Matomo

F1 | GP Monaco, FP3: Leclerc davanti, botto Vettel

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

A sorpresa il miglior tempo della terza sessione di prove libere del Gran Premio di Monaco non è di una Mercedes. È infatti Charles Leclerc il migliore con la Ferrari con il tempo di 1:11.265 davanti alle Mercedes di Valtteri Bottas, distante solo 53 millesimi, e Lewis Hamilton, a 2 decimi.

Dopo una prima parte di sessione in cui le Frecce d’Argento davano l’impressione di comandare agevolmente il gruppo, il monegasco ha poi sorpreso tutti con il miglior tempo, poi avvicinato dai piloti del team campione in carica. Le W10, da oggi e per il weekend, hanno l’Halo verniciato di rosso in ricordo di Niki Lauda.

Il vero colpo di scena arriva a poco meno di 20 minuti dall’inizio della prove, con Sebastian Vettel che va a sbattere a Sainte Devote. Il tedesco aveva appena rallentato per far passare Hamilton tra le due chicane della Piscina.

L’uscita di pista chiama l’attivazione della Virtual Safety Car e Charles Leclerc finisce sotto investigazione prorio per la procedura della VSC. Sarà a rapporto con i commissari tra poco.

Quarta e quinta posizione per le due Red Bull di Max Verstappen e Pierre Gasly. Ottimo il tempo dell’olandese, sotto i tre decimi dalla miglior prestazione di Leclec. Ottimo anche il sesto tempo di Antonio Giovinazzi con l’Alfa Romeo, davanti a Daniil Kvyat (Toro Rosso), Kevin Magnussen (Haas), Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) e Alex Albon (Toro Rosso), con Honda che piazza tutti i suoi quattro motori nella top ten.

Seguono i tempi di sessione. Le qualifiche scatteranno alle 15:00.

F1 | GP Monaco, FP3: Leclerc davanti, botto Vettel

ULTIMI ARTICOLI

MONOPOSTO by SAURO

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

ALTRI DALL'AUTORE