F1 | GP Messico: Verstappen vince, Hamilton è Campione del mondo 2017!

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Max Verstappen vince la sua terza gara in carriera dominando il Gran Premio del Messico davanti a Valtteri Bottas e Kimi Raikkonen, ma Lewis Hamilton è il nuovo Campione del Mondo di Formula 1. Il pilota inglese della Mercedes conclude in nona posizione e chiude matematicamente i giochi. Niente da fare per Sebastian Vettel, che chiude al quarto posto dopo una rimonta dal fondo.

Si decide tutto in partenza quando un multicontatto tra Versappen, Vettel e Hamilton lascia l’olandese indenne e i due duellanti per il titolo costretti a tornare ai box al termine del primo giro. La bella rimonta del tedesco della Ferrari non basta a portare a casa i punti necessari per rinviare la festa iridata di Hamilton in Brasile. L’inglese raggiunge, a quota quattro titoli, proprio Sebastian Vettel e Alain Prost.

CRONACA

Partenza: il lungo rettilineo iniziale gioca un brutto scherzo a Vettel, che viene raggiunto da Verstappen e Hamilton. L’olandese si infila di forza all’esterno di curva 1 prendendo la prima posizione con l’inglese che si infila a sua volta. Si va via insieme e in uscita da curva tre volano pezzi dell’ala anteriore di Vettel. Nel contatto con la Mercedes Hamilton rimedia una foratura ed entrambi sono costretti a rientrare ai box.

2° giro: prima Vettel e poi Hamilton rientrano ai box: il tedesco per cambiare musetto e l’inglese per cambiare gomme con la foratura della posteriore destra.

6° giro: Ricciardo è già fuori per ritiro: davanti Verstappen comanda con 3 secondi su Bottas e 9 su Ocon. Nel frattempo si sono fermati per la prima sosta anche Massa, Sainz e Wehrlein. Vettel è 16°, Hamilton 19°.

10° giro: Verstappen allunga a 4.3 su Bottas e 12 secondi su Ocon. Hulkenberg è quarto davanti all’idolo di casa Perez. Raikkonen è sesto seguito da Stroll, Magnussen ed Ericsson in nona posizione. Vettel è ancora 16°, Hamilton 19°.

13° giro: Vettel affonda il sospasso su Massa, il brasiliano perde leggermente la macchina e accompagna fuori il tedesco che riesce comunque a passare. Verstappen, intanto, continua con il suo ritmo e porta ad oltre cinque secondi il vantaggio su Bottas.

16° giro: grandissima gara di Ocon, che nonostante i 19 secondi di ritardo da Verstappen mantiene la terza posizione davanti a Nico Hulkenberg.

17° giro: Vettel passa anche Gasly per la 14a posizione.

18° giro: altro sorpasso del tedesco che supera Grosjean per la tredicesima posizione.

19° giro: Perez rientra ai box lasciando la quinta posizione a Kimi Raikkonen.

20° giro: anche Hulkenberg dentro per la sua sosta: Raikkonen passa quarto.

21° giro: Ocon copre la strategia di Hulkenberg ed effettua la sua sosta, lasciando a questo punto Raikkonen in terza posizione e Stroll in quarta.

22° giro: Verstappen è in scia a Hamilton per doppiarlo, mentre l’inglese non riesce ad avvicinare Sainz per il sorpasso. Lewis si sposta subito per far passare il leader di gara.

23° giro: Vettel, nel frattempo, è risalito in 12a posizione superando la Toro Rosso di Hartley.

24° giro: il tedesco ha già superato anche Stoffel Vandoorne ed è dietro Alonso per la decima posizione.

25° giro: situazione complicata per Hamilton, che ha ancora problemi a raggiungere Sainz ed ora ha anche il compagno Bottas da far passare. Il sorpasso arriva durante il giro.

26° giro: arriva il ritiro per Nico Hulkenberg. Dalla Renault indicano che la macchina non è sicura e di fermarla in pista.

27° giro: Vettel ora è in scia ad Alonso, che a sua volta segue la Sauber di Ericsson con lo svedese che tiene stretta con i denti l’ottava posizione. Hamilton, intanto, è riuscito a passare Sainz per la 17a posizione.

29° giro: Verstappen ha portato il vantaggio su Bottas a 8 secondi, con Raikkonen a 28 e Stroll a 43.

30° giro: Ericsson torna ai box lasciando strada ad Alonso e Vettel. Hamilton passa Wehrlein per la 16a posizione. Boato del pubblico per Perez che passa in sesta posizione.

31° giro: Vettel sale in ottava posizione dopo aver superato la Mclaren di Alonso. Ora il tedesco ha strada libera per far respirare la sua monoposto.

32° giro: il primo giro libero del tedesco gli regala il giro veloce di gara. Intanto va a fuoco la Toro Rosso di Hartley che si deve ritirare. Viene imposta la Virtual Safety Car: rientrano Verstappen, Bottas, Raikkonen, Magnussen, Gasly, Sainz, Grosjean, Hamilton e anche Vettel.

33° giro: La VSC dura un solo giro con i piloti che ancora non si erano ancora fermati che approfittano per effettuare la loro sosta. Verstappen e Bottas hanno montato Supersoft, Raikkonen Soft, Hamilton Supersoft.

36° giro: la situazione ora vede Verstappen comandare con 8 secondi su Bottas, 31 su Raikkonen e 39 su Ocon. Stroll è quinto davanti a Perez, Magnussen, Vettel.

38° giro: Vettel passa Magnussen per la settima posizione, mentre Hamilton riguadagna la 14a su Wehrlein. Davanti a lui c’è Pierre Gasly.

40° giro: Verstappen è indiavolato: porta il vantaggio ad oltre 11 secondi su Bottas e 34 su Raikkonen.

41° giro: altro giro pazzo di Verstappen che rifila un secondo e tre a Bottas portando il vantaggio a quasi 13 secondi.

42° giro: Vettel è a 10 secondi da Perez in costante recupero, mentre Hamilton segue Gasly da diversi giri senza riuscire a portare l’attacco decisivo, come successo con Sainz nelle battute iniziali.

43° giro: il sorpasso dell’inglese finalmente arriva. La 13a posizione è sua.

45° giro: nonostante il muretto gli indichi ci rallentare, Max Verstappen continua ad aumentare il vantaggio su Bottas, che ora è a 14 secondi. Raikkonen è a 37 con Ocon a 53.

46° giro: Hamilton passa Ericsson per la 12a posizione. Ora ha Vandoorne come prossimo obiettivo, distante quasi otto secondi. Vettel ora è a 5 secondi da Perez.

51° giro: bellissimo sorpasso di Vettel su Perez. In curva 4 il tedesco si fonda all’interno della Force India, forse inaspettatamente per il messicano, e guadagna la sesta posizione. Perez rientra poi ai box per montare le Ultrasoft e volare negli ultimi 18 giri.

52° giro: il tedesco della Ferrari ora ha nel mirino Stroll, lontano 2.5 in quinta posizione. Hamilton, intanto, raggiunge Vandoorne e lo passa per l’undicesima posizione.

55° giro: altro sorpasso per Vettel che supera la Williams del canadese e si lancia verso la Force India di Ocon. Davanti Verstappen ha portato con comodità il vantaggio a 17 secondi su Bottas.

57° giro: Hamilton torna in zona punti passando Felipe Massa, mentre Vettel passa Ocon per la quarta posizione ed Ericsson si ritira con la Sauber in fuoco.

61° giro: Vettel si lascia andare ad un “Oh mamma mia” quando gli viene segnalato il distacco di 23 secondi da Raikkonen. Ormai il mondiale è finito. Hamilton, intanto, resta spettatore dietro Magnussen e Alonso in lotta per l’ottava posizione.

62° giro: arriva il ritiro anche per Sainz. Disfatta Renault.

66° giro: Verstappen vuole prendersi tutto e piazza un 1:18.892 che gli vale il giro più veloce di gara. Bottas è a 19 secondi, Raikkonen addirittura a 47, Vettel ad oltre un minuto. Hamilton intanto ha il suo bel da fare con Alonso che non vuole mollare la sua nona posizione.

69° giro: eroico Fernando Alonso che rende la vita difficilissima a Lewis Hamilton e gli fa sudare dodici camicie per effettuare il sorpasso. Intanto Vettel si riprende il giro veloce in 1:18.785 rubandolo a Verstappen.

71° giro: la gara termina con Verstappen vincitore del suo terzo GP in carriera su Valtteri Bottas, Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel. Grandissimo Ocon, quinto, davanti all’altrettanto grande e mai inquadrato Lance Stroll. Settimo Perez davanti a Magnussen, Hamilton che diventa Campione del Mondo e Fernando Alonso.

Segue la classifica di gara.

F1 | GP Messico: Verstappen vince, Hamilton è Campione del mondo 2017!

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE