F1 | GP Italia, qualifiche: Leclerc in pole ma dietro è tutto sotto investigazione

F1
GP Italia, qualifiche: Leclerc in pole ma dietro è tutto sotto investigazione

L'ultimo giro in Q3 è scandaloso per un Gran Premio di Formula 1 di 07 Settembre 2019, 16:29

Charles Leclerc è in Pole Position per il Gran Premio d'Italia 2019. Questa dovrebbe essere l'unica certezza di una qualifica attualmente sotto investigazione. Come già successo ieri sera in F3, l'ultimo giro del Q3 è un continuo rallentare, rallentare, rallentare dell'uscita dai box, fino a quando solo Sainz e Leclerc passano sotto la bandiera a scacchi in tempo per completare un altro giro veloce, che tra l'altro non cambia la sostanza. Il monegasco è l'unico sicuro della sua posizione, conquistata nel primo giro della Q3 con il tempo di 1:19.307. Dietro di lui al momento ci sono le Mercedes di Hamilton e Bottas, seguite dalla Ferrari di un Vettel indiavolato nel giro di uscita nel finale.

Appena dopo la fine delle qualifiche i commissari hanno messo sotto investigazione gli ultimi due minuti. Seguiranno quindi aggiornamenti.

CRONACA

Q1 | Tutti in pista tranne i big per l'inizio delle qualifiche. Gli altri piloti escono a coppie in modo da iniziare a sfruttare l'effetto scia. Il primo tempo è di Kubica in 1:23.966, superato agevolmente dai piloti che seguono. Con le Ferrari in pista il tempo da superare è quello di Giovinazzi in 1:20.657. I tempi scendono però rapidamente, con le Renault che si portano in testa con Hulkenberg e Ricciardo. Le Ferrari sono quarta e decima con Leclerc e Vettel, ma i due rossi sono scesi in pista con le medie. Si continua a migliorare i tempi con Leclerc che si riporta in testa in 1:20.126 ed il tedesco che, nel giro successivo, si mette dietro per sfruttare la scia. Il suo giro viene però rovinato dalla bandiera rossa accesa per la fermata di Sergio Perez in curva grande, con la Racing Point che si ammutolisce. Rimossa la vettura del messicano, tutti in pista negli ultimi tre minuti. Restano esclusi Grosjean, Perez che non ha potuto migliorare, Russell, Kubica e Verstappen. L'olandese ha accusato un problema alla monoposto durante il suo outlap e quindi è rientrato senza far segnare un tempo. Poco male visto che, a causa dell'installazione della nuova PU Honda, partirà dal fondo della griglia. 

Q2 | Tutti in pista per l'inizio della Q2. Il primo giro buono è di Kvyat in 1:21.016, superato da Stroll, Magnussen e poi dalle Mercedes di Bottas e Hamilton. Arrivano poi le Ferrari: Leclerc si porta in testa con 1:19.553 davanti a Hamilton, Vettel e Ricciardo, Bottas ed Albon. I primi sei sono racchiusi in 468 millesimi, dal settimo in poi si è oltre i nove decimi con Hulkenberg da rivedere, visti i quasi sette decimi di differenza dal suo compagno in quarta posizione. Nella top ten parziale ci sono anhe Sainz, Magnussen e Kvyat. Si torna in pista a due minuti dal termine della sessione con i piloti impegnati a prendere le posizioni per sfruttare le scie. Hamilton ringrazia Bottas portandosi in testa con 1:19.464. Le due Ferrari abortiscono il giro mentre Raikkonen si porta in Q3 con un lasciando fuori il suo compagno Giovinazzi per soli due millesimi di secondo. Oltre all'italiano restano esclusi Magnussen, Kvyat, Norris e Gasly.

Q3 | Il giro di lancio per il primo run fa il verso a quanto successo in F3, con tutti i piloti attaccati tra loro. Vettel è il primo a lansciarsi e, di fatto, il più svantaggiato. Con i primi tempi Leclerc si mette in pole in 1:19.307 davanti a Hamilton, Vettel, Ricciardo, Hulkenberg, Sainz, prima che venga esposta la bandiera rossa per l'incidente di Kimi Raikkonen, che sbatte col retro in Parabolica. Il tempo di Valtteri Bottas, inizialmente tolto, viene considerato buono visto che il finlandese è passato sotto il traguardo poco prima della bandiera rossa. In questo modo Leclerc comanda con 39 millesimi su Hamilton e 47 su Bottas, mentre Vettel è a 150. La bandiera verde viene data a sei minuti e mezzo dal termine, con i piloti che restano nei box. I piloti escono quando mancano appena due minuti dal termine delle qualifiche, ma rallentano troppo e rischiano davvero di non finire il giro in tempo, e succede. Solo Sainz e Leclerc passano in tempo sotto il traguardo, tutti gli altri restano esclusi. Così Leclerc mantiene la pole davanti a Hamilton, Bottas e Vettel. Ricciardo e Hulkenberg sono quinto e sesto davanti a Sainz, Albon, Stroll e Raikkonen. Ma potrebbero esserci provvedimenti. 

Segue la classifica in attesa di aggiornamenti.



Condividi