F1 | GP Messico, FP3: domina il bagnato, nel finale Leclerc-Vettel

F1 | GP Messico, FP3: domina il bagnato, nel finale Leclerc-Vettel

Charles Leclerc ha ottenuto il miglior tempo nella terza sessione di prove libere del Gran Premio del Messico. Con il crono di 1:16.145 il pilota monegasco della Ferrari ha preceduto di soli 27 millesimi il compagno di squadra Sebastian Vettel.

Terza posizione per la Mercedes di Valtteri Bottas, distante 114 millesimi dal miglior tempo davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton, fermo a 236 millesimi.

La sessione è stata fortemente condizionata dalla pista bagnata a causa della pioggia della notte. L’asfalto dell’Autodromo Hermanos Rodriguez ha impiegato ben 45 minuti per asciugare quanto basta per permettere ai piloti di usare le gomme slick. Il primo ad entrare in pista con le soft, dopo pochissima azione col bagnato, è stato Kimi Raikkonen ad un quarto d’ora dal termine, con i tempi che poi si sono via via susseguiti rapidamente nell’ultimo quarto di sessione quando tutti i piloti si sono scatenati sul tracciato.

Dietro i primi quattro bene Carlos Sainz con la McLaren, fermo a mezzo secondo da Leclerc, davanti a Max Verstappen. L’olandese della Red Bull ha abortito il suo ultimo giro veloce, nel quale era in linea con i migliori tempi. Bene Pierre Gasly, vittima di problemi intestinali, settimo con la Toro Rosso davanti alla seconda Red Bull di Alex Albon e all’altra McLaren di Lando Norris. 

Chiude la top ten l’idolo di casa Sergio Perez, decimo a un secondo e mezzo dal miglior tempo.

Non hanno girato le due Renault (Hulkenberg ha percorso solo un giro, Ricciardo non è uscito dai box) per un problema al sistema di raffreddamento.

Seguono i tempi di sessione.

F1 | GP Messico, FP3: domina il bagnato, nel finale Leclerc-Vettel 1

MONOPOSTO by SAURO

ULTIMI ARTICOLI

CONDIVIDI

925FollowersFollow
1,678FollowersFollow
F1 | GP Messico, FP3: domina il bagnato, nel finale Leclerc-Vettel 3
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista pubblicista per passione. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

NEWSLETTER

Resta aggiornato su P300.it iscrivendoti alla nostra mailing list

ALTRI DALL'AUTORE