F1 | GP Olanda 2022, la cronaca delle qualifiche

Danilo Lunetta - 3 Settembre 2022 - 16:55

Pole position per Verstappen davanti a Leclerc e Sainz

Segue la cronaca delle qualifiche del GP Olanda 2022, quindicesima prova del mondiale di F1. Max Verstappen è in pole position davanti a  Charles Leclerc e Carlos Sainz.

F1 | GP Olanda 2022, qualifiche: Verstappen la spunta per 21 millesimi, che battaglia con Leclerc (2°) e Sainz (3°)

La Ferrari sembra aver ritrovato la brillantezza persa a Spa come visto durante le FP3, ma Verstappen e le Mercedes sono pronte a contendergli la leadership anche qui a Zandvort, con l’olandese che resta l’indiscusso favorito.

Q1

Iniziano le qualifiche: le due Haas sono le prime sul tracciato, seguite dalle due Williams e poi tutti gli altri. Il primo crono è già interessante ed è di Magnussen in 1.12.680. Zhou si porta in testa in 1.12.641 ma i big sono ancora ai box. Ecco che arrivano i piloti dei top team: accompagnato dai boati del pubblico di casa, Verstappen inizia la sua qualifica mentre le due Aston Martin si portano in testa con Stroll in 1.12.505 davanti di pochi millesimi al suo compagno di squadra. Subito tempone per Max in 1.11.317, poi Sainz a 4 decimi, Leclerc a 8 e Perez ad un secondo. Russell ed Hamilton si piazzano rispettivamente in P2 e P3 a pochi decimi da Verstappen, bene Norris tra le due Ferrari e Magnussen subito alle spalle di Leclerc. Grande evoluzione della pista e tantissimi piloti si portano davanti a Leclerc. Leclerc e Perez con un secondo tentativo sullo stesso set di pneumatici soft si portano rispettivamente in P2 e P5.

Dopo il primo run sono esclusi Vettel, Ricciardo, Albon, Schumacher e Latifi. Per il secondo run solo Verstappen e Leclerc restano ai box. Albon con un giro senza traffico si porta in P7, bene Tsunoda che sale addirittura in P2 prima che Hamilton lo scavalchi e Norris in P5. Finisce il tempo e restano esclusi: Bottas – pochi centesimi dietro al compagno di squadra – Magnussen, Ricciardo, Vettel – autore di un lungo mentre stava migliorandosi di molto – e Latifi.

Q2

Di nuovo in pista per il Q2: Albon in pista per primo, ma viene sventolata la Red Flag a causa di un fumogeno in pista nell’ultimo settore.

Si riparte: Albon dentro, poi Verstappen con pneumatici usati e Perez. Altro giro clamoroso di Verstappen in 1.10.927, poi Perez a 387 millesimi. Hamilton si porta in P2, Russell in P4, Sainz e Leclerc sono in P7 e P8 a 6 e 8 decimi da Max, anche loro su pneumatici usati. Bene Stroll in P4, Alonso sale in P8 davanti a Leclerc.

Secondo run e Verstappen non scende in pista per il secondo tentativo: Leclerc risale in P2 a 61 millesimi da Verstappen, poi è Sainz a portarsi in testa in 1.10.814 con Russell in P2 a 10 millesimi dallo spagnolo. Grandissime prestazioni di Norris e Stroll che riescono ad entrare in Q3. Bene anche Schumacher e Tsunoda a mettersi dentro. Sono eliminati nell’ordine: Gasly, Ocon, Alonso, Zhou e Albon. Abbastanza clamorosa l’eliminazione delle due Alpine.

Q3

Semaforo verde e inizialmente scende in pista solo Verstappen, poi Perez – con gomme usate – e poi tutti gli altri con le Ferrari e le Mercedes molto più indietro. Pole provvisoria di Max in 1.10.515, poi Perez a mezzo secondo e gli altri piloti con pneumatici usati. Volano Hamilton e Leclerc. Charles si porta in testa in 1.10.456, Hamilton in P3 a 192 millesimi dalla testa, poi Sainz a 291 millesimi. Stroll per un problema tecnico non effettuerà nemmeno un giro nel Q3.

Nel secondo run l’ordine è: Leclerc, Norris, Verstappen, Sainz, Perez, Schumacher, Russell, Tsunoda, Hamilton. Si migliora Leclerc, ma Verstappen lo batte di un nulla e anche Sainz ci prova ma resta di pochissimo alle spalle di Charles. Perez finisce a muro nell’ultima curva in seguito ad un testacoda e cristallizza così le posizioni di testa causa bandiere gialle.

Max Verstappen torna in pole position in 1.10.342 – quarta pole in stagione per il campione del mondo. Grandissimo giro per l’olandese davanti al pubblico di casa in visibilio e seconda pole position in due anni a Zandvort. Chiude secondo un ottimo Charles Leclerc che perde la P1 nel secondo settore del suo ultimo tentativo a causa di qualche piccola sbavatura ma il monegasco può ritenersi soddisfatto della performance ritrovata della sua F1-75, soprattutto in ottica gara, così come il compagno di squadra Carlos Sainz, terzo a pochi millesimi da Charles. Hamilton è in P4 ma danneggiato dalle bandiere gialle nel suo ultimo tentativo quando si stava migliorando per ambire a posizioni più prestigiose. Quinto è un deludente Sergio Perez, autore dell’errore che chiude anticipatamente le qualifiche. Sesto George Russell, frenato anche lui sul più bello dalle bandiere gialle. Ottime prestazioni per Norris e Schumacher che si prendono la P7 e P8. Chiudono la top ten Tsunoda in P9 e lo sfortunato Stroll in P10.

Immagine di copertina: Red Bull Content Pool