F1 | GP Malesia, FP1: Rosberg ok, incendio per la Renault di Magnussen

CONDIVIDI

SEGUI P300.it

Telegram | Canale News

Telegram | Discussione

Google News

Twitter

Instagram

Nico Rosberg è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del Gran Premio della Malesia.

Il pilota della Mercedes ha girato con il tempo di 1:35.227 precedendo di mezzo secondo il suo compagno Lewis Hamilton. Il tempo di Rosberg, grazie alla riasfaltatura del tracciato di Sepang, è più veloce di quasi cinque secondi rispetto al tempo delle FP1 2015 (1:40.124). Terzo e quarto posto per le Ferrari di Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel, lontano oltre un secondo dalle Mercedes.

Buon quinto posto per la Mclaren di Fernando Alonso, a 1.3 da Rosberg, davanti alle due coppie Red Bull (Ricciardo davanti a Verstappen) e Force India (Hulkenberg davanti a Perez). Chiude la top ten Jenson Button con la Mclaren.

La sessione è stata interrotta per oltre un quarto d’ora nella fase iniziale per un incendio divampato sulla Renault di Kevin Magnussen. Il pilota danese è stato costretto a scendere di fretta dalla sua monoposto al rientro ai box, con le fiamme che hanno continuato a propagarsi per diversi minuti dall’airscope, soprattutto per un piccolo zampillo di benzina proveniente proprio dalla parte alta del cofano motore che continuava ad alimentare il fuoco, situazione sicuramente insolita e da verificare. È stato necessario l’intervento corposo degli estintori per diversi minuti, fino a quando la benzina non è stata estratta dal serbatoio. Successivamente, è stato necessario ripulire la pitlane invasa dalla polvere degli estintori.

Per Magnussen, ovviamente, sessione da buttare e sarà da verificare se sarà possibile per lui scendere in pista nelle FP2.

 

Seguono i tempi di sessione:

malesia-2016-fp1

P300 MAGAZINE

F1 | GP Malesia, FP1: Rosberg ok, incendio per la Renault di Magnussen

Continua a seguirci

Avatar of Alessandro Secchi
Alessandro Secchi
Classe 1983. Ragioniere sulla carta, informatico per necessità, blogger per anni ed ora giornalista. Una sedia, una tastiera e tre schermi sono il mio habitat naturale.
"Il mio Michael" è il mio libro su Schumi ma, soprattutto, il mio personale modo di dirgli "Grazie". #KeepFightingMichael, sempre!

P300 MAGAZINE

NEWSLETTER

ULTIMI ARTICOLI

GRUPPI AMICI

Telegram | Passione Motorsport

ALTRI DALL'AUTORE

P300 MAGAZINE

F1 | GP Malesia, FP1: Rosberg ok, incendio per la Renault di Magnussen

Continua a seguirci