, ho perso in quel punto molti decimi, decidendo di abortire il giro. Le Ferrari? In rettilineo sono un pò più veloci di noi, ma il nostro passo gara, nella giornata di ieri, sembrava buono; poi partiremo con una mescola diversa rispetto ai nostri rivali. Perciò possiamo creare delle opportunità e, credo, tutto è ancora in gioco".

FERRARI

5 | SEBASTIAN VETTEL

"Nel complesso, sono abbastanza soddisfatto della monoposto, ma non del tutto. La Q1 è stata abbastanza complicata, sbagliando nel mio primo tentativo e venendo poi rallentato da due bandiere gialle. Ho faticato a trovare un giro veramente pulito, soprattutto verso la fine delle Qualifiche, quando bisognava estrarre il meglio dalla monoposto. Comunque, la gara è domani e io sono fiducioso. C'è bisogno di partire bene, poi penseremo a tutto il resto. Scatteremo dal lato pulito della griglia, e avremo le soft a differenza delle Mercedes; questa variabile potrà rendere le cose molto interessanti. Penso che la nostra scelta sia quella giusta, soprattutto per la partenza, e credo che abbiamo un vantaggio sui rettilinei. Poi potrebbero entrare in gioco anche le scie".

16 | CHARLES LECLERC

"La macchina è stata fantastica da guidare e il team ha svolto un ottimo lavoro, anticipando l'evoluzione della pista e preparandola nel modo migliore. Ci stiamo solo concentrando su noi stessi e il lavoro che stiamo facendo sembra stia lentamente pagando. Da parte mia, continuo a concentrarmi sulle cose negative, lavorando per migliorare ed imparare il più possibile. Il giro finale in Q3 è stato eccezionale, anche se ho perso un pò il posteriore della macchina tra curva 16 e 17. Sono contento della pole, ma la nostra testa è tutta a domani. Il nostro passo, in FP2, è stato molto buono, è ciò è sicuramente positivo; partiremo con pneumatici diversi rispetto ai Mercedes, ma non credo ci sia una grande differenza in termini di degrado tra le due mescole. Non sarà facile al via mantenere tutti dietro, ma sarà cruciale riuscirci, dato che la strada per arrivare alla prima staccata è lunga. Darò tutto quello che ho".

a

RED BULL

23 | ALEXANDER ALBON

"C'è ben poco da dire, se non che, in quella curva, sono andato largo un pò come Max stamattina in FP3, e ho perso il posteriore. Ho preso una folata di vento al posteriore in quel punto e mi ha sorpreso; queste monoposto vanno molto veloci e, in situazioni del genere, sono davvero difficili da controllare. Un errore sciocco e frustrante. Non ho avuto feeling finora in questo weekend, faticando sin dalla FP1; in qualifica, però, sentivo che le cose pian piano stavano migliorando. Credo che questo sia uno di quei circuiti nel quale, se ti manca confidenza in una curva, poi ti manca in tutto il resto della pista. Partiremo molto dietro ma, nonostante tutto, sono fiducioso, dato che la nostra monoposto di solito va bene sui long run e qui, poi, è possibile superare. Anche in altre occasioni, partendo da dietro, abbiamo dimostrato di saper recuperare".

33 | MAX VERSTAPPEN

"Ho sempre saputo che qui, su un circuito dove la potenza del propulsore è tanto importante, sarebbero state delle Qualifiche difficili per noi. Il giro finale in Q3, però, è stato buono. Il vento era aumentato, dandoci molto fastidio soprattutto nel T3, dove fino a quel momento andavamo molto forte; quindi non abbiamo potuto estrarre il massimo dalla monoposto. Ieri le sensazioni erano ottime, ma è chiaro che la Ferrari girava con poca potenza, e in qualifica oggi l'hanno dimostrato. Qui a Sochi le curve sono praticamente tutte a 90°, con poco tempo di percorrenza, per cui si guadagna poco sul giro; ciò detto, il 4° tempo, in mezzo alle Mercedes, è un buon risultato. Con la penalità partiremo dalla 9° casella e, al via, dovremo fare molta attenzione, come spero facciano anche gli altri. L'obiettivo più realistico, secondo me, è la quinta posizione, anche se cercheremo di fare meglio; sarà interessante vedere cosa succede lì davanti, con una Mercedes su strategia diversa".



Condividi